Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Grotte de l'Hermite, Grotte de Saint-Michel d’Eau Douce e Grotte de l'Ours da Callelongue

Grotte de l'Hermite, Grotte de Saint-Michel d’Eau Douce e Grotte de ...

04-04-2004
Callelongue (0) – Grotte de l’Hermite (200) – Grotte de Saint-Michel d’Eau Douce (230) – Grotte de l’Ours (230) – Callelongue (0).
3,2 Km. circa facendo lo stesso percorso A\R come abbiamo fatto noi, ma sicuramente sarebbe più interessante fare il ritorno per il Pas de la Demi-Lune, a patto di non soffrire di vertigini.
250 m. circa.
Erika e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
a distanza di quasi vent’anni ricordo solo che il punto più difficile era l’accesso alla Grotte de l’Hermite, per quanto ricordo senza appigli, per il resto sicuramente qualche tratto EE (per escursionisti esperti, presso le grotte. Per quanto riguarda la percorrenza delle grotte è semplice per la parte che siamo limitati noi, anche se casco e lampade sono sicuramente necessarie.
Da Genova a Ventimiglia su autostrada A10, quindi si continua sempre in autostrada (A8) in Francia seguendo per Marsiglia, fino al bivio con l’A52 (segnalazioni Marseille Est – Aubagne), che imbocchiamo. Troviamo quindi un nuovo bivio, dove teniamo la sinistra (A 501 - Marseille Centre – Aubagne), lasciando a destra la A52 per Toulon. Proseguiamo quindi fino al termine dell’autostrada, dove ci teniamo a sinistra (uscita 1, Centre Ville – Vieux Port). Usciti dall’autostrada prendiamo a sinistra per Lodi, Castellane, Sainte Marguerite e Mazargue, trovandoci subito in una rotonda, dove imbocchiamo la seconda uscita in Avenue Arthur Scott (indicato toutes les directions) per arrivare ad una nuova rotonda, dove prendiamo nuovamente la seconda uscita in Chemin de l’Argile, con il quale arriviamo ad incrociare il Boulevard Rabateau, che imbocchiamo verso destra. Dopo poco il Boulevard si biforca e noi seguiamo il ramo di destra, quindi continuiamo a seguire il Boulevard fino alla successiva rotonda, dove proseguiamo dritti in Avenue du Prado, che seguiamo fino alla successiva rotonda, dove prendiamo a destra Avenue Pierre Mendes France. Con avenue Pierre Medes France arriviamo quindi ad una nuova rotonda, dove proseguiamo dritti iniziando a seguire le segnalazioni per Les Goudes, nostra destinazione. Proseguiamo quindi sempre dritti lungo il mare, fino a svoltare, come da indicazioni, a sinistra in Boulevard Beaurivage, e, quindi, a destra, in Avenue de la Madrague de Montredon, che seguiamo lungamente, e che poi diventa Chemin des Goudes, sul quale proseguiamo, seguendo sempre la costa. Superiamo quindi il villagio di Les Goudes ed, in vista di Callelongue, parcheggiamo sulla destra.
dal parcheggio a Callelongue si continua su strada asfaltata fino all’inizio dei sentieri, dove prendiamo quello di sinistra, lasciando a destra quello segnato in biancorosso che percorre la costa, Passiamo quindi sulla destra di un ristorante e superata una sbarra, prendiamo il sentiero sulla destra con il quale giungiamo sotto alla Grotta dell’Hermite. Risaliamo quindi con prudenza il ripido e levigato sentiero d’accesso e visitiamo quindi la grotta che ha un andamento rettilineo. Visitata la grotta riscendiamo il sentiero di accesso e quindi prendiamo a destra, superando in discesa un ripido masso e quindi giriamo lo spigolo delle pareti e iniziamo a percorrere il lato ovest delle pareti alla base della Rocher de Saint-Michel d’Eau Douce, raggiungendo subito l’omonima grotta. Visitiamo quindi la grotta dirigendoci sulla sinistra della sala iniziale troviamo una serie di passaggi che ci portano al piano superiore caratterizzato da una grande colonna verde. Da qua ci si può affacciare sul pozzo che da accesso alla sottostante Salle Gothique, più facilmente accessibile pare attraverso un cunicolo sulla destra della sala iniziale, ma non abbiamo avuto occasione di verificare. Visitata quindi la grotta si prosegue brevemente fino alla successiva ed evidente Grotte de l’Ours. Visitiamo anche questa grotta seguendone l’andamento rettilineo e senza grossi problemi di percorrenza, arrivando fino ad un passaggio quasi circolare un po’ più stretto, che permette l’accesso ad un’ultima sala. Il ritorno avviene per la stessa via.
più belli i panorami che le grotte in se stesse, anche se quella di Saint-Michel presenterebbe una seconda parte concrezionata, la Salle Gothique, che, non abbiamo visitato, essendo necessario superare un pozzo, a posteriori abbiamo saputo che è possibile raggiungere la predetta sala, tramite un cunicolo sulla destra, ma non è detto sia facile individuarlo. Consigliabile in ogni caso compiere un anello per il ritorno e non fare avanti ed indietro come abbiamo fatto noi, per esempio passando dal Pas de la Demi-Lune (a patto di non soffrire di vertigini), anche così comunque i panorami sono di prim’ordine come quasi dappertutto nei calanques…
04-04-2004
Callelongue (0) – Grotte de l’Hermite (200) – Grotte de Saint-Michel d’Eau Douce (230) – Grotte de l’Ours (230) – Callelongue (0).
3,2 Km. circa facendo lo stesso percorso A\R come abbiamo fatto noi, ma sicuramente sarebbe più interessante fare il ritorno per il Pas de la Demi-Lune, a patto di non soffrire di vertigini.
250 m. circa.
Erika e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Grotte de l'Hermite, Grotte de Saint-Michel d’Eau Douce e Grotte de l'Ours da Callelongue