Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Oeil de Verre e Cheminée du Diable anello da Luminy

Oeil de Verre e Cheminée du Diable anello da Luminy

11-05-2023
Luminy (140) – Col Sugiton (225) – Pas de l’Oeil de Verre (100) – Cheminée du Diable (330) – Col de la Candelle (430) – Luminy (140).
12,3 Km circa.
650 m. circa.
Silvia e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
E, per escursionisti medi, fino alla salita all’Oeil de Verre. La salita all’Oeil de Verre è EEA, per escursionisti esperti attrezzati, meglio assicurarsi con imbrago e set da ferrata, data la notevole esposizione dei passaggi, seppur abbastanza facili. La salita successiva nella Val Vierge, fino allo Cheminée du Diable è EE, per escursionisti esperti, e presenta nell’ultima parte vari passaggi di arrampicata di I grado, semplici e non molto esposti, ma il Cheminée du Diable è invece decisamente più impegnativo e anche parecchio esposto: si tratta innanzitutto di individuare la via migliore di salita, che non è così evidente, salito il primo pezzo che si può fare tramite una spaccatura sulla destra, o alla sinistra della stessa, invece di traversare a destra come sembrano suggerire i segnavia, abbiamo proseguito dritto su facili gradini, per poi traversare a sinistra con un passo più difficile per raggiungere una cengia esposta, che attraversata con attenzione, permette di arrivare alla cima del caminetto, dove finiscono le difficoltà. Tutto il resto è E.
da Genova in A10 fino a Ventimiglia, quindi si continua sull’A8 in francia, fino al bivio con l’A57 per Tolone, che imbocchiamo e continuiamo quindi fino all’uscita per Cassis. Da Cassis ci dirigiamo verso il Col de la Gineste e Marsiglia. Scendiamo quindi dal Colle verso Marsiglia ed imbocchiamo a sinistra per l’Università di Luminy. Giunti nei pressi dell’Università seguiamo le indicazioni per Sugiton, arrivando quindi ad un ampio parcheggio dove lasciamo la macchina.
dal parcheggio raggiungiamo la sterrata sbarrata in direzione sud, con la quale inizia il sentiero per il Col Sugiton. Proseguiamo quindi per la sterrata principale per 1,2 Km. circa, per trovarci ad un incrocio, dove lasciamo a sinistra il sentiero sui cui torneremo, e ad destra una sterrata contornata da paletti, mentre noi continuiamo al centro ancora sulla sterrata principale. Dopo 550 metri arriviamo quindi al piatto Col Sugiton, dove a destra si diparte la sterrata per il Belvedere, mentre noi continuiamo ancora al centro su sterrata diretta al Calanque di Sugiton. Percorsi altri 350 metri sulla sterrata, la lasciamo a destra, per continuare dritti su sentiero. Dopo altri 470 metri arriviamo ad un nuovo trivio, a destra si scende per ripido sentiero al Calanque di Sugiton, a sinistra vi è il sentiero che sale verso il Col de la Candelle, mentre noi prendiamo il sentiero al centro. Percorrendo il nuovo sentiero è possibile tenersi sulla destra, un poco fuori dello stesso, per avere belle viste sul Calanque di Sugiton, viste che comunque più avanti si avranno dal sentiero stesso. Dopo poco più di 500 dal trivio possiamo notare sulla destra un bivio non segnalato verso un belvedere, riconoscibile a distanza come una terrazza alberata, verso il quale decidiamo di fare una breve deviazione. Raggiunto il meritevole belvedere risaliamo, non molto in verità, al sentiero principale, che riprendiamo a seguire verso destra. Il sentiero prosegue molto panoramico e senza grossi dislivelli, fino ad un bivio, dove prendiamo a destra per scendere verso la scogliera della Leque. Arriviamo però solo a pochi metri dal mare, ci fermiamo in effetti presso una paretina di qualche metro da disarrampicare ed attrezzato con uno spit, scoraggiati dal forte vento che rende difficile l’equilibrio, torniamo quindi sui nostri passi fino alla prima deviazione a destra (una traccia su pietraia), che consente di risalire al sentiero principale, che imbocchiamo verso destra. Il sentiero scende ore fin quasi al mare, presso il Calanque de Saint-Jean de Dieu, da dove inizia a risalire ripidamente, fino a giungere alla parete attrezzata che porta all’Oeil de Verre. Si risale quindi con staffe e catene fino al caratteristico occhio ed ancora sopra, fino ad arrivare ad un più facile sentiero. Da qui seguiamo il sentiero sempre in direzione nord, in teoria vi sono varie deviazioni a destra e a sinistra, ma noi non le abbiamo notate, occorre comunque appunto seguire sempre la direzione nord e tenere presente che l’uscita dalle alte pareti rocciose che ci circondano si trova in alto a sinistra in un canalino già intuibile dal basso. Avvicinandosi appunto a tale canalino il sentiero diventa via via più ripido e richiede l’uso delle mani in vari passaggi di I grado, fino ad arrivare al più difficile Cheminée du Diable, che va affrontato come descritto nelle difficoltà. Passato il caminetto si sale più facilmente fino ad un risalto roccioso sulla sinistra, che immette sul sentiero segnato, che imbocchiamo verso sinistra. Saliamo quindi, seguendo ora i segnavia biancorossi (ma anche di altri colori) fino al Col de la Candelle. Dal Col iniziamo a scendere sulla destra, sempre seguendo i segni biancorossi. Dopo un lungo tratto in falsopiano, il sentiero segnato in biancorosso curva a sinistra ed inizia a scendere ripidamente fino ad arrivare ad un incrocio, dove prendiamo a destra. Dopo poco meno di 600 metri giungiamo ad incrociare una sterrata, che imbocchiamo verso sinistra. Seguiamo quindi la sterrata per circa 600 metri, quindi ne tagliamo un tornante con una scorciatoia, ma invece di riprendere la sterrata, continuiamo dritti su sentiero, sentiero che ci porta ad un incrocio, dove ignoriamo sentieri e sterrate a destra ed a sinistra per proseguire ancora dritti fino a raggiungere la sterrata dell’andata, che imbocchiamo verso destra, giungendo in poco più di un Km. al parcheggio.
fantastici panorami sul Calanque di Sugiton e Cap Morgiou lungo gran parte del percorso, un po’ meno interessante la zona dell’Oeil de Verre e del Cheminèe du Diable, forse più famosi per le difficoltà che presentano, piuttosto che per i panorami, che pur non essendo certo disprezzabili, non sono all’altezza del resto del percorso.
11-05-2023
Luminy (140) – Col Sugiton (225) – Pas de l’Oeil de Verre (100) – Cheminée du Diable (330) – Col de la Candelle (430) – Luminy (140).
12,3 Km circa.
650 m. circa.
Silvia e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Oeil de Verre e Cheminée du Diable anello da Luminy