Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Sommet Ouest Homme Mort anello per Col du Podestat e de la Gallinette da Callelongue

Sommet Ouest Homme Mort anello per Col du Podestat e de la Gallinette ...

Percorso Inedito
12-05-2023
Callelongue (25) – Grotte de la Poulidette (0) – Calanque Podestat (25) – Col du Podestat (290) – Tour Carrée des Walkyries (370) – Pas Superieur de la Melette (385) – Sommet Ouest Homme Mort (374) – Pas de la Selle (270) – Col de la Gallinette (150) – Col du Semaphore (65) – Callelongue (25).
12,2 Km. circa.
700 m. circa.
Silvia e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
EE, per escursionisti esperti la visita alla Grotta della Poulidette, che nescessità di un po’ di equilibrismo per non bagnarsi i piedi, mentre la risalita al sentiero principale è ripida e scivolosa su pietraia instabile. EE anche la risalita fino al Col du Podestat dall’omonimo Calanque, in quanto su pietraia assai ripida, percorsa da tracce non sempre evidentissime. Tutto il resto E, per escursionisti medi, a parte un singolo passaggio in discesa verso il Pas de la Selle, che necessita l’uso delle mani in una paretina di un paio di metri.
Da Genova a Ventimiglia su autostrada A10, quindi si continua sempre in autostrada (A8) in Francia seguendo per Marsiglia, fino al bivio con l’A52 (segnalazioni Marseille Est – Aubagne), che imbocchiamo. Troviamo quindi un nuovo bivio, dove teniamo la sinistra (A501 - Marseille Centre – Aubagne), lasciando a destra la A52 per Toulon. Proseguiamo quindi fino al termine dell’autostrada, dove ci teniamo a sinistra (uscita 1, Centre Ville – Vieux Port). Usciti dall’autostrada prendiamo a sinistra per Lodi, Castellane, Sainte Marguerite e Mazargue, trovandoci subito in una rotonda, dove imbocchiamo la seconda uscita in Avenue Arthur Scott (indicato toutes les directions) per arrivare ad una nuova rotonda, dove prendiamo nuovamente la seconda uscita in Chemin de l’Argile, con il quale arriviamo ad incrociare il Boulevard Rabateau, che imbocchiamo verso destra. Dopo poco il Boulevard si biforca e noi seguiamo il ramo di destra, quindi continuiamo a seguire il Boulevard fino alla successiva rotonda, dove proseguiamo dritti in Avenue du Prado, che seguiamo fino alla successiva rotonda, dove prendiamo a destra Avenue Pierre Mendes France. Con avenue Pierre Mendes France arriviamo quindi ad una nuova rotonda, dove proseguiamo dritti iniziando a seguire le segnalazioni per Les Goudes e Callelongue. Proseguiamo quindi sempre dritti lungo il mare, fino a svoltare, come da indicazioni, a sinistra in Boulevard Beaurivage, e, quindi, a destra, in Avenue de la Madrague de Montredon, che seguiamo lungamente, e che poi diventa Chemin des Goudes, sul quale proseguiamo, seguendo sempre la costa. Giunti quindi in vista delle case del villaggio di Les Goudes continuiamo ancora fino a Callelongue, dove parcheggiamo nell’ultimo parcheggio prima del divieto di transito.
dal parcheggio continuiamo su asfalto raggiungendo prima una rotonda e quindi arrivando al termine della strada, dove lasciamo a sinistra Avenue des Pebrons, per giungere quindi ad un nuovo bivio: a sinistra il sentiero segnato da cui torneremo, mentre noi prendiamo a destra costeggiando il lato sinistro del Calanque di Callelongue. Al termine della banchina cementata inizia un sentiero che compiendo un tornante porta sul soprastante sentiero principale, ma noi proseguiamo invece lungo la costa, più o meno liberamente o seguendo varie tracce ivi presenti. Seguendo la costa passiamo quindi due insenature per poi notare una specie di piscina naturale presso la quale ci dirigiamo. La piscina naturale si trova all’imboccatura di un canale tra le roccie, una specie di piccolo canyon, che, percorso in discesa, ci porta all’imbocco della grotta marina de la Poulidette, nella quale ci possiamo addentrare qualche metro senza bagnarci. Usciti dalla grotta occorre risalire la scogliera per qualche metro fino a trovare un passaggio che permette di superare il crepaccio roccioso che ci separa dalla prosecuzione della scogliera. Trovato il passaggio proseguiamo su una cengia ascendente e quindi imbocchiamo a sinistra un ripido canalino detritico che risalito porta al sentiero segnato, che imbocchiamo verso destra. Seguiamo quindi il sentiero segnato in biancorosso che si mantiene sulla costa, passando presso vari calanques: prima quello piccolo e stretto de la Mounine, poi quello di Marseilleveyre, riconoscibile per le case, quindi Queyrons ed infine Podestat. Giunti al Calanque di Podestat lo costeggiamo dall’alto e, poco oltre la metà del Calanque, troviamo un sentierino sulla sinistra (a dire il vero non tanto riconoscibile, né segnalato), che inizia a salire ripidamente. Seguendo il nuovo sentiero troviamo qualche sbiadito segno verde, nonché qualche ometto, che ci guidano prima attraverso qualche saltino di roccia e poi per ripide pietraie fino al Col du Podestat, dove continuiamo a salire verso destra, ora su sentiero meno ripido e più agevole. Poco prima di giungere al crinale, notiamo una traccetta sulla destra che ci consente di raggiungere un crinale laterale, veramente molto panoramico. Dal crinale una traccetta verso destra compie un anello con magnifici panorami, vale la pena di effettuarlo. Compiuto l’anello, invece di tornare al sentiero principale sulla sinistra, continuiamo dritti per raggiungere la vicina vetta della Tour Carrée des Walkyries. Dalla cima ci dirigiamo a sinistra fino a ritrovare il sentiero segnato, che seguiamo verso destra, giungendo così in breve al Pas Superieur de la Melette, dove prendiamo il sentiero a sinistra, con il quale giungiamo facilmente in vetta alla Sommet Ouest de l’Homme Mort. Dalla vetta scendiamo sull’altro versante fino a raggiungere il Pas de la Selle, dove prendiamo a sinistra in discesa. Dopo poco meno di 200 metri, troviamo un bivio, dove imbocchiamo a destra il sentiero giallo, lasciando a sinistra il verde diretto a Marseilleveyre. Col sentiero giallo giungiamo dunque fino al Col de la Gallinette, poco prima del quale ignoriamo un bivio sulla sinistra. Al Colle prendiamo a destra, giungendo in breve in fondovalle, dove lasciamo a sinistra il sentiero verde che scende verso il calanque de la Mounine, per prendere invece a destra il sentiero giallo, che passa a sinistra delle pareti, dove troviamo due grotticelle (la prima con due entrate). Percorriamo quindi il sentiero giallo che dopo un primo tratto in salita si mantiene lungamente in quota, prima di scendere al Col du Semaphore, dove prendiamo a destra, scendendo in breve a Callelongue, da dove raggiungiamo il parcheggio.
probabilmente una delle escursioni più belle fattibili nei Calanques, che unisce al bellissimo e panoramico percorso di costa dell’andata (con ciliegina sulla torta la visita alla Grotte Poulidette, veramente magnifica), le magnifiche viste che si godono dalla Tour des Walkyries e dal Passo della Melette.
Percorso Inedito
12-05-2023
Callelongue (25) – Grotte de la Poulidette (0) – Calanque Podestat (25) – Col du Podestat (290) – Tour Carrée des Walkyries (370) – Pas Superieur de la Melette (385) – Sommet Ouest Homme Mort (374) – Pas de la Selle (270) – Col de la Gallinette (150) – Col du Semaphore (65) – Callelongue (25).
12,2 Km. circa.
700 m. circa.
Silvia e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Sommet Ouest Homme Mort anello per Col du Podestat e de la Gallinette da Callelongue