Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Zezziggiola e Punta Bianca anello per il Monte Murlo da Zanego

Zezziggiola e Punta Bianca anello per il Monte Murlo da Zanego

Percorso Inedito
26-02-2017
Zanego (220) – Zezziggiola (0) – Cala Marola (0) – Montemarcello (260) – Monte Murlo (345) – Zanego (220).
12 Km. Circa.
700 m. circa.
Piera, Stefs, Gianni e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
EE, per escursionisti esperti, la discesa agli scogli bianchi sul sentiero per Cala Marola, su sentiero stretto, a salti, ed esposto nella parte finale sugli scogli, EE anche la scogliera verso Cala Marola, anche se più semplice (in realtà non abbiamo avuto tempo di andarci, ma ho visto chiaramente il sentiero e non mi pare ci siano grandi difficoltà). Tutto il resto E, per escursionisti medi, tranne la discesa a Cala Zezziggiola, che merita un discorso a parte; ll sentiero, fino a quota 50 circa, è ripido e non chiarissimo, ma non presenta particolari difficoltà, se non quella di seguire il percorso corretto, giunti però alla frana il discorso cambia parecchio: uno spit in loco consente di fare sicura con una corda (ce ne vogliono una cinquantina di metri) per scendere la frana, ma, nonostante questo, la discesa resta assai difficile e pericolosa, tanto da consigliare l’uso di casco, discensore e\o cordini per eseguire nodi autobloccanti sulla corda, nonché di scendere uno per volta, aspettando in luogo sicuro e riparato il proprio turno. Noi nell’occasione avevamo solo la corda e non è stata semplice né la discesa, né la risalita, forse con cordini e\o discensore la cosa sarebbe risultata più semplice, ma, in ogni caso non mi sento di dare una valutazione inferiore al PD (alpinistico poco difficile), magari non appropriata, perché scendere una frana non è propriamente alpinismo, ma credo comunque possa dare l’idea della difficoltà e pericolosità della cosa.
da Genova fino all’uscita di Sarzana in autostrada (possibile in alternativa uscire a Spezia e seguire le indicazioni per Lerici, ma costa leggermente di più l’autostrada, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, ed è più lungo), quindi attraversiamo subito il fiume Magra e prendiamo a sinistra giungendo a Romito Magra. A Romito Magra prendiamo sulla destra la SP331 per Lerici e in località Guercio imbocchiamo a sinistra la SP28 che seguiamo oltrepassando prima la località La Serra e quindi giungiamo in località Zanego, passiamo i cartelli indicanti l’inizio del territorio comunale di Ameglia, e, 100 metri dopo, superiamo un primo tornante, quindi, dopo 1,1 Km, giungiamo a un secondo tornante sulla destra e, subito dopo (250 metri circa), al tornante successivo, parcheggiamo in uno slargo all’interno dello stesso.
dal parcheggio proseguiamo sull’asfalto verso est per una sessantina di metri e prendiamo quindi il sentiero segnato sulla destra in discesa alla sinistra di un recinto. Dopo poco più di 100 metri una grossa N rossa su un masso indica l’inizio del sentiero per la Zezziggiola, che imbocchiamo quindi sulla destra, individuandolo con qualche difficoltà. Si scende quindi facendo attenzione ai rari ometti e ai segni di vernice di vari colori, non comunque sempre facilmente individuabili. A quota 80 circa il sentiero raggiunge una zona meno ripida, dove occorre fare attenzione per individuarne la prosecuzione: in questo punto in effetti il sentiero piega decisamente a destra (ovest) e prosegue traversando fino a raggiungere una grande frana a quota 50 circa. Qui troviamo uno spit a cui assicurare una corda di almeno 50 metri che ci permette di raggiungere, non senza difficoltà l’arenile. Giunti alla spiaggia possiamo esplorarla verso ovest, visitando un arco naturale e la successiva grotta. Torniamo quindi sui nostri passi fino alla N Rossa e imbocchiamo il sentiero segnato verso destra. Dopo poco più di un Km. incrociamo il sentiero in discesa da Montemarcello per Punta Corvo e proseguiamo invece dritti verso Punta Bianca. Altri 700 metri circa di sentiero e lasciamo quindi a sinistra una nuova deviazione per Montemarcello, proseguendo invece sempre verso Punta Bianca; passato il predetto bivio il sentiero inizia a perdere quota, più ripidamente dopo un breve risalita, per giungere quindi intorno a quota 60 al bivio per Cala Marola. Imbocchiamo quindi a destra tale bivio, che, dopo 50 metri circa, si biforca: a sinistra scende ripidamente verso le rocce bianche che danno il nome alla vicina Punta Bianca, mentre a destra traversa in piano dirigendosi verso Cala Marola. Merita indubbiamente fare entrambe le deviazioni, noi nell’occasione, avendo perso molto tempo per la Zezziggiola, ci siamo limitati a scendere alle scogliere bianche e a fare poi una breve puntata al panoramico scoglio nero (breve deviazione a sinistra prima di imboccare la scogliera che porta in circa 200 metri a Cala Marola.), per tornare quindi indietro al sentiero segnato. Riprendiamo quindi il sentiero per Punta Bianca trovando subito un bivio a destra, che dobbiamo ignorare (sentiero chiuso e non praticabile) e, quindi, giungere, dopo 300 metri circa, al bivio per Punta Bianca sulla destra. Nell’occasione ignoriamo il bivio (descritto in un’altra escursione), per proseguire verso Bocca di Magra. Dopo 250 metri dal bivio giungiamo sull’asfalto e percorriamo la strada per circa 600 metri, per prendere poi a sinistra il sentiro in salita verso Montemarcello. Giunti al paese lo attraversiamo giungendo poi ad incrociare l’asfalto di via Cristoforo Colombo che imbocchiamo verso destra percorrendola per circa 230 metri, dove troviamo un bivio a destra in discesa (segnato in biancorosso per il Monte Murlo), che imbocchiamo. Il sentiero scende qualche decina di metri e quindi riincrocia l’asfalto, che imbocchiamo verso destra, per riprendere quindi subito il sentiero per il Monte Murlo sulla sinistra. Dopo 500 metri incrociamo un sentiero, ma noi continuiamo invece dritti per l’ormai vicino Monte Murlo. Dopo neanche 150 metri in effetti incrociamo un nuovo sentiero che imbocchiamo verso destra, giungendo in pochi metri sulla poco appariscente e piatta sommità del monte, visitata la quale invertiamo marcia e seguiamo in discesa il sentiero per Zanego poco prima incrociato. In breve, ignorando un bivio a sinistra, e quindi uno a destra, giungiamo nuovamente all’asfalto, che imbocchiamo brevemente verso destra per imboccare un sentiero che, in 30 metri, ci porta ad incrociarne un altro; imbocchiamo il nuovo sentiero verso sinistra (volendo possiamo proseguire dritti per pochi metri per visitare un bel prato panoramico sulle isole) e in poco più di 200 metri giungiamo per l’ennesima volta sull’asfalto, che seguiamo verso destra, giungendo in 180 metri circa al parcheggio.
splendido giro che porta a visitare alcune tra le più belle spiagge\scogliere della liguria, la stupenda Zezziggiola e le suggestive e quasi irreali scogliere bianche di Punta Bianca, nonché la bella Cala Marola, oltre a questo poi bei panorami nella zona di Bocca di Magra e sulle isole di Portovenere lungo tutto il percorso; infine il caratteristico borgo di Montemarcello e la possibilità di ampliare il giro con le discese a Punta Bianca e Punta Corvo, da non perdere, ma neanche da sottovalutare, la discesa a Cala Zezziggiola può essere in effetti affrontata, nelle condizioni attuali, solo da escursioni veramente esperti ed attrezzati.
Percorso Inedito
26-02-2017
Zanego (220) – Zezziggiola (0) – Cala Marola (0) – Montemarcello (260) – Monte Murlo (345) – Zanego (220).
12 Km. Circa.
700 m. circa.
Piera, Stefs, Gianni e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Zezziggiola e Punta Bianca anello per il Monte Murlo da Zanego