Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Spiaggia della Valletta anello da Moneglia

Spiaggia della Valletta anello da Moneglia

Percorso Inedito
22-11-2004
Stazione Moneglia (10) – Spiaggia della Valletta (0) – Stazione Moneglia (10).
5 Km. circa.
500 m. circa.
Erika, Federica, Laura, Andrea, Gloria, Pino, Simonetta, Matteo, Andrea e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
EE per escursionisti esperti il sentiero 3 Bolli Rossi per la spiaggia della Valletta, stretto ed un po’ ripido nella parte finale. F (alpinistico facile), la risalita dalla valletta per il Paretone, sentiero che presenta alcuni saltini di I grado e un po’ di infrascamento nella parte bassa, il che rende il percorso più complicato. Infine F+ (alpinistico facile superiore) la discesa alla spiaggetta della Valletta, che richiede di disarrampicare un masso di un 5 o 6 metri con passaggi tra il I ed il II grado, utile una corda in discesa.
da Genova a Sestri Levante in autostrada A12, quindi, subito dopo il casello, alla prima rotonda si prosegue dritti (seconda uscita) e si arriva subito a una seconda rotonda, dove si prende a sinistra seguendo le indicazioni per Moneglia. Dopo 900 metri giriamo quindi a sinistra, sempre seguendo per Moneglia, superiamo un primo semaforo che dà accesso a uno stretto e corto tunnel e quindi arriviamo al semaforo delle gallerie di Moneglia (che diventa verde 3 volte ogni ora: minuti 15, 35 e 55). Attraversiamo quindi le gallerie e sbuchiamo a Moneglia. Usciti dalle gallerie prendiamo quindi a sinistra, per poi prendere ancora a sinistra (Via Bollo) per la stazione, dove parcheggiamo.
dal parcheggio scendiamo a ritroso lungo via Bollo, fino ad individuare sulla destra la scalinata da cui inizia il sentiero segnato per Riva Trigoso, che imbocchiamo. In breve arriviamo ad un piccolo parcheggio in corrispondenza dell’Hotel Edera (parcheggio che può essere un punto di partenza alternativo ed è raggiungibile tramite una deviazione a destra, in corrispondenza di quella per un campeggio, in un’apertura nell’ultima parte delle gallerie). Dal parcheggio continuiamo su strada asfaltata in ripida salita per circa 500 metri, fino ad individuare a sinistra un sentiero segnato da due bolli blu e, credo, anche da un cartello, imbocchiamo quindi tale sentiero. Seguiamo quindi i quadri blu e dopo poco meno di 500 metri possiamo notare una deviazione a sinistra in discesa, che scende al sottostante campeggio, ma noi continuiamo invece a seguire i quadri blu, che in altri 500 metri si immettono sul sentiero segnato tre bolli rossi, che imbocchiamo verso sinistra in discesa. Dopo poco più di 200 metri, appena passato un rudere, troviamo a sinistra, non riconoscibilissimo e non segnato, il bivio per il paretone, ma noi proseguiamo a destra sui 3 bolli rossi, lasciando il Paretone per la salita, senso in cui dovrebbe risultare più semplice. Dopo 240 metri circa il sentiero affronta una piccola scarpata in cui può essere necessario usare le mani, ed è qui, da sinistra, che si riimmette il sentiero proveniente dal Paretone. Scendiamo quindi la breve scarpata e continuiamo sul sentiero fino a giungere alle scogliere. Qui è possibile continuare dritti, facilmente, ma espostamente, su una lama di roccia a picco sul mare da ambo i lati, ma comunque larga e facile (ma chi soffre di vertigini avrà problemi). Superati questi pochi metri esposti si raggiunge una scaletta metallica (aggiunta di recente), che permette di scendere alla sottostante piatta scogliera, che volendo possiamo percorrere fino all’estremità, punto dal quale ci accorgiamo che il faraglione a forma di torre che caratterizza la caletta ove siamo, è formato in realtà da due faraglioni che si toccano appena, formando quindi una finestra naturale. Esplorata la scogliera torniamo sui nostri passi per pochi metri ed imbocchiamo un sentierino stretto sulla sinistra, appena sotto il sentiero principale, che consente di accedere all’alveo, di solito asciutto, del torrente. Dall’alveo si dovrebbe poter scendere alla sottostante spiaggetta (inagibile in caso di mare mosso) tramite un grosso masso in disarrampicata (utile una corda), ma la situazione può variare in quanto le piene del torrente hanno sconvolto più volte la situazione e la via di discesa. Esplorata la spiaggetta ritorniamo sui nostri passi fino al bivio presso la scarpata nominata in precedenza e prendiamo a destra il sentiero del paretone, che sale con alcuni salti in cui usare le mani presso il ciglio della scogliera, per poi piegare a sinistra e giungere quindi sul ciglio del paretone da cui i climber si calano per poi scalare la grande parete. Da qui il sentiero diventa più evidente ed in breve ci immettiamo sui 3 bolli rossi che seguiamo in salita, ignorando la deviazione con cui siamo arrivati all’andata (quadri blu), per arrivare quindi ad un crocevia a quota 250 metri circa, Qui prendiamo a destra il sentiero segnato per Moneglia che scende nel bosco e quindi arriva all’asfalto, che seguiamo in discesa e, dopo 100 metri, ci ritroviamo sui nostri passi, che seguiamo fino al parcheggio.
La spiaggia della Valletta è una delle più belle della liguria e qui descrivo il modo escursionistico più breve per raggiungerla (possibile anche raggiungerla più brevemente attraverso una galleria di servizio delle Gallerie di Moneglia. Per variare un poco il percorso ho descritto due itinerari diversi tra andata e ritorno, ma cambia comunque poco, che il pezzo forte rimane la spiaggetta e la scogliera adiacente, ma certo il sentiero per la via del Paretone è più interessante, oltrechè decisamente più impegnativo.
Percorso Inedito
22-11-2004
Stazione Moneglia (10) – Spiaggia della Valletta (0) – Stazione Moneglia (10).
5 Km. circa.
500 m. circa.
Erika, Federica, Laura, Andrea, Gloria, Pino, Simonetta, Matteo, Andrea e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Spiaggia della Valletta anello da Moneglia