Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Punta Crena anello per Sentiero del Pellegrino e Aurelia da Noli

Punta Crena anello per Sentiero del Pellegrino e Aurelia da Noli

Percorso Inedito
09-04-2016
Noli (0) – Eremo d’Albertis (100) – Caverna Falsari (70) – Capo Noli (255) – Torre delle Streghe (225) – Chiesa San Lorenzo (50) – Torre Punta Crena (70) – Strada Aurelia fino a Noli (0).
12 Km. circa tornando dall’Aurelia.
450 m. circa tornando dall’Aurelia.
Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
diciamo tutto E (per escursionisti medi), anche la variante panoramica per salire a Capo Noli, pur stretta e a tratti ripida, non presenta vere e proprie difficoltà, anche se necessita di un minimo di attenzione data la mancanza di segnavia e la vicinanza con le pareti precipiti. EE (per escursionisti esperti) invece la discesa alla spiaggia di Punta Crena, che presenta due passaggi ostici, uno non attrezzato (recentemente attrezzato anche questo) di circa due metri, ma su rocce abbastanza lisce e verticali, e il successivo di 10 metri, attrezzato con corde, ma comunque decisamente impegnativo, sul quale non è male fare ulteriore sicurezza a chi abbia problemi imbragandosi e scendendo poi sulla corda con discensore (in questo caso bisogna portarsi una corda propria) e/o autobloccanti.
da Genova in autostrada fino a Spotorno, quindi all’uscita si prende a destra e si scende verso il mare fino all’Aurelia, che si segue in direzione ovest fino a Noli. Si attraversa quindi Noli e si volta a destra in Via del Collegio e, quindi, nella piazza immediatamente a sinistra, dove ci sono ampie possibilità di parcheggio, sia strisce bianche, che più numerose strisce blu, gratis però, mi pare, fino al primo di maggio.
all’estremità sud della piazza imbocchiamo via XXV aprile, dove cominciano altresì i segnavia e vi è un pannello indicatore dei vari percorsi possibili. Giungiamo quindi prima a un punto panoramico e poi lasciamo a destra il bivio per Il Sentiero Amico, per giungere quindi in breve ai ruderi del Lazzareto, da quale, con una breve deviazione sulla destra , possiamo anche raggiungere i resti della Chiesa di San Lazzaro. Ottanta metri dopo incontriamo un bivio, dove prendendo a destra si arriva prima, ma con un percorso molto meno interessante, a Capo Noli, ci riserviamo quindi questo sentiero per il ritorno e prendiamo a sinistra seguendo le indicazioni per la passeggiata Dantesca. Duecento metri dopo questo bivio incontriamo una deviazione a sinistra che scende all’Aurelia e che può costituire un alternativo punto di partenza, sempre che troviamo aperto il cancello alla fine della stessa. Quattrocento metri dopo questo bivio ci troviamo presso i ruderi della Chiesa di Santa Margherita, qui è possibile, proseguendo dritti invece di seguire il sentiero segnato che svolta a destra, visitare il panoramico Eremo del Capitano d’Albertis, posto a picco sulla scogliera. Dai resti dell’Eremo, presso il quale un tavolino e sedie in pietra possono rendere più comoda un’eventuale sosta, si continua per la traccia che riporta sul sentiero segnato, 85 metri circa più avanti di dove l’abbiamo lasciato; da qui percorriamo meno di 200 metri e ci troviamo al bivio (segnalato) per la Caverna dei Falsari. Per visitare la Caverna occorre scendere 60 metri circa di dislivello, e quindi risalirli al ritorno, ma almeno chi non la conosce non può fare a meno, secondo me, di rendere visita a questo posto stupendo. Tornati dalla visita alla Grotta riprendiamo a percorrere la sterrata verso Capo Noli e dopo poco più di 300 metri incontriamo un primo tornante verso sinistra e, dopo ulteriori 100 metri, un secondo verso destra; qui è assolutamente consigliabile lasciare la sterrata rimontando la facile scarpata sulla sinistra per poco più di un metro di altezza, trovando così una traccia che procede parallela, e all’inizio abbastanza vicina, alla sottostante sterrata, offrendo però panorami molto migliori: in più punti infatti ci troviamo sul bordo delle precipiti falesie di Capo Noli con magnifica e vertiginosa vista. La traccia quindi, dopo, dopo aver costeggiato il bordo della falesie, si dirige verso l’ultima parete che ci separa dalla vetta di Capo Noli: qui il sentiero costeggerebbe la parete lasciandola a sinistra, ma è meglio invece dirigersi verso un piccolo canyon nella parete stessa che permette di passare facilmente dall’altra parte.e ricongiungersi col sentiero; qui è presente anche un piccolo arco naturale e il passaggio è altamente suggestivo. Dopo poco da qui giungiamo sulla vetta di Capo Noli da cui si ammira un magnifico e precipite panorama e proseguiamo quindi costeggiando alla meglio la recinzione della Caserma dei carabinieri fino al suo termine, sbucando quindi nuovamente sul sentiero segnato che avevamo lasciato. Procediamo quindi sulla sterrata, magari facendo una breve deviazione a una terrazza panoramica sulla sinistra, per circa 150 metri dal cancello della caserma e quindi svoltiamo a sinistra sul sentiero verso Varigotti e Punta Crena. Dopo poco meno di 300 metri possiamo imboccare la deviazione segnalata sulla destra che consente di visitare la Torre delle Streghe e quindi proseguire verso ovest per ricollegarsi in breve al sentiero principale. Altri 200 metri di sentiero e in corrispondenza di una brusca svolta a destra, quasi un tornante, si può procedere dritti fino ad un punto panoramico a picco sul mare e quindi ritornare al sentiero verso Varigotti. Dopo ulteriori 600 metri troviamo un’analoga curva a destra dove è presente un’analoga deviazione per un analogo panorama…. Si inizia poi a scendere più ripidamente fino a giungere al curioso coloratissimo monumento detto il Mausoleo dell’Australiano, poco dopo il quale, troviamo sulla sinistra il bivio per la Chiesa di San Lorenzo, purtroppo quasi sempre chiusa, ma in panoramica posizione. Visitata la Chiesa, quantomeno all’esterno, riprendiamo la discesa giungendo in breve a una stradina asfaltata che imboccata verso sinistra ci porta in una cinquantina di metri all’inizio del sentiero che sale verso la Torre di Punta Crena. Imbocchiamo tale sentiero e giungiamo quindi alla panoramicissima torre (che ultimamente abbiamo trovato aperta, dando quindi la possibilità, tramite due scale, di salire alla panoramicissima terrazza in cima); volendo si può anche scavalcare la staccionata che delimita lo spazio antistante la torre per scendere con prudenza qualche metro fino a godere di un precipite panorama sulla sottostante e bellissima spiaggia di Punta Crena (tale spiaggia è raggiungibile tramite una deviazione sulla sinistra dal sentiero di salita alla Torre in corrispondenza di una piccola edicola votiva, ma il percorso è riservato ad escursionisti esperti perché presenta un salto di roccia di oltre 10 metri, seppur attrezzato con corde fisse). Per il ritorno la via più breve sarebbe tornare per l’Aurelia (come indicato nella traccia GPS), tra l’altro in questo tratto tra i quarzi rosa di Capo Noli molta bella e panoramica, ma indubbiamente anche molto trafficata, in alternativa invece, come indicato nella traccia GPS in blu, si può tornare sui propri passi fino al bivio per la Chiesa di San Lorenzo, quindi, poco più avanti, imboccare un sentiero a sinistra e con questo arrivare fino a Capo Noli, dove si può imboccare la seconda alternativa, percorrendo un tratto di sterrata in discesa, per abbandonarla quindi subito dopo il primo tornante, per imboccare un sentiero a sinistra che riporta a poco prima del Lazzareto, da cui si ritorna per il percorso dell’andata.
Gita tutta molto piacevole e panoramica, impreziosita poi dalla visita all’imperdibile Caverna dei Falsari, uno spettacolo della natura. La variante in bordo falesia alla noiosa sterrata di Capo Noli rende poi il giro decisamente più interessante, come anche la salita alla Torre di Punta Crena e, volendo, anche la discesa alla Spiaggia, sicuramente una delle più belle della liguria, anche se frequentata abitualmente da gruppi di nudisti.
Percorso Inedito
09-04-2016
Noli (0) – Eremo d’Albertis (100) – Caverna Falsari (70) – Capo Noli (255) – Torre delle Streghe (225) – Chiesa San Lorenzo (50) – Torre Punta Crena (70) – Strada Aurelia fino a Noli (0).
12 Km. circa tornando dall’Aurelia.
450 m. circa tornando dall’Aurelia.
Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Punta Crena anello per Sentiero del Pellegrino e Aurelia da Noli