Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Manarola per la Via Beccara e le Grotte di don Fresco da Riomaggiore

Manarola per la Via Beccara e le Grotte di don Fresco da Riomaggiore

Percorso Inedito
27-12-2015
Riomaggiore (195) – Ponte Ruffinale (40) – Via Beccara – Manarola (0) – Via Beccara – Grotte di Don Fresco (120) – Ponte Ruffinale (40) – Riomaggiore (195).
9 Km. circa.
650 metri circa.
Laura, Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Indubbiamente la via Beccara è stata parecchio sistemata da quando è chiusa la Via dell’Amore, prima non ci passava nessuno e il sentiero era indubbiamente più infrascato e stretto, ed era sicuramente un EE, per escursionisti esperti, adesso siamo al limite, soprattutto la discesa verso Manarola è ancora ripida, ma direi che rimaniamo ancora nell’ambito dell’E, per escursionisti medi. La breve deviazione per la visita alle Grotte di Don Fresco è comunque impegnativa perché notevolmente infrascata e per le difficoltà necessarie al superamento di due cancelli che sbarrano la strada in nome di una proprietà privata in realtà non sussistente, come precisatomi da gente del posto.
Da Genova a La Spezia in autostrada A12, quindi bisogna attraversare la città seguendo le indicazioni per Cinque Terre e Portovenere. Passiamo quindi per via Carducci, quindi Viale Italia, Via Amendola e infine Viale Fieschi, dove abbandoniamo le segnalazioni per Portovenere e giriamo a destra al semaforo seguendo invece quelle per le Cinque Terre e Riomaggiore. Seguiamo quindi per 10 Km. circa la strada delle cinque terre e al bivio per Riomaggiore prendiamo a destra per tale località seguendo le indicazioni e, dopo poco meno di 300 metri, parcheggiamo in uno slargo sulla destra.
dal parcheggio si scende lungo la strada asfaltata, si supera un tornante con bella vista sulle isole di Portovenere, e, subito dopo il cimitero, si prende a sinistra una scalinata in discesa (Via di Loca) segnata in biancorosso. Si prosegue quindi seguendo i segnavia e le indicazioni per la Via dell’Amore fino a giungere ad un tunnel che percorriamo. Superato il tunnel giungiamo quindi in breve alla stazione, dove lasciamo la direzione verso la Via dell’Amore (attualmente comunque chiusa) per prendere a destra Via Signorini. Seguiamo detta via, superando un tornante, per circa duecento metri e quindi la abbandoniamo (80 metri circa dopo il tornante) per prendere a sinistra una traccia che subito gira ancora a sinistra per dirigersi in direzione opposta (nord) alla strada che stavamo percorrendo. Proseguiamo quindi in detta direzione per circa 200 metri fino a giungere ad un piccolo ponte sul Rio Ruffinale, che imbocchiamo sulla sinistra (presenti comunque segnalazioni biancorosse e indicazioni per Manarola). Passato il ponte iniziano le ripide scalinate che ci portano a risalire la Costa Corniolo. Saliamo quindi fino a circa quota 240, sempre seguendo i segnavia e le indicazioni per Manarola, e quindi iniziamo a scendere l’altro versante fino a giungere a Manarola. Giunti a Manarola proseguiamo seguendo i segnavia biancorossi del sentiero 2, volendo fino al cancello che impedisce attualmente di proseguire fino a Corniglia, causa frane; noi ci siamo fermati in vista dii tale cancello sul molo a sinistra, dove abbiamo mangiato, per poi tornare indietro per la stessa strada, ripercorrendo la Via Beccara in salita. Iniziamo quindi a scendere, lungo il percorso dell’andata, verso Riomaggiore. Giunti quindi a quota 120 circa, in corrispondenza di un cancello sulla sinistra recante la minacciosa scritta “recinto elettrico”, ci fermiamo per cercare, immediatamente alla sinistra di questo, un varco nella fittissima vegetazione; con un po’ di fantasia si può intuire un sentierino (attualmente è presente anche una striscia di nylon biancorosso) che gira subito leggermente a destra per poi proseguire parallelo e immediatamente sotto la fascia a cui impedisce l’accesso il predetto cancello. Dopo pochi metri si trova comunque una griglia metallica recante un divieto di accesso per proprietà privata (cosa non vera a detta degli abitanti della zona) che si supera passandovi a sinistra non senza difficoltà. Ancora pochi metri e troviamo una seconda griglia recante le stesse scritte e che blocca l’accesso a una scalinata in discesa. Superiamo quindi anche questa, con qualche difficoltà in meno della precedente, e scendiamo la scalinata, alla base della quale, sulla destra, troviamo le suggestive Grotte di don Fresco. Visitate le grotte torniamo sui nostri passi fino a via Signorini a Riomaggiore, che imbocchiamo sulla sinistra (percorrendone così il tratto che avevamo saltato all’andata). Dopo 75 metri comunque la lasciamo per prendere a sinistra, trovandoci così al cospetto del castello, e quindi subito nuovamente a sinistra in via Pecunia, con la quale sbuchiamo dopo pochi metri in via De Gasperi che imbocchiamo verso destra per seguirla per circa 2 Km. fino al parcheggio.
“L’addomesticata” e affollatissima Via dell’Amore resta comunque, a mio parere, il più bel sentiero, oltre che nettamente il più veloce, per andare da Riomaggiore a Manarola, ma la Via Beccara è sicuramente una valida alternativa, anche se, a parte le Grotte di Don Fresco, che meritano un discorso a parte, i panorami migliori si hanno prima e dopo l’inizio di tale via… Indubbiamente la cosa migliore sarebbe poter fare un anello che comprenda entrambe (Amore e Beccara), ma attualmente ciò non è possibile, pare almeno fino al 2017, data prevista per la riapertura della Via dell’Amore. Come dicevo i panorami migliori si hanno dall’asfalto che conduce dal parcheggio a Riomaggiore e sono indubbiamente mozzafiato sia verso est che verso ovest, permettendo di abbracciare tutta la costa da Punta mesco da una parte, a ll’Isola del Tinetto dall’altra e poi a Manarola, con la celeberrima veduta della case variopinte a picco sul mare. Nel resto del percorso si ha qualche bella veduta sul mare e su Manarola dall’alto, ma il pezzo forte è indubbiamente costituito dalle particolari e suggestive Grotte di Don Fresco, riccamente e sapientemente incise e scolpite dall’Eremita, che le ha rese un vero e proprio gioiellino, che pochi purtroppo, o per fortuna, conoscono.
Percorso Inedito
27-12-2015
Riomaggiore (195) – Ponte Ruffinale (40) – Via Beccara – Manarola (0) – Via Beccara – Grotte di Don Fresco (120) – Ponte Ruffinale (40) – Riomaggiore (195).
9 Km. circa.
650 metri circa.
Laura, Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Manarola per la Via Beccara e le Grotte di don Fresco da Riomaggiore