Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Monte Croce (o Brun) e Lago Verde anello da Saint Jacques

Monte Croce (o Brun) e Lago Verde anello da Saint Jacques

Percorso Inedito
24-10-2021
Saint Jacques (1700) – Drole (1775) – Croues (1870) – Alpe Nannaz Inferiore (2060) – Alpe Tournalin Inferiore (2275) – Rifugio Tournalin (2550) – Colle Croce (2800) – Monte Croce (2895) – Colle Croce (2800) – Lago Verde (2735) – Colle Croce (2800) – Laghi Croce (2600) – Colletto Nana (2660) – Croues (1870) – Drole (1775) – Saint Jacques (1700).
14,8 Km. circa.
1350 m. circa.
Em, Maury76, Ivonne e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
E (per escursionisti medi), pur con qualche attenzione nella discesa al Lago Verde se in presenza di neve come abbiamo trovato noi, fino al Colletto di Nana, quindi EE (per escursionisti esperti) la ripida e stretta discesa (leggermente esposta in qualche punto) che presenta anche un breve tratto ripido e franato dove occorre aiutarsi con le mani e quindi un breve tratto infrascato nel bosco dove la traccia non è granchè visibile, tutto il resto E.
Da Genova con l’A10 fino a Voltri, dove si prende l’A26 (Alessandria-Torino) e la si segue fino a poco oltre Casale Monferrato, dove si prende per Santhià e Aosta e si prosegue fino ad Ivrea, dove si continua sulla Aosta-Torino (A5) fino all’uscita di Verres, da dove imbocchiamo la Val d’Ayas seguendo le indicazioni stradali. Percorriamo quindi la Val d’Ayas fino a Brusson, poi Champoluc, ed infine Saint Jacques, dove parcheggiamo sulla destra nello spiazzo subito prima della chiesa (parcheggio che forse in estate necessita di disco orario e che quindi non è usufruibile, in tal caso occorre trovare posti più in basso).
dal parcheggio torniamo su asfalto e lo seguiamo in salita verso nord per una quarantina di metri e quindi prendiamo il ponte a sinistra, subito dopo il quale imbocchiamo il sentiero sulla destra (cartelli per Rifugio Grand Tournalin). Giungiamo quindi subito ad attraversare un gruppo di case, dove pieghiamo verso sinistra raggiungendo in breve il nucleo abitato di Drole, come da cartello. Continuiamo quindi verso sud per raggiungere la borgata successiva di Croues (anche qui cartelli che la indicano), dove troviamo un bivio: a sinistra dritti il percorso dell’andata, a destra il percorso da cui proverremo al ritorno. Saliamo quindi su sentiero per circa 400 metri per sbucare dunque su sterrata, che seguiamo per qualche metro verso sinistra fino a raggiungere un ponte, prima del quale prendiamo il sentiero a destra che sale nel bosco fino a sbucare all’Alpe Nannaz Inferiore (indicata anche da cartelli). Qui noi abbiamo fatto una deviazione indietro di poco meno di 300 metri, paralleli al sentiero da cui siamo saliti, per visitare un piccolo laghetto da qui visibile in lontananza, deviazione che comunque ha aggiunto poco e non consiglierei particolarmente di effettuare, anche se non si scende granchè e si aggiungono solo 500 metri circa. Proseguendo invece dall’Alpe Nannaz seguiamo il sentiero 1 verso sinistra, pressochè in piano, ignorando un paio di deviazioni a destra, quindi attraversiamo il torrente di Nana e prendiamo a destra seguendo sempre il sentiero 1. Saliamo quindi paralleli e sulla sinistra del Torrente di Nana, ignorando un bivio a sinistra per il sentiero 3F, e proseguendo quindi ancora paralleli (in realtà noi abbiamo fatto una breve deviazione a destra per visitare un palude che comunque non ci è sembrata interessante) fino a giungere ad un ponte, che attraversiamo, per poi continuare a proseguire paralleli al torrente, ma sull’altra sponda. Si giunge quindi in vista dell’Alpe Tournalin Inferiore, alla quale saliamo in breve deviando a destra dal torrente. Giunti all’Alpe Tournalin continuiamo a salire sulla sinistra delle malghe, seguendo per il Rifugio Tournalin, che raggiungiamo dopo oltre 1 Km di salita su dossi erbosi. Giunti a rifugio, qualche metro prima dello stesso, prendiamo una traccetta a destra che traversa pressochè in piano fino a raggiungere un lago, purtroppo nell’occasione quasi asciutto. Dal lago tagliamo quindi verso sinistra in diagonale fino a ricongiungerci con il sentiero segnato che saliva dal Rifugio e che imbocchiamo verso destra. Proseguiamo quindi passando a sinistra dei Laghi Croce che visitermo al ritorno ed iniziamo quindi la ripida salita verso il Colle Croce. Raggiunto il Colle, seguendo la traccia verso destra, in breve arriviamo sulla panoramica vetta. Dalla vetta riscendiamo sui nostri passi fino al colle, quindi scendiamo a destra sul sentiero che va al sottostante Lago Verde, che merita una visita. Dal Lago torniamo quindi al colle e scendiamo sui nostri passi fino al bivio per i Laghi Croce, in effetti non molto evidente, ma si può scendere ai laghi più o meno liberamente per prati. Giunti ai laghi risaliamo su chiara traccia fino al soprastante Colletto di Nana, dal quale un chiaro sentiero scende ripidamente sull’altro versante. Scendiamo quindi la ripida traccia, affrontando con prudenza un tratto franato, fino a raggiungere una sterrata, che imbocchiamo verso destra per una ventina di metri per poi scendere a sinistra nel bosco su traccia quasi invisibile ed ostacolata da alcuni alberi caduti, passati i quali la traccia si riesce a vedere un po’ di più. Si tratta in ogni caso di scendere il bosco in direzione est per giungere ad una ampia radura con alpeggio, già visibile da sopra (in alternativa è anche posibile seguire la sterrata in direzione opposta fino a trovare un sentiero che scende a destra che porta comunque verso Croues anche se con percorso più lungo): Dall’alpeggio in questione si prosegue verso destra e quindi a sinistra al successivo bivio, giungendo così in breve a Croues, da dove torniamo sul percorso dell’andata.
Stupendo il Lago Verde con i suoi colori e il Monterosa che si specchia, bello anche il Lago Croce maggiore, mentre gli altri laghi quasi asciutti hanno tolto sicuramente un poco alla bellezza della gita, notevole infine anche il panorama di vetta su Monterosa e Cervino. Gita quindi indubbiamente piacevole e consigliabile e senza grosse difficoltà, adatta quindi in particolare alle mezze stagioni.
Percorso Inedito
24-10-2021
Saint Jacques (1700) – Drole (1775) – Croues (1870) – Alpe Nannaz Inferiore (2060) – Alpe Tournalin Inferiore (2275) – Rifugio Tournalin (2550) – Colle Croce (2800) – Monte Croce (2895) – Colle Croce (2800) – Lago Verde (2735) – Colle Croce (2800) – Laghi Croce (2600) – Colletto Nana (2660) – Croues (1870) – Drole (1775) – Saint Jacques (1700).
14,8 Km. circa.
1350 m. circa.
Em, Maury76, Ivonne e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Monte Croce (o Brun) e Lago Verde anello da Saint Jacques