Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Corno Bussola e Punta del Lago anello da Estoul

Corno Bussola e Punta del Lago anello da Estoul

16-08-2018
Estoul (1870) – Alpe Palasina (2440) – Lago della Battaglia (2495) – Lago Pocia (2520) – Lago Lungo (2630) – Colletto Bussola (2800) – Corno Bussola (3020) – Punta del Lago (2820) – Colle Palasina (2680) – Lago Couloir (2620) – Lago Verde (2495) – Lago della Battaglia (2495) - Alpe Palasina (2440) – Lago Literan (2245) – Estoul (1870).
18,2 Km circa.
1250 m. circa.
Maury76 (Fino in cima) e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Due brevi tratti attrezzati, uno subito dopo il Colletto Bussola e uno salendo a Punta del Lago, entrambe semplici e senza problemi, tanto che l’attrezzatura è quasi superflua, per il resto tutto E.
Da Genova con l’A10 fino a Voltri, dove si prende l’A26 (Alessandria-Torino) e la si segue fino a poco oltre Casale Monferrato, dove si prende per Santhià e Aosta e si prosegue fino ad Ivrea, dove si continua sulla Aosta-Torino (A5) fino all’uscita di Verres, da dove imbocchiamo la Val d’Ayas seguendo le indicazioni stradali. Percorriamo la Val d’Ayas fino a Brusson, dove voltiamo a destra seguendo le indicazioni per Estoul, dove lasciamo la macchina nell’apposito grande parcheggio.
dal parcheggio imbocchiamo la sterrata sulla sinistra della strada con cartelli indicanti i sentieri per il Rifugio Arp e il Lago Literan, e, dopo 50 metri, lasciamo a destra il sentiero 5D per Moucheroulaz, continuano dritti sulla sterrata. Dopo 450 metri incontriamo una fonte e, subito dopo, un bivio, dove continuiamo dritti, lasciando a destra la carrareccia per il Rifugio Arp (come da cartello): Proseguiamo quindi per 100 metri sulla sterrata e, quindi, giriamo a destra su sentiero, lasciando a sinistra la strada e, dopo ulteriori 200 metri, ci troviamo ad un nuovo bivio: a sinistra i sentieri 5 e 6, a destra 6a e 6b, come segnalato su una pietra; prendiamo quindi a sinistra, lasciando a destra i sentieri diretti ai Laghi di Estoul, e, dopo 250 metri circa, ritorniamo sulla sterrata abbandonata in precedenza e che imbocchiamo verso sinistra in salita. Dopo 170 metri di sterrata ci troviamo ad un nuovo bivio dove dobbiamo prendere a destra in salita, tagliando dritto sulla sinistra dei tornanti della sterrata, lasciando comunque a sinistra un’altra sterrata diretta a Case Palasina. Saliamo quindi sulla ripida scorciatoia e ci riimmettiamo sulla sterrata a quota 2090 circa, per percorrre poi sulla stessa un tratto in falsopiano che ci porta al piccolo nucleo abitato di Chavannes, superato il quale troviamo un nuovo bivio fra più sterrate, tra le quali noi dobbiamo prendere quella più a destra o, volendo, seguire una traccia parallela ancora più a destra; seguendo la traccia tagliamo anche il successivo tornante della sterrata e, quindi, torniamo a percorrerla per oltre 300 metri, dove notiamo a destra, su altra sterrata, il bivio per il vicino Lago Literan (che abbiamo poi visitato al ritorno); lasciando quindi per il ritorno la deviazione per il Lago Literan, proseguiamo dritti sulla sterrata per oltre 900 metri, fino a giungere ad un bivio segnalato con cartelli, dove a destra si va al Rifugio Arp, mentre noi prendiamo a sinistra per i Laghi Palasina. La nuova sterrata che stiamo percorrendo può e deve essere tagliata, seguendo i segnavia, che permettono di risparmiare parecchia strada, giungendo così più brevemente, a 2370 m. circa di quota, ad un nuovo bivio segnalato su una pietra, dove prendiamo dritti a sinistra (segnalazioni (5 e 5a), lasciando a destra i sentieri 3b e 3c che compiono un giro più largo e, così facendo, giungiamo in breve all’Alpe Palasina Superiore. Superata quindi l’ultima costruzione dell’alpeggio saliamo in breve al primo dei Laghi Palasina (volendo si può salire sull’elevazione a sinistra subito prima del lago per vederlo dall’alto e anche per visitare un’ulteriore lago che, altrimenti, rimane celato; in questo caso dalla cima dell’elevazione occorre tornare un po’ indietro verso l’Alpe Palasina per raggiungerlo), il Lago Battaglia. Costeggiamo quindi sulla destra il Lago Battaglia.e sulla sinistra il prospiciente Lago Verde, e al successivo e vicino bivio prendiamo a sinistra per il Corno Bussola, lasciando a destra il sentiero per il Colle Palasina dal quale torneremo. Saliamo quindi al Lago Pocia che costeggiamo quindi a destra, per poi continuare a salire sul sentiero che ci porta nei pressi del Lago Lungo. Continuando la salita, per avere una migliore vista del bel lago, possiamo salire la cresta di ripide dune, in parte erbose e in parte rocciose, sulla destra del sentiero, per poi ricollegarsi allo stesso più in alto. Raggiunto quindi nuovamente il sentiero, giungiamo in breve al Colletto Bussola a circa 2800 di quota, dal quale prendiamo a destra giungendo in breve ad un salto di roccia che si supera facilmente, volendo con l’ausilio di staffe metalliche. Proseguiamo quindi sul sentiero che diventa ora più roccioso e ripido e ai prati si sostituiscono gli sfasciumi per giungere quindi, a quota 2940 circa, ormai a pochi metri dalla vetta, al bivio sulla destra col sentiero 3d, che percorremo al ritorno, mentre noi continuiamo a sinistra sul 3c fino in vetta. Dalla croce di vetta è possibile raggiungere la vera vetta dirigendosi a destra e aggirando il salto di roccia sulla sinistra. Riscendiamo quindi fino al bivio poco sotto la vetta e prendiamo a sinistra il sentiero 3d e iniziamo a percorrere la cresta verso la Punta del Lago. La bella cresta, sempre panoramica sui laghi, ci porta quindi alle pendici dell’evidente Punta del Lago, di cui risaliamo il versante ovest aiutati anche da alcune attrezzature (corde e staffe) e poi continuiamo in cengia, comoda o esposta, sempre aiutati da corde fisse, fino a raggiungere il crinale prativo, dal quale con una breve deviazione verso sinistra, possiamo raggiungere la cima. Riprendiamo quindi a percorrere la cresta e giungiamo quindi in vista del Colle Palasina, al quale possiamo scendere seguendo il sentiero che fa un ampio giro, o direttamente per prati come abbiamo fatto noi. Dal Colle scendiamo poi a destra al Lago Couloir, dal quale poi continuiamo a scendere fino al Lago Verde e al Lago Battaglia, dove prendiamo a ritroso il sentiero dell’andata, che seguiamo fino alla macchina, magari facendo una breve deviazione al Lago Literan, come descritto in precedenza.
ero già stato due volte al Corno Bussola e la consideravo una delle più belle, se non la più bella, escursione fattibile in Valdaosta per gli stupendi Laghi Palasina, unici per forma e colori, nonché per il bel panorama sul Rosa e sul Cervino, la gita di oggi, nonostante il tempo non molto bello, ha rafforzato ancora di più questa mia opinione, grazie alla stupenda e panoramicissima cresta tra il Corno Bussola, la Punta del Lago e il Colle Palasina che nelle altre occasioni non avevo avuto occasione di percorrere, ma che ho trovato assolutamente imperdibile e ancora meglio del resto della gita. Un’escursione alla portata di tutti e assolutamente da non perdere!
16-08-2018
Estoul (1870) – Alpe Palasina (2440) – Lago della Battaglia (2495) – Lago Pocia (2520) – Lago Lungo (2630) – Colletto Bussola (2800) – Corno Bussola (3020) – Punta del Lago (2820) – Colle Palasina (2680) – Lago Couloir (2620) – Lago Verde (2495) – Lago della Battaglia (2495) - Alpe Palasina (2440) – Lago Literan (2245) – Estoul (1870).
18,2 Km circa.
1250 m. circa.
Maury76 (Fino in cima) e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Corno Bussola e Punta del Lago anello da Estoul