Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Monte Cornizzolo, Rai, Sasso Malascarpa e San Pietro al Monte anello da Gajum

Monte Cornizzolo, Rai, Sasso Malascarpa e San Pietro al Monte anello ...

13-05-2017
Gajum (495) – Chiesetta Alpini (1105) – San Pietro al Monte (650) – Rifugio Consigliere (1085) – Monte Cornizzolo (1225) – Monte Rai (1250) – Bocchetta San Miro (1180) – Sasso Malascarpa (1198) – Colma di Val Ravella (955) - Rifugio Terz’Alpe (785) – Gajum (495).
17 Km. Circa.
1400 m. circa.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
tutto E, per escursionisti medi, tranne la breve arrampicata di un paio di metri alla vetta del Sasso Malascarpa, da valutarsi F, alpinistico facile, più per l’esposizione che la difficoltà. Da notare poi che il guado iniziale, in condizione di piena come l’ho trovato io richiede di mettere i piedi in acqua per poter passare.
Da Genova in autostrada fino a Milano, superato il casello si prende la tangenziale ovest (quella più a destra) fino ad incrociare la A4 (Milano – Venezia), che si imbocca e si segue fino a Cinisello Balsamo, dove si prende la Superstrada (SS36) che si segue fino all’uscita di Cesana, Suello, Oggiono. All’uscita prendiamo a sinistra per Cesana Brianza, giunti quindi a Cesana, prendiamo a destra per Eupilio e quindi ancora a destra per Canzo. A Canzo imbocchiamo quindi via Gajum, che percorriamo fino ai parcheggi.
dal parcheggio continuiamo sulla strada acciotolata, superando subito la sbarra di chiusura della strada e dopo poco meno di 500 metri ci troviamo ad un bivio: prendiamo quindi a destra il sentiero 7, che guada subito il Torrente Ravella (guado difficile in condizioni di piena, occorre passare nell’acqua togliendosi scarpe e calze) e iniziamo a salire ndl bosco fino a giungere, a quota 980 circa, ad un bivio; qui prendiamo a sinistra, lasciando a destra un sentiero con indicazioni per il Cornizzolo. Cinquecento metri dopo il bivio arriviamo quindi sul crinale, dove in posizione panoramica troviamo la Chiesetta degli Alpini. Qui imbocchiamo la strada asfaltata verso destra e la seguiamo in discesa passando sotto il Monte Cornizzolo. Dopo cinquecento metri circa di asfalto abbandoniamo la strada per prendere a sinistra un sentiero segnato in discesa tra i prati. Dopo 200 metri lasciamo a destra il sentiero per Suello e continuiamo dritti sul sentiero 11, seguendo le indicazioni per San Pietro al Monte. Dopo circa 1,5 Km di discesa, a quota 630 circa, prendiamo a sinistra per San Pietro al Monte e, in circa 500 metri arriviamo alla bellissima basilica. Visitata la basilica, riprendiamo il sentiero che abbiamo lasciato, iniziando a salire verso il Rifugio S.E.C. Consigliere, lasciando a destra una deviazione per la Val Porta. Dopo 1,5 Km di risalita giungiamo al Rifugio e, quindi, imbocchiamo la stradina asfaltata verso destra. Procediamo quindi sull’asfalto o, preferibilmente, su un sentierino a destra sul crinale, giungendo così alla base del Monte Rai, qui ci allontaniamo dalla strada asfaltata e saliamo sulla panoramica vetta. Dalla vetta lasciamo il crinale per scendere a sinistra e giungere quindi in breve alla Bocchetta San Miro e quindi arrivare alla sottostante carrareccia, che imbocchiamo verso destra. La strada sale fino ai ripetitori del Monte Prasanto, quindi scende brevemente alla particolare formazione calcarea del Sasso Malascarpa: si tratta di una bastionata calcarea formate da blocchi sovrapposti divisa in due dal sentiero che stiamo percorrendo. La bastionata di destra è la più alta e ne possiamo raggiungere la sommità aggirandola sulla sinistra e quindi arrampicando un paio di metri nel punto più basso. Visitato il Sasso Malascarpa riprendiamo il sentiero diretto alla Colma di Val Ravella, imboccando dopo pochi metri una deviazione a destra che ci porta ad una piazzola panoramica sui campi solcati sottostanti il Monte Prasanto. Torniamo quindi dalla piazzola e riprendiamo a percorrere il sentiero verso la Colma, che raggiungiamo dopo un lungo percorso di cresta. Alla Colma prendiamo a sinistra in discesa verso il Rifugio Terz’Alpe. A quota 785 circa giungiamo quindi al Rifugio Terz’Alpe, e continuiamo quindi a scendere nel bosco su un sentiero che corre parallelo al torrente Ravella e anzi lo scavalca più volte, grazie a numerosi ponticelli. Giungiamo così al punto in cui avevamo guadato il torrente all’andata e proseguiamo dritti fino al non distante parcheggio.
il percorso da me effettuato somma in effetti due gite in una, essendo sceso e salito da due versanti diversi, col senno di poi direi che è molto meglio partire direttamente dal versante di Civate (da Suello per esempio), tralasciando quello di Gajum che non è altrettanto interessante. Il versante di Gajum infatti offre un bel percorso a fianco al torrente Ravella, ma praticamente nient’altro, mentre sul versante di Civate troviamo la stupenda Basilica di San Pietro al Monte, che già da sola vale la gita, e il panoramicissimo sentiero 11, sempre aperto con vista Laghi e Monti. Molto bello poi anche il panoramico percorso di crinale tra il Cornizzolo e il Rai e interessante l’emergenza del Sasso Malascarpa e dei sottostanti campi solcati, ai quali mi riprometto di scendere prima o poi, imboccando il sentiero in discesa dal monte Prasanto, che, nell’occasione, non ho avuto tempo di salire.
13-05-2017
Gajum (495) – Chiesetta Alpini (1105) – San Pietro al Monte (650) – Rifugio Consigliere (1085) – Monte Cornizzolo (1225) – Monte Rai (1250) – Bocchetta San Miro (1180) – Sasso Malascarpa (1198) – Colma di Val Ravella (955) - Rifugio Terz’Alpe (785) – Gajum (495).
17 Km. Circa.
1400 m. circa.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Monte Cornizzolo, Rai, Sasso Malascarpa e San Pietro al Monte anello da Gajum