Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Monti Aiga e Pebrun anello per i Laghi Morgon e Laussets da Ferrere

Monti Aiga e Pebrun anello per i Laghi Morgon e Laussets da Ferrere

Percorso Inedito
07-10-2017
Ferrere (1995) – Gias Colombart (2255) – Bassa Colombart (2460) – Colle Puriac (2500) – Monte Pebrun (2800) – Passo Gorgia Grossa (2730) - Monte Aiga (2830) – Passo Gorgia Lunga (2740) – Laghi Morgon (2470) – Laghi Laussets (2410) – Laghi Morgon (2470) – Colle Puriac (2500) – Bassa Colombart (2460) – Gias Colombart (2255) – Ferrere (1995).
22,9 Km. circa.
1200 m. circa.
Em, Claudio e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
direi tutto E, per escursionisti medi, qualche difficoltà di orientamento (evitare in caso di nebbia se non si è muniti di GPS) per assenza di traccia chiara in cresta e nel ritorno verso il Colle del Puriac. Qualche breve tratto un poco più accidentato nei pressi del Passo Gorgia Lunga che potrebbe anche essere considerato EE.
Da Genova a Savona con l’A10, quindi con la Savona-Torino fino a Mondovì. Da Mondovì si segue per Cuneo e, poco prima di entrarvi, si svolta a sinistra per Borgo San Dalmazzo. A Borgo San Dalmazzo si prende a destra per Demonte, dove si arriva dopo una quindicina di Km.; si prosegue quindi verso il colle della Maddalena e, giunti a Bersezio, si prende a sinistra per Ferrere. Poco prima di scendere in paese vi è un bivio dove occorre prendere a destra e fare pochi metri di sterrata fino ad uno slargo, dove si parcheggia.
dal parcheggio si continua lungamente su sterrata giungendo così al Gias Colombart a quota 2260 circa. Qui troviamo un bivio e prendiamo la sterrata che piega decisamente a sinistra raggiungendo così, in circa 200 metri, il sentiero proveniente da Ferrere paese, che imbocchiamo svoltando decisamente a destra, sempre su sterrata. Quattrocento metri dopo, quando la sterrata piega a destra, la lasciamo per continuare dritti su sentiero fino alla Bassa di Colombart, dove ci ricongiungiamo con la sterrata. Seguiamo quindi la sterrata per circa 750 metri giungendo quindi al Colle del Puriac, dove imbocchiamo, senza traccia, la cresta sulla sinistra. Volendo possiamo evitare il primo ripido rilievo aggirandolo sulla sinistra e quindi piegare a destra per raggiungere nuovamente la cresta, sulla quale ora la traccia è segnata da ometti di pietra. Dopo quasi due Km. di cresta arriviamo in vetta al Monte Pebrun, quindi toccatene anche la vicina seconda vetta, iniziamo a scendere verso il Passo di Gorgia Grossa, che in breve raggiungiamo. Dal Passo saliamo sul successivo Monte Aiga che, superando un dislivello di circa 100 metri, raggiungiamo senza difficoltà. Scendiamo quindi anche dal Monte Aiga raggiungendo in breve la forcella denominata Passo di Gorgia Lunga a quota 2745 circa, forcella non proprio evidentissima non trovandosi sullo spartiacque principale, ma invece interamente in territorio francese. Dal Passo si scende seguendo gli ometti in discesa verso destra (altri traversano il successivo ghiaione pressoche in piano per poi risalire al Colle di Bal) che portano a raggiungere, a quota 2580 circa, il primo e più alto dei Laghi Morgon. Costeggiamo quindi il lago sulla destra e seguiamo gli ometti (ve ne sono parecchi anche in tracce diverse, ma scendono tutti verso i successivi Laghi Morgon) scendendo per circa 100 metri di dislivello fino al primo dei successivi Laghi Morgon, al quale seguono vicini altri due più piccoli. Proseguiamo quindi in leggera discesa fino ad un successivo e un poco più distante Lago Morgon, vicino al quale vi sono alcuni laghetti minori, ma che nell’occasione abbiamo trovato in secca. Proseguiamo quindi seguendo sempre gli ometti di pietra per un paio di centinaia di metri, perdendo anche qualche decina di metri di quota, fino a raggiungere i successivi laghi Laussets (che nell’occasione erano 3, ma in altre stagioni potrebbero risultare anche qualcuno in più). Visitati anche i Laghi Laussets torniamo sui nostri passi fino ai primi due Laghi Morgon a quota 2470 circa (non considerando quindi quello posto cento metri più in alto) e nello spazio tra i due laghi in questione, prendiamo a sinistra, passando sotto la liscia parete incombente di una roccia montonata; qui troviamo una traccia abbastanza chiara in direzione nord, a tratti segnata con ometti. La traccia, dopo un primo pezzo pressochè in piano, inizia a scendere lungo un ripido costone erboso per poco più di 100 metri di dislivello. Si giunge così a quota 2370 circa e, dopo un tratto in piano, iniziamo a risalire verso il Colle del Puriac in direzione nord- nord-ovest. Durante la salita incontriamo un ulteriore laghetto, passato il quale raggiungiamo in circa 450 metri il sentiero segnato proveniente da Camp des Fourches, che imbocchiamo verso destra, giungendo in breve al Colle del Puriac. Dal Colle il ritorno può avvenire per la stessa via dell’andata, oppure, come abbiamo fatto noi nell’occasione, tornati alla Bassa Colombart, si può continuare sulla sterrata, magari abbreviandola con qualche scorciatoia, per poi comunque ritornare sulla strada dell’andata dal Gias Colombart in poi.
stupendi i Laghi Morgon e Laussets, valgono da soli la gita, interessante comunque tutto il percorso, sempre aperto e panoramico, non solo sulla cresta, e con belle viste sulla cerchia di monti circostanti, tutti di spiccata personalità, dall’Enchastraye alla Rocca 3 Vescovi, alla Cima delle Lose, Cima del Bal, Bonnet Carrè e così via.
Percorso Inedito
07-10-2017
Ferrere (1995) – Gias Colombart (2255) – Bassa Colombart (2460) – Colle Puriac (2500) – Monte Pebrun (2800) – Passo Gorgia Grossa (2730) - Monte Aiga (2830) – Passo Gorgia Lunga (2740) – Laghi Morgon (2470) – Laghi Laussets (2410) – Laghi Morgon (2470) – Colle Puriac (2500) – Bassa Colombart (2460) – Gias Colombart (2255) – Ferrere (1995).
22,9 Km. circa.
1200 m. circa.
Em, Claudio e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Monti Aiga e Pebrun anello per i Laghi Morgon e Laussets da Ferrere