Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Archi del Vallon di Groà dalle Gorges du Paganin

Archi del Vallon di Groà dalle Gorges du Paganin

Percorso Inedito
26-03-2011
Gorges du Paganin (550) – vista grande arco Vallon di Groà (725) e ritorno.
5,2 Km. circa.
200 m. circa.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Leggi il racconto
E, per escursionisti medi, ma siamo al limite del T (per turisti) in quanto non ci sono difficoltà ed il percorso è breve.
da Genova a Ventimiglia con la A10, quindi si prosegue seguendo le indicazioni per la Val Roya e si giunge prima a Breil sur Roya e quindi a Fontan. 4,8 Km dopo Fontan si trova un largo spiazzo per parcheggiare sulla destra, proprio di fronte a una grotta nella parete (a 2 metri da terra) subito sopra la strada sulla sinistra. Il posto è riconoscibile anche per le condotte idroelettriche visibili sul versante destro (idrografico e quindi a sinistra) della valle.
Dal parcheggio si torna indietro meno di 100 metri lungo la strada asfaltata per trovare un cartello che indica di attraversare il sottostante ponte (non molto invitante a dire il vero…) per il Vallon di Groà. Il sentiero porta a un primo bivio sulla destra per Fontan, mentre occorre proseguire a sinistra per il Vallon di Groà, come indicato. Neanche 100 metri dopo questo bivio se ne trova uno successivo, questa volta non indicato, dove occorre tralasciare la sterrata soprastante sulla destra e prendere il sentiero a sinistra (ometto di pietra e classici segni gialli come per tutti i sentieri francesi). Dopo poco più di 400 metri un nuovo bivio sulla sinistra porta verso Saint-Dalmas de Tende, si prosegue invece dritti a destra e dopo poco si incomincia a intravvedere il primo arco. Si continua quindi fino ad arrivare in un punto dove si ha una magnifica vista sul grandioso secondo arco, quindi si torna indietro per la stessa via.
gli archi sono magnifici, specie il più grande, peccato non aver trovato ancora un modo di avvicinarli, o almeno di completare la gita, che così rimane un po’ monca. Ho comunque in progetto di realizzare prossimamente un anello che porti alla Pointe de Lugo sfruttando il percorso qui descritto. Nei dintorni vi sono comunque altre cose interessanti da vedere, come delle fortificazioni incastonate nella roccia che si trovano presso il confine ed anche una grotta a cinque ingressi che, purtroppo, non sono riuscito a ricostruire dove si trova esattamente, pur essendoci stato ed avendola fotografata.
Percorso Inedito
26-03-2011
Gorges du Paganin (550) – vista grande arco Vallon di Groà (725) e ritorno.
5,2 Km. circa.
200 m. circa.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Leggi il racconto
Torna all'escursione

Archi del Vallon di Groà dalle Gorges du Paganin


ennesimo capitolo della saga del Vallon di Groà, ed ennesimo insuccesso… Questo posto mi attrae particolarmente e sempre sogno di trovare una via per avvicinarmi ai magnifici archi… I sogni però sono ben diversi dalla realtà e ogni volta che arrivo fin qui me ne accorgo amaramente… In effetti nei progetti tutto sembra semplice: la vegetazione non è così fitta, le spine non pungono, i ghiaioni non sono così ripidi, ma, soprattutto, nei progetti, non ho paura: paura di perdermi o farmi male in un posto selvaggio dove non passa mai nessuno, paura per le mie ginocchia che, dopo 8 mesi di gite, hanno bisogno di nuove infiltrazioni per la condropatia di cui soffro, paura per la spalla infortunata al Pisanino e non ancora perfettamente guarita, paura di essere solo…. Tutto questo nei progetti e nei sogni non esiste minimamente, ma riemerge ogni volta, fin troppo, quando mi trovo in questi posti da solo, a volte riesco a vincere queste paure, solo in parte giustificate, a volte, come questa, no, però è sicuro che, man mano che passa il tempo, diventa sempre più difficile, forse perché invecchiare ci fa man mano rendere più conto della nostra fragilità umana e ci fa sentire più piccoli e indifesi di fronte alla grandiosità della natura, cosa, anche questa scontata sulla carta, ma assai più fastidiosa da vivere…. Peccato non aver già avuto a vent’anni il vizio dell’esplorazione…