Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Rocca Berleurio anello dal Salto del Lupo

Rocca Berleurio anello dal Salto del Lupo

Percorso Inedito
06-03-2021
Salto del Lupo (195) – Tana dell’Arma Mora (665) – Giogo di Toirano (785) – Rocca Berleurio (835) – Buranco San Pietro (760) – Salto del Lupo (195).
14 Km. circa.
750 m. circa.
Ivonne e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
tutto E, per escursionisti medi, tranne la breve visita ad un arco naturale, EE, per escursionisti esperti, per terreno ripido ma non difficile, e il breve tratto roccioso nella salita alla Rocca Berleurio, dove è presente un breve passaggio di I grado.
Autostrada da Genova fino a Borghetto Santo Spirito, quindi proseguire fino a Toirano e poi, per altri 3 Km, sempre lungo la SP60, fino al ponte del Salto del Lupo, dove, in uno slargo sulla sinistra (spazio per 2/3 macchine), si parcheggia.
dal parcheggio torniamo indietro pochi metri e imbocchiamo la rampa a sinistra, indicata anche da cartelli segnaletici, e seguiamo il sentiero rombo rosso. Ignorati quindi due bivi a destra che portano verso il sentiero dei Daini, giungiamo, a quota 290 circa, ad un bivio presso una presa dell’acquedotto, dove troviamo un cartello informativo sulla Grotta della Giara, che si raggiunge prendendo a destra, mentre noi continuiamo a seguire il rombo rosso sulla sinistra. Dopo quasi 700 metri di sentiero incontriamo un rudere sulla sinistra del sentiero, poco dopo il quale (60 metri), il sentiero passa sotto un arco naturale, non visibile però percorrendo il sentiero in questo senso, ne lasciamo quindi la visita al ritorno. Subito dopo raggiungiamo un bivio, dove prendiamo a sinistra continuando a seguire il rombo, mentre da destra torneremo. Dopo un tratto un po’ difficoltoso nel torrente a causa di alcuni tronchi caduti, risaliamo fino ad un bel ponte e passiamo quindi sopra una bella cascatella doppia, raggiungibile con breve, ma impegnativa e scivolosa, deviazione. Proseguiamo quindi sul rombo rosso fino a quota 685 circa, dove troviamo una radura, dove, volendo, prendendo a destra in discesa e quindi piegando ancora a destra seguendo le pareti su traccia non chiarissima, giungiamo in breve alla Tana dell’Arma Mora, caratterizzata da un muro ben conservato che chiude a grotta un tetto sporgente di roccia. Tornati quindi alla radura incrociamo subito una sterrata, che imbocchiamo verso destra, sempre seguendo i rombi rossi diretti al giogo di Toirano. Dopo 800 metri circa raggiungiamo quindi la strada asfaltata, che imbocchiamo verso destra e che seguiamo fino al primo tornante, che raggiungiamo dopo 300 metri. Al tornante quindi prendiamo a destra su chiara sterrata (indicazioni per San Pietro ai Monti), Seguiamo quindi la sterrata ignorando un sentiero, che dopo poco, si diparte a sinistra e giungiamo quindi, dopo quasi 700 metri dall’asfalto, ad un bivio di sterrate, comunque segnalato da cartelli, dove proseguiamo a destra, lasciando a sinistra la carrareccia per Fonte Cornà. Dopo poco meno di 300 metri in corrispondenza della prima marcata curva della sterrata, che piega a sinistra, la lasciamo per continuare dritti su carrareccia che finisce poco dopo in un prato. Dal prato seguiamo il filo di cresta verso la vicina Rocca Berleurio e, affrontato un tratto roccioso con passaggio di primo grado, si giunge più facilmente in vetta. Visitata la vetta torniamo quindi alla sterrata e riprendiamo a seguirla verso destra. Dopo quindi 800 metri di sterrata possiamo notare un tombino chiuso sulla sinistra, si tratta del Buranco San Pietro, grotta riservata ad esperti speleo, 300 Metri più avanti incontriamo quindi un poco evidente bivio a destra, segnalato da ometti, che prima o poi proverò a seguire, ma continuiamo invece dritti sulla sterrata per altri 300 metri, dove imbocchiamo a destra un chiaro sentiero (in realtà una pista di discesa per mountain bike) marcato da segni gialli. Seguiamo quindi il nuovo chiaro sentiero e, dopo 250 metri, con breve deviazione a sinistra possiamo visitare una grotticella. Visitata la grotticella, pochi metri dopo, possiamo invece deviare a destra verso un poggio panoramico. Visitato anche il poggio riprendiamo la traccia che scende ora a tornanti fino a raggiungere una casa disabitata in una radura. Un centinaio di metri dopo la casa, si può deviare a destra per visitare un bel laghetto, risalendo pochi metri il torrente. Visitato anche il laghetto raggiungiamo in breve il sentiero dell’andata. Da questo punto possiamo scorgere il soprastante arco naturale, che raggiungiamo più o meno a piacimento risalendo il ripido pendio erboso sulla sinistra. Raggiunto l’arco vi passiamo sotto, con qualche difficoltà dovuta alla vegetazione, e scendiamo sull’altro versante nuovamente al sentiero rombo rosso, che seguiamo sui nostri passi fino al parcheggio.
giro rilassante che presenta vari punti di interesse, anche se nessuno imperdibile, può essere un modo soft di iniziare a scoprire questa zona, che presenta indubbiamente bellezze notevoli (Grotta della Giara, Torrioni Rio della Valle, cresta calcarea Punta Alzabecchi, Sentiero dei Daini), ma che richiedono decisamente un impegno maggiore per raggiungerle.
Percorso Inedito
06-03-2021
Salto del Lupo (195) – Tana dell’Arma Mora (665) – Giogo di Toirano (785) – Rocca Berleurio (835) – Buranco San Pietro (760) – Salto del Lupo (195).
14 Km. circa.
750 m. circa.
Ivonne e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Rocca Berleurio anello dal Salto del Lupo