Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Castelletti anello per Settore Sinistro Bric Grigio e Pian Marino da Cianassi

Castelletti anello per Settore Sinistro Bric Grigio e Pian Marino da C...

Percorso Inedito
29-01-2017
Cianassi (220) – Cappella San Carlo (245) – Grotta Montesordo (270) – Castelletti (350) – Grotta Castelletti (345) – Arma do Pilin (340) – Arma Pollera (300) – Settore sinistro Bric Grigio (270) – Pian Marino (270) – Cappella San Carlo (245) - Cianassi (220).
7 Km. circa.
600 m. circa.
Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
EE, per escursionisti esperti, il sentiero per la Grotta di Montesordo, piuttosto infrascato e difficile da individuare, EE anche la salita al Settore sinistro del Bric Grigio, nonché la ricerca di un punto panoramico sui frati, che presenta tratti esposti e ripidi, dove si devono usare le mani. Tutto il resto E, per escursionisti medi.
Da Genova in autostrada fino all’uscita di Finale Ligure. Dallo svincolo ci si immette sulla sp490 che si imbocca verso sinistra in discesa verso il mare. Dopo 1,5 Km circa si prende a sinistra per Finalborgo e si gira immediatamente nuovamente a sinistra di fronte alla porta del borgo per continuare sulla sp17 in direzione parallela e opposta alla sp490 appena percorsa. Dopo 2 Km. circa imbocchiamo una stretta stradina in salita sulla destra (Indicazioni x Osteria Castel Gavone e Azienda Turistica 5 Campanili). Percorriamo la predetta stradina per circa 1,5 Km arrivando quindi alla Chiesa di Perti, subito prima della quale troviamo un cartello divieto di circolazione ai non residenti, al quale non dobbiamo fare caso, in quanto tutti proseguono oltre e non vengono date multe. Si prosegue quindi sulla stretta stradina asfaltata per circa 1,5 Km dalla chiesa, fino a giungere in vista di un ampio parcheggio sterrato sulla destra, dove lasciamo la macchina.
dal parcheggio di Cianassi imbocchiamo sulla destra la sterrata\sentiero per Pian Marino e ne tagliamo un tornante seguendo i segnavia tra due muretti, quindi giungiamo in breve alla Cappella di San Carlo. Poco oltre la cappella lasciamo la sterrata per prendere a sinistra un sentierino non molto evidente (un grosso segno blu di grotta, u rovesciata, su un masso alla destra) che porta, se seguito correttamente (attualmente la zona è stata un po’ ripulita ed è più facile), alla Grotta di Montesordo, circa 100 metri a nord-ovest della cappella. Visitata la grotta e spalle alla stessa, prendiamo una traccia sulla destra che porta ad un radura dove il sentiero sembra perdersi. Qui prendiamo a sinistra in discesa e proseguiamo poi verso destra (ovest), più o meno in piano, fino a raggiungere il sentiero Fossati per i Castelletti, che imbocchiamo verso destra. Dopo poco meno di 700 metri di Sentiero Fossati arriviamo quindi sulla vetta dei Castelletti, interessanti sporgenze rocciose a strapiombo. Dei Castelletti possiamo percorrere la sommità in entrambe le direzioni (con prudenza) e quindi scendere attraverso uno stretto passaggio al sottostante riparo murato, denominato Grotta dei Castelletti. Qui il sentiero Fossati prosegue sulla destra, ma possiamo anche fare una breve digressione a sinistra per ammirare i Castelletti anche da sotto. Riprendiamo quindi il Sentiero Fossati e, 100 metri dopo la Grotta dei Castelletti, possiamo prendere a destra un sentierino che scende verso l’Arma do Pilin, che raggiungiamo in circa 70 metri. Dall’Arma do Pilin continuiamo a scendere seguendo le falesie incontrando una piccola grotta dopo meno di 150 metri. Dopo tale grotta la traccia si distacca dalle falesie per giungere il sottostante chiaro sentiero, da qua distante una sessantina di metri verso sud-est. Prima di giungere al sentiero, subito dopo la prima grotta, è possibile trovarne una seconda, deviando nuovamente verso le falesie; giunti poi al sottostante sentiero, lo si imbocca verso destra e, passando per un’ulteriore grotticella, scendiamo al sentiero segnato poco prima della Cappella di San Carlo, che non raggiungiamo, imboccando il sentiero verso sinistra. Subito troviamo due bivi verso destra, il primo in piano che ignoriamo, mentre imbocchiamo il secondo in salita verso l’Arma Pollera, che raggiungiamo dopo ripida salita. Dalla Pollera saliamo ancora sul sentiero alla destra della stessa ed in breve intercettiamo un nuovo sentiero, che imbocchiamo verso destra e, dopo una ventina di metri, troviamo un nuovo bivio, dove prendiamo a sinistra, lasciando a destra il sentiero Fossati che va verso Sant’Antonio. Col nuovo sentiero saliamo fino ad un valico, quindi scendiamo fino al sentiero segnato con 2 rombi rossi, che imbocchiamo verso destra. Seguiamo quindi tale sentiero per poco più di 300 metri e, 40 metri prima di incrociare il sentiero segnato 3 bolli rossi in corrispondenza dei Frati, prendiamo a sinistra una traccia che porta verso le pareti di arrampicata del Bric Grigio (indicazioni su un masso per il settore sinistro del Bric Grigio) e, dopo una ventina di metri, arriviamo ad un bivio: a destra si costeggiano le pareti del Bric Grigio e si può salire ad un anfratto verso sinistra, mentre a sinistra si sale ad una ferratina che ho evitato di percorrere perché la corda era consumata, ma nei pressi dell’inizio della ferratina, attrezzata con una corda orizzontale nel vuoto ed una staffa, sono sceso qualche metro per arrivare ad un bel punto di vista sui Frati. Esplorata quindi la zona del Bric Grigio si torna sui propri passi fino al punto in cui ci siamo immessi sul sentiero con i due rombi rossi, qui, invece di continuare a sinistra da dove siamo venuti, continuiamo invece a destra sui due rombi rossi, arrivando quindi al bivio a destra per la vetta del Bric del Frate, mentre noi continuiamo dritti, iniziando a scendere a tornanti verso Pian Marino. Giunti al grande prato di Pian Marino, lo attraversiamo verso sinistra (sud), imboccando quindi, sempre nella stessa direzione, il sentiero segnato due bolli rossi, con il quale arriviamo al bivio con la Pollera e, subito dopo, alla Cappella San Carlo, da cui torniamo sui nostri passi al parcheggio.
giro nella splendida ed unica zona del Bric del Frate, ma che evita i posti più belli, per andare alla ricerca di nuove cose, più da usare come spunto per nuovi collegamenti e scorciatoie nei giri più interessanti che qui si possono fare. A parte questo il punto panoramico trovato sui Frati è interessante, come interessanti sono i Castelletti, l’Arma do Pilin, la Grotta di Montesordo, per non parlare della classica Pollera.
Percorso Inedito
29-01-2017
Cianassi (220) – Cappella San Carlo (245) – Grotta Montesordo (270) – Castelletti (350) – Grotta Castelletti (345) – Arma do Pilin (340) – Arma Pollera (300) – Settore sinistro Bric Grigio (270) – Pian Marino (270) – Cappella San Carlo (245) - Cianassi (220).
7 Km. circa.
600 m. circa.
Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Castelletti anello per Settore Sinistro Bric Grigio e Pian Marino da Cianassi