Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Corno Brunni da Riale

Corno Brunni da Riale

30-06-2019
Riale (1720) – Rifugio Maria Luisa (2150) - Lago Brunni (2635) – Corno Brunni (2830) – Lago Brunni (2635) – Rifugio Maria Luisa (2150) – Riale (1720).
15 km circa.
1100 m circa.
Em, Ornella e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
EE, per escursionisti esperti, solo il ripidissimo pendio finale per la vetta, perlomeno in condizioni estive. Nelle condizioni di innevamento in cui abbiamo trovato noi il percorso è consigliabile portarsi i ramponi, che, pur non indispensabili, sono stati utili nel ripido pendio tra il Lago Brunni ed il colletto sotto la vetta, in questo caso la valutazione diventa EEA, per escursionisti esperti con attrezzatura.
da Genova a Voltri sulla A10, quindi si prende la A26 per Gravellona Toce e la si segue, appunto, fino a dove termina nella località sunnominata. Si prosegue dritti praticamente senza accorgersi che l’autostrada è finita perché la superstrada continua uguale per svariati Km e si passa quindi Domodossola. La superstrada (SS33) passa da 4 a 2 corsie, ma noi continuiamo a seguirla fino a Crodo, dove usciamo. Attraversiamo l’abitato e continuiamo sulla strada provinciale (SS659), passando varie località quali Premia e San Michele, per giungere quindi alla località Riale, dove parcheggiamo nel parcheggio a pagamento (4 euro), non avendo trovato altri posti liberi.
dal parcheggio si continua ancora pochi metri sull’asfalto e quindi al bivio si prende a destra e dove subito termina l’asfalto si prende il sentiero sulla sinistra che taglia la sterrata che prosegue fino ai soprastanti laghi artificiali (Toggia e Kastel) ai quali siamo diretti. Continuiamo quindi sulle scorciatoie o, a scelta, sulla sterrata, fino ad arrivare in vista della diga del Toggia, dove continuiamo a sinistra sulla sterrata per il Rifugio Maria Luisa, lasciando a destra il sentiero per il Lago Kastel. Giunti al Rifugio, proseguiamo pochi metri, per imboccare quindi il sentiero a sinistra segnato in biancorosso. Seguiamo quindi in direzione nord il non sempre evidentissimo sentiero segnato per giungere in vista di una casa in mezzo ad un ampio prato. Passiamo dalla casa e presso la vicina fontana sulla sinistra (asciutta) e puntiamo a raggiungere una strada sterrata di fronte a noi. Raggiunta la strada continuiamo sempre sulla riva destra (sinistra idrografica del torrente) e giungiamo in vista di una grossa cascata. Qui il sentiero risalirebbe a destra della cascata per poi attraversarla sulla cima, ma nelle condizioni in cui abbiamo trovato tale attraversamento (ripido ponte di neve con acqua sotto) abbiamo deciso di continuare per altra via. Scavalchiamo quindi il torrente grazie ad una chiusa (passaggio un poco esposto), oltre la quale una traccetta ci guida a risalire i pendii erbosi soprastanti tramite i quali risaliamo fino al crinale, dove troviamo una traccia più evidente. Seguiamo quindi il crinale in direzione nord-ovest, fino ad un colletto dove ci raggiunge il sentiero segnato in biancorosso che avevamo lasciato per evitare la cascata e lo imbocchiamo verso sinistra. Seguiamo quindi i segnavia biancorossi che ci guidano a tagliare in falsopiano i pendii sottostanti le pareti sud del Corno Brunni, fino ad arrivare all’omonimo lago. Dal Lago il sentiero piega a destra risalendo il ripido pendio che porta ad un colletto, dal quale, prendendo ancora a destra, saliamo il ripidissimo pendio che porta in vetta, vetta che dovrebbe essere la prima elevazione che raggiungiamo, che le successive due risulterebbero essere più basse, anche se, a occhio, non sarei sicurissimo che l’ultima lo sia. Il ritorno avviene sul sentiero dell’andata.
gita sempre panoramica, con bellissimo e circolare panorama di vetta, soprattutto sullo spettacolare Corno Gries e Finsterarhorn. Il Lago Brunni, probabilmente quando è sciolto non è particolarmente interessante, ma come l’abbiamo trovato noi è stato un notevolissimo valore aggiunto alla gita, quindi, a patto di avere esperienza di neve ed essere attrezzati, vale la pensa di tentare la salita in questo periodo.
30-06-2019
Riale (1720) – Rifugio Maria Luisa (2150) - Lago Brunni (2635) – Corno Brunni (2830) – Lago Brunni (2635) – Rifugio Maria Luisa (2150) – Riale (1720).
15 km circa.
1100 m circa.
Em, Ornella e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Corno Brunni da Riale