Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Punta della Valle e Monte Corbernas Anello per i Laghi Sangiatto dall’Alpe Devero

Punta della Valle e Monte Corbernas Anello per i Laghi Sangiatto dall...

Percorso Inedito
15-10-2017
Alpe Devero (1600) – Lago delle Streghe (1780) – Crampiolo (1770) – Lago Devero (1870) – Alpe Naga (2205) – Passo Pojala (2400) – Punta della Valle (2660) – Monte Corbernas (2575) – Bocchetta Scarpia (2255) – Lago Sangiatto Superiore (2040) – Lago Sangiatto Inferiore (1985) – Crampiolo (1770) – Lago delle Streghe (1780) – Alpe Devero (1600).
20,5 Km. circa.
1200 m. circa.
Em, Maury76 (Fino in cima), Daniele64. Claudio, soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
EE, per escursionisti esperti, dal Passo Pojala a Punta della Valle, tutto il resto E, per escursionisti medi. La salita verso il crinale di Punta della Valle è su erba molto ripida ed è senza traccia, poco prima del crinale si può anche incontrare un po’ di esposizione a seconda del percorso che si fa. La salita a Punta della Valle non è difficile, ma avviene attraverso un stretto sentierino nell’erba decisamente esposto.
da Genova a Voltri sulla A10, quindi si prende la A26 per Gravellona Toce e la si segue, appunto, fino a dove termina nella località sunnominata. Si prosegue dritti praticamente senza accorgersi che l’autostrada è finita perché la superstrada continua uguale per svariati Km e si passa quindi Domodossola. La superstrada (SS33) passa da 4 a 2 corsie, ma noi continuiamo a seguirla fino a Crodo, dove usciamo. Giungiamo quindi a Crodo e attraversiamo l’abitato, continuiamo poi fino a Baceno, dove, in un tornante, prendiamo a sinistra per l’Alpe Devero. Continuiamo quindi per circa 10 Km. fino a giungere al casotto dove si paga il pedaggio di 5 euro per proseguire per circa 1,5 Km. fino al parcheggio.
dal parcheggio continuiamo in salita sulla strada asfaltata, oltrepassiamo la sbarra, presso la quale vi è una fontana, e giungiamo quindi al vasto pianoro dell’Alpe Devero. Qui tralasciamo subito un bivio a sinistra per l’Alpe Misanco e immediatamente dopo a destra (per l’Alpe e i Laghi Sangiatto), continuando invece dritti nel grande prato seguendo il sentiero per il Passo della Rossa. Duecentotrenta metri dopo il bivio per il Sangiatto troviamo un nuovo bivio a destra (per Cantone e Crampiolo), ma noi proseguiamo ancora dritti per altri 330 metri, per incontrare un nuovo bivio, dove lasciamo a sinistra il sentiero per il Passo della Rossa e prendiamo a destra per Crampiolo (in corrispondenza di questo bivio vi è anche un terzo sentiero, ancora più a sinistra, che subito porta al Rifugio Sesto Calende e quindi va verso l’Alpe Misanco). Continuiamo quindi per 1 Km. circa e troviamo quindi un bivio a sinistra per il Passo della Rossa e, subito dopo, un altro per il Lago delle Streghe, che imbocchiamo in ripida, ma breve, salita. Dopo la salita scendiamo in breve al Lago delle Streghe che costeggiamo sulla sponda destra. Ad un bivio sopra il lago prendiamo a sinistra, scendendo così ad un ponticello sulla sponda nord-est dello stesso. Continuiamo quindi a destra, giungendo in breve, superato un ponte a Crampiolo. Subito dopo il ponte prendiamo a destra e dopo 40 metri imbocchiamo la sterrata a sinistra per il Lago di Devero. Una volta raggiunto il lago lo costeggiamo sulla sponda destra e, ignorato un primo bivio a sinistra per il lungolago, ne incontriamo un secondo, dove prendiamo a destra per il Passo Pojala. A quota 2050 circa ci troviamo ad un quadrivio, dove a sinistra si va all’Alpe Satta e all’Alpe Forno, mentre a destra si va ai Laghi del Sangiatto attraverso l’Alpe Corbernas; noi continuiamo invece dritti verso il Passo Pojala, seguendo una delle varie tracce a mezza costa sul versante di sinistra. Giungiamo così all’Alpe Naga, dopo la quale occorre risalire brevemente il versante verso sinistra, onde raggiungere il sentiero segnato. Seguiamo quindi il sentiero segnato fino al Passo Pojala, dove continuiamo sulla traccia per circa 170 metri, per poi prendere a destra senza traccia, dirigendoci verso la soprastante ed evidente Punta della Valle. Il percorso non è obbligato e quello scelto da noi non è detto sia il migliore, occorre comunque puntare la cresta a destra della Punta, cercando un punto di passaggio più facile e meno ripido. Raggiunta non senza difficoltà la cresta si continua più facilmente, ma sempre assai ripidamente raggiungendo una traccia che traversa sotto le pareti inaccessibili di Punta della Valle. Giunti così ad una selletta, a quota 2645 ed immediatamente a sud di Punta della Valle, prendiamo a sinistra scavalcando una facile paretina rocciosa di un paio di metri e quindi continuiamo brevemente in cresta fino ad un nuova selletta, sovrastata da una non facile parete di 3-4 metri, qui prendiamo a destra un sentierino nell’erba che aggira le pareti e quindi permette di salire alla vetta attraverso pochi metri di salita su ripidi prati (attenzione all’esposizione). Ritorniamo quindi per la stessa via alla prima selletta e imbocchiamo la traccia sul crinale che si dirige a sud-ovest verso il Monte Corbernas. Da qui in avanti possiamo scegliere più volte se seguire integralmente la cresta o passare più facilmente sui sentierini che passano sotto, che, comunque, si ricongiungono tutti. Passiamo quindi a fianco (che volendo possiamo salire facilmente) ad alcune vette senza nome. Scendiamo quindi distanziandoci dalla cresta e traversando i contrafforti settentrionali del Monte Corbernas, per poi risalire in cresta e raggiungerne brevemente la vetta. Dalla vetta seguiamo per circa 50 metri il crinale verso destra (nord), per imboccare quindi una ripida ma chiara traccia che si dirige verso la Bocchetta di Scarpia. Dopo una discesa prima su sentiero ripido e ghiaioso e poi su prati giungiamo quindi alla Bocchetta, da cui continuiamo a destra sul sentiero per i Laghi del Sangiatto. Raggiungiamo quindi il Lago del Sangiatto Superiore con una breve deviazione a sinistra dal sentiero segnato (volendo può essere interessante compierne il giro). Visitato il lago torniamo a scendere sul sentiero segnato e, in breve, ci troviamo sopra al Lago del Sangiatto Inferiore, al quale possiamo scendere con una breve deviazione dal sentiero. Poco dopo superato il lago, alla prima curva\tornante del sentiero, troviamo un bivio, dove imbocchiamo a destra il sentiero più veloce per Crampiolo (indicazione 40 minuti a destra e 50 a sinistra, se ricordo bene). Dopo un primo tratto in falsopiano nel bosco il sentiero scende alla quota del paesino ed, in breve, lo raggiunge. Imbocchiamo quindi verso destra la strada principale di Crampiolo, parallela al torrente, e torniamo al ponte superato all’andata (segnalato come bivio per il Lago delle Streghe) e quindi torniamo sui nostri passi fino al parcheggio.
giro che preferibilmente andrebbe percorso in senso contrario onde godere di miglior luce sui Laghi del Sangiatto che al mattino mostrano i loro colori, oltrechè il riflesso del Cervandone. A parte questo è un giro sempre molto panoramico e spettacolare, solo che lo avevo apprezzato di più lo scorso primo novembre (quando avevo effettuato un giro assai simile), vuoi per i colori più accesi degli alberi, vuoi per la luce giusta sui laghi, nonostante questo ne è valsa comunque la pena.
Percorso Inedito
15-10-2017
Alpe Devero (1600) – Lago delle Streghe (1780) – Crampiolo (1770) – Lago Devero (1870) – Alpe Naga (2205) – Passo Pojala (2400) – Punta della Valle (2660) – Monte Corbernas (2575) – Bocchetta Scarpia (2255) – Lago Sangiatto Superiore (2040) – Lago Sangiatto Inferiore (1985) – Crampiolo (1770) – Lago delle Streghe (1780) – Alpe Devero (1600).
20,5 Km. circa.
1200 m. circa.
Em, Maury76 (Fino in cima), Daniele64. Claudio, soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Punta della Valle e Monte Corbernas Anello per i Laghi Sangiatto dall’Alpe Devero