Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Thabor e Lac Vert da Grange Valle Stretta

Thabor e Lac Vert da Grange Valle Stretta

22-07-2012
Grange Valle Stretta (1740) – Monte Thabor (3178) – Lago Verde (1850) – Grange Valle Stretta (1740).
21 Km circa il giro pulito con visita a laghetto sulla destra scendendo dal Thabor, io ne ho fatti oltre 23.
1550 m. circa.
Aldo51, Fede78, Maury76 e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
E, per escursionisti medi, il più facile 3000 che ho mai fatto, le maggiori difficoltà sono semmai nel giro attorno al Lago Verde: sentiero stretto, con alberi caduti, vegetazione eccessiva, pietraie sconnesse e anche segnalazione inesistente, che date le molte tracce presenti nelle vicinanze (alcune terminano su frane o punti intransitabili), forse sarebbe opportuna.
da Genova si prende la A21 fino ad Alessandria, dove si prende la A26 per Torino. A Torino si segue la tangenziale per prendere poi la A32 per Bardonecchia. Giunti a Bardonecchia ci si dirige verso la Francia passando per Melezet e, al confine, si prende a destra per la Valle Stretta (a sinsitra si va al Colle della Scala e a Nevache), seguendo una stradina asfaltata di recente, ma con canali di scolo assai pronunciati a cui porre attenzione. Noi abbiamo parcheggiato al cartello indicante l’ultimo parcheggio gratis (in realtà anche qualche metro più avanti è possibile parcheggiare senza pedaggio), volendo invece pagare (2 Euro) si può proseguire per altri 600 metri di strada (a piedi sono però solo 350 metri e 40 di dislivello).
Dal parcheggio si arriva in breve al Rifugio Re Magi da dove è possibile proseguire tramite 2 sterrate che poi si congiungono; noi abbiamo preso a destra attraverso le case. Si prosegue sulla sterrata, volendo si può abbreviare con alcune scorciatoie, fino in vista di un rifugio; qui, sulla sinistra inizia il sentiero vero e proprio, mentre la sterrata termina al predetto Rifugio. Si continua quindi fino a giungere su ampi prati dominati a destra dai Serous e a sinistra dal Gran Adritto, sempre con il Thabor visibile sullo sfondo, con la ben evidente la cappella di vetta sui pendii terminali color ocra. Si giunge quindi al termine dei prati a quota 2800 circa e si inizia poi a risalire i pendii terminali. Il sentiero si fa più ripido, mai ripidissimo comunque, e si giunge quindi attraverso le rocce color ocra e alcuni innocui nevai alla Cappella pochi metri prima della vetta, che si trova proseguendo ancora qualche metro, sul culmine di una bastionata a strapiombo fronteggiante il vicino Pic du Thabor. Ritorno per la stessa via, anche se è probabilmente possibile seguire, fin dalla vetta, altri sentieri laterali per poi ricongiungersi a quello centrale (in particolare sembrerebbe interessante percorrere il vallone a destra che porta al Lac Blanc, dominato da imponenti guglie rocciose alle quale sembra possibile passare in mezzo). Noi abbiamo seguito il sentiero dell’ andata per poi fare una breve deviazione a destra per visitare, a quota 2620 circa, il laghetto proprio sotto il Gran Adritto. Dal laghetto, senza sentiero siamo tornati alla traccia principale e qindi siamo ridiscesi a valle per il sentiero dell’andata fino al bivio (segnalato) per il Lago Verde, a quota 1840 circa; qui si prende a sinistra, secondo le segnalazioni, si arriva a una radura dove occorre salire la ripa rocciosa in fronte a noi, lasciando sulla destra un sentiero che può essere usato per tornare al Rifugio Re Magi; dalla ripa rocciosa il sentiero scende velocemente al Lago Verde, del quale si può fare il giro con una qualche attenzione, per poi tornare alla sterrata principale e, quindi, al parcheggio per la sterrata dell’andata o per quella parallela sulla destra (bivio a poco più di 200 metri dal cartello che indica il bivio per il Lago Verde).
Bellissimo panorama dalla vetta sugli Ecrins, veramente a vicini da qui. Salendo si ammirano le rocce dolomitiche dei Serous e del Gran Adritto soprattutto, ma anche la bella Pointe de l’Enfourant nella prima parte, salendo attraverso bellissimi e ampi prati, nobilitati da un bel lago; dalla vetta e dintorni si possono poi ammirare altri bei laghi, tutti un po’ troppo distanti però. La cosa più bella della gita rimane però il Lago Verde, veramente unico, vale comunque la pena del lungo (e soprattutto costoso) viaggio anche ‘solo’ per il Thabor e il bellissimo ambiente di salita.
22-07-2012
Grange Valle Stretta (1740) – Monte Thabor (3178) – Lago Verde (1850) – Grange Valle Stretta (1740).
21 Km circa il giro pulito con visita a laghetto sulla destra scendendo dal Thabor, io ne ho fatti oltre 23.
1550 m. circa.
Aldo51, Fede78, Maury76 e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Thabor e Lac Vert da Grange Valle Stretta