Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Mont Iverta e Punta Medzove anello da Petit Mont Blanc

Mont Iverta e Punta Medzove anello da Petit Mont Blanc

24-08-2016
Champorcher (1770) – Colle Lago Bianco (2300) – Rifugio Barbustel (2280) – Grand Lac (2480) – Punta Medzove (2835) – Monte Iverta (2935) – Lac Gelé (2600) – Lac de Serva (1800) – Rifugio Barbustel (2280) – Colle Lago Bianco (2300) – Champorcher (1770).
25 km. circa.
2000 m. circa.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
direi tutto E, per escursionisti medi, con la salita al Monte Iverta al limite dell’EE, per escursionisti esperti, per l’assenza di traccia e la ripidità de terreno, comunque mai eccessiva e che consente praticamente di passare dove si vuole.
Da Genova con l’A10 fino a Voltri, dove si prende l’A26 (Alessandria-Torino) e la si segue fino a poco oltre Casale Monferrato, dove si prende per Santhià e Aosta e si prosegue fino ad Ivrea, dove si continua sulla Aosta-Torino (A5) fino alla prima uscita (Pont Saint-Martin). Da Pont Saint-Martin si prosegue sulla statale verso nord fino ad Hone, dove si svolta a sinistra per la valle di Champorcher. Giunti a Champorcher si prende a destra per Grand e Petit Mont Blanc seguendo pure le indicazioni per il Rifugio Dondena. Superati i paesini di Grand Mont Blanc e Petti Mont Blanc proseguiamo per ancora 4 tornanti verso il Rifugio Dondena e parcheggiamo in uno slargo sulla sinistra a quota 1770 circa, dove inizia sulla destra il sentiero per il Rifugio Barbustel.
dal parcheggio si prende il sentiero per il Colle del Lago Bianco e il rifugio Barbustel. Si giunge prima al Lago Muffet e quindi si giunge al Colle, dal quale, in breve, si scende al rifugio. Dal Rifugio si prende a sinistra il sentiero 5c per il Grand Lac e il Colle Medzove. Si passa quindi a fianco dei Laghi Bianco, Nero e Cornuto. Si giunge quindi ad un prato pianeggiante e si riinizia a salire, arrivando poi ad un bivio, dove prendendo a destra si arriva ad una bella cascata. Dalla cascata occorre risalire alla meglio le rocce sulla sinistra (tratto EE, evitabile seguendo il sentiero principale senza deviazione per la cascata) e ritornare quindi al sentiero segnato che in breve giunge al Grand Lac. Costeggiamo quindi sulla destra il Grand Lac e giungiamo ad un bivio: a sinistra il 5c continua per il Colle Medzove, mentre noi continuiamo dritti a destra sul sentiero 6 per la Punta Medzove e il Lac Gelé. Attraversata una zona quasi pianeggiante con un laghetto iniziamo poi a salire ripidamente verso un colletto e quindi continuiamo in cresta raggiungendo la Punta Medzove. Dalla punta, volendo, si può fare una deviazione senza traccia (al limite dell’EE) sulla sinistra per raggiungere una elevazione che consente un miglior punto di vista sull’incantevole Lago Medzove. Tornati quindi alla cresta sotto la Punta Medzove si scende brevemente verso il pittoresco Lac des Heures, dal quale si sale senza traccia al soprastante Monte Iverta. Dalla vetta, spostandosi verso destra si può avere una bella, seppur incompleta, vista del Lac Gelè. Scendiamo quindi per la stessa strada, o quasi data l’assenza di traccia, dal Mont Iverta e dal Lac des Heures continuiamo sul sentiero segnato per il Lac Gelé, magari tenendosi un poco più a sinistra su una crestina che consente una bella vista sullo stesso. Scendiamo quindi al Lac Gelé e lo costeggiamo sulla destra, per giungere quindi ad un bivio, dove prendiamo il sentiero 6 sulla destra, lasciando a sinistra il 6a per il Monte Avic. Iniziamo quindi a scendere passando vicino ai resti della miniera di magnetite (attenzione, è estremamente pericoloso percorrerne le gallerie, causa presenza di pozzi) e quindi proseguiamo nella lunga discesa fino a quota 1760 circa, dove troviamo un bivio sulla destra per il Lac de Serva, che imbocchiamo. Il nuovo sentiero scende al torrente e lo attraversa su un ponticello e quindi va a raggiungere il sentiero 5c che imbocchiamo in salita verso destra. Giungiamo quindi al Lac de Serva, che costeggiamo sulla destra, per poi riiniziare a salire verso il Rifugio Barbustel, che raggiungiamo dopo aver attraversato una zona pianeggiante in località Coucy. Dal Rifugio risaliamo quindi al Colle del Lago Bianco e torniamo quindi per la stessa strada dell’andata al parcheggio.
autentica scorpacciata di laghi, tutti bellissimi, anche se non per tutti si passa da un adeguato punto panoramico (che sarebbe da ricercare in un giro più breve che permetta qualche divagazione…), un po’ deludente la Punta Medzove, punto indistinguibile dalla cresta e con panorama non eccezionale, anche per questo sono salito al Monte Iverta, che offre indubbiamente una vista migliore, e ho cercato anche un punto panoramico sullo stupendo, ma purtroppo lontano, Lago Medzove. In conclusione il giro è comunque bellissimo e fa venir la voglia di farne altri in zona.
24-08-2016
Champorcher (1770) – Colle Lago Bianco (2300) – Rifugio Barbustel (2280) – Grand Lac (2480) – Punta Medzove (2835) – Monte Iverta (2935) – Lac Gelé (2600) – Lac de Serva (1800) – Rifugio Barbustel (2280) – Colle Lago Bianco (2300) – Champorcher (1770).
25 km. circa.
2000 m. circa.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Mont Iverta e Punta Medzove anello da Petit Mont Blanc