Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Monte Meidassa e Buco di Viso da Pian del Re

Monte Meidassa e Buco di Viso da Pian del Re

27-08-2015
Pian del Re (2030) – Colle Luisas (3019) – Monte Meidassa (3105) – Colle Luisas (3019) – Buco di Viso (2850) – Colle Traversette (2930) – Pian del Re (2030).
11 Km. circa.
1300 m. circa.
Gheroppa, Stefania, Kay, Maury76, Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Direi tutto E, per escursionisti medi, il punto più ripido si incontra risalendo dal Buco di Viso al Colle delle Traversette, ma credo esistano anche altre tracce più semplici. In ogni caso non è niente di che e non sconfina nell’EE, solo si tratta di terreno ripido su ghiaietto, ma comunque tracciato e non esposto. Per il Buco di Viso non serve il casco e neanche la lampada è indispensabile (comunque consigliata), i lavori che hanno sistemato l’uscita in terra francese hanno reso l’attraversamento della galleria elementare.
Da Genova fino a Savona con la A12 e quindi si prende la Savona-Torino fino all’uscita di Marene; da Marene si prende per Savigliano e Saluzzo. Giunti a Saluzzo si iniziano a seguire le indicazioni per Pian del Re, e, giunti a Crissolo si inizia a salire per giungere ai 2000 metri del parcheggio a pagamento (5 euro nella stagione estiva).
Da Pian del Re si prende il sentiero V16 sulla destra per il Colle delle Traversette. A 2250 metri circa si lascia sulla sinistra la deviazione (V19) per il Rifugio Giacoletti, e a 2480 circa si lascia invece sulla destra il V20 per il Colle Armoine. Giunti quindi a quota 2570 si trova ancora il bivio sulla sinistra per il Sentiero del Postino, ma noi continuiamo sempre sul V16, per poi giungere a quota 2700 a un ulteriore bivio per il Colle Armoine, che trascuriamo nuovamente. Giungiamo quindi a una caserma a quota 2790 circa, dove vi è il bivio a sinistra per il Buco di Viso e il Colle Traversette, che imboccheremo al ritorno. Continuiamo quindi dritti sul V22 per giungere dunque al Colle Luisas, da dove, prendendo a sinistra una chiara traccia segnata con ometti, giungiamo in breve e facilmente al cippo di vetta, dal quale è possibile proseguire sulla ampia e pianeggiante cresta fino all’estremità sud della stessa, per trovarci così proprio di fronte al Monviso. Il ritorno avviene per la stessa via fino alla predetta caserma, dove prendiamo a destra per il Buco di Viso, percorriamo la galleria, e, quindi, prendiamo a sinistra per il Colle delle Traversette, che raggiungiamo in breve. Dal Colle scendiamo sul versante italiano per ritornare quindi al bivio per il Buco di Viso e alla caserma, da dove torniamo alle auto per il sentiero dell’andata.
Le nebbie di fondovalle da cui emergevano maestose e irreali le vette del gruppo del Viso, hanno reso il panorama sicuramente molto più affascinante, in una gita che comunque offre un punto di vista fantastico sul Monviso e un bel pianoro sommitale, quasi un comodo balcone affacciato sul “Re di Pietra”. Il Buco di Viso invece costituisce una curiosità che può valer la pena di vedere, ma non molto di più, quasi come la breve digressione per vedere le sorgenti del Po’ da Pian del Re. In conclusione per chi è un ammiratore del Monviso indubbiamente la gita è altamente consigliata, decisamente meno per chi invece non sia particolarmente affascinato dall’imponenza e dall’importanza alpinistica di tale montagna.
27-08-2015
Pian del Re (2030) – Colle Luisas (3019) – Monte Meidassa (3105) – Colle Luisas (3019) – Buco di Viso (2850) – Colle Traversette (2930) – Pian del Re (2030).
11 Km. circa.
1300 m. circa.
Gheroppa, Stefania, Kay, Maury76, Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Monte Meidassa e Buco di Viso da Pian del Re