Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Cima Sfornioi Nord dal Passo Cibiana

Cima Sfornioi Nord dal Passo Cibiana

Percorso Inedito
29-08-2012
Passo Cibiana (1560) – Forcella Ciavazole (1990) - Croce Giovane Montagna (2220) – Forcella dei 2 Gendarmi (2360)– Sfornioi Nord (2410) e ritorno.
10 Km. circa.
860 metri circa.
Em e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
F+ (alpinistico facile superiore) la salita alla vetta, tra EE (per escursionisti esperti) e F (alpinistico facile) la salita alla forcella successiva alla Croce della Giovane Montagna. Il canalino che dà accesso alla vetta è instabile e presenta 3 salti di II grado non molto semplici, specie in discesa, perché leggermente strapiombanti, il tratto successivo non presenta difficoltà superiori al primo grado ma va affrontato con prudenza per il terreno instabile e alcuni passaggi leggermente stretti ed esposti, in particolare l’aggiramento di una sporgenza molto ben appigliata che però può essere anche superata passandovi sotto con una sorta di ‘passo del gatto’. La salita alla forcella successiva alla Croce, invece, è difesa da una paretina da superare con passaggi di I, stretti e leggermente esposti, niente comunque di difficile, basta affrontarli con la dovuta attenzione, molto più facile comunque del successivo canalino. Tutto il resto è E, per escursionisti medi, compresa la visita alla Forcella dei due Gendarmi.
da Forno di Zoldo si sale alla Forcella Cibiana, qui sarebbe comodo scendere a destra al Bar Tabia di Deona, fornito di amplissimo parcheggio, ma la zona disco di 60 minuti e le frequenti multe comminate lo sconsigliano, conviene quindi salire a sinistra al parcheggio a pagamento (parcometro 2,50 euro, conviene portarsi le monete contate.) del Rifugio Remauro.
Si ridiscende al Bar Tabia di Deona e si continua sulla sterrata arrivando subito a un bivio dove si prende a destra in salita seguendo le indicazioni per il Rifugio Bosconero. Si prosegue quindi nel bosco e si giunge quindi al successivo incrocio col sentiero 483 che si supera continuando dritti per la Forcella Ciavazole, che, in breve, si raggiunge. Qui si prende la traccia in salita verso sinistra. Dopo poco meno di 500 metri di percorso si giunge in cresta alla quota di 2170 metri circa, qui è possibile fare una brevissima (30 metri circa) deviazione sulla destra verso una sporgenza di roccia che offre un magnifico panorama sugli Sfornioi e la Forcella dei 2 Gendarmi, nonché sulla Triade del Bosconero. Iniziamo quindi la salita della cresta che in 60 metri circa di dislivello ci porta alla Croce della Giovane Montagna, ottimo punto panoramico a 2230 metri circa. Dalla Croce si continua nella stessa direzione su sentiero che si trasforma in cengia e, quindi, aggirato uno spigolo roccioso inizia a salire verso una forcella che si raggiunge (percorso comunque segnalato con ometti e bolli rossi) superando una paretina di I grado con passaggi un poco stretti e leggermente esposti. Dalla forcella la traccia continua nella stessa direzione tagliando la base nord della cupola sommitale dello Sfornioi nord (qui un ripido canale segnalato da bolli rossi indica l’inizio dell’ascensione alla vetta), per aggirarlo quindi sul lato est e giungere quindi alla Forcella dei 2 Gendarmi, dove si può proseguire fino alla Base dello Sfornioi di Mezzo e anche un po’ oltre, per godere dei magnifici panorami della zona. Tornati al canale segnato da bolli rossi lo si sale e superati i primi 2 risalti si può scegliere se passare a destra o sinistra per superare il terzo; io ho preferito passare a sinistra, anche perché dal punto in cui ero traversare a destra mi pareva abbastanza esposto e pericoloso e, in ogni caso, mi pareva più semplice (anche se non di molto), però i bolli sono più sulla destra, non escludo però che traversando prima la cosa possa dare meno problemi di dove sono passato io, visto comunque che me ne ha dati… Passato in un modo o nell’altro il canalino si imbocca la cengia sulla sinistra (direzione sud) che corre parallela al sottostante sentiero che abbiamo percorso per andare alla Forcella dei Gendarmi. Esaurita la cengia si risale un breve canalino e si prende un’ulteriore cengia verso destra, ove occorre superare un roccione sporgente che permette di accedere al pendio terminale, facile, ma delicato per il ghiaietto e le rocce instabili, nonché i salti di roccia non così distanti come li si vorrebbero. Il ritorno avviene per la stessa via.
Stupendo ambiente dolomitico che vale sicuramente i più famosi gruppi più alti e più a nord: la forcella dei 2 Gendarmi è un posto assolutamente da non perdere, anche se non ce la si sente di salire in vetta, e tutto il percorso dalla forcella successiva alla Croce è stupendo e in ambiente selvaggio e suggestivo, solo da affrontare con prudenza.
Percorso Inedito
29-08-2012
Passo Cibiana (1560) – Forcella Ciavazole (1990) - Croce Giovane Montagna (2220) – Forcella dei 2 Gendarmi (2360)– Sfornioi Nord (2410) e ritorno.
10 Km. circa.
860 metri circa.
Em e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Cima Sfornioi Nord dal Passo Cibiana