Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Sassi di Rocca Malatina anello per Sasso della Croce dal Fontanazzo

Sassi di Rocca Malatina anello per Sasso della Croce dal Fontanazzo

05-06-2016
Il Fontanazzo (430) – Borgo dei Sassi (505) – Sasso della Croce (555) – Borgo dei Sassi (505) – Sentiero Fantastico delle Guglie – Borgo dei Sassi (505) – Il Fontanazzo (430).
7 Km. il percorso pulito, io ne ho fatto circa 9 avendo percorso alcuni tratti due volte.
300 metri circa il percorso pulito, 470 quelli fatti da me.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
T, per turisti, tutto tranne la salita al Sasso della Croce e la discesa sul sentiero Fantastico delle Guglie che sono EE, per escursionisti esperti, essendo quasi interamente attrezzati con cavi e staffe, che, comunque, sono abbondanti e rendono i percorsi sicuri e senza oggettive difficoltà.
da Genova in effetti si tratta di una meta molto distante (290 Km.) e in effetti io ci sono andato da Cremona da cui dista solo, si fa per dire, 149 Km. Descriverò comunque l’itinerario da Genova per coerenza con il resto del sito. Da Genova, quindi, si va in autostrada fino all’uscita di Modena Sud, quindi si prende la SP263 per Spilamberto e Vignola. Giunti a Vignola la si attraversa fino all’incrocio con Corso Italia che imbocchiamo verso sinistra, per poi imboccare via Ponte Muratori (SP569) sulla destra. Giungiamo quindi a Formica, dove imbocchiamo a destra la SP623, e, passato Garofano, lasciamo la SP623 per proseguire invece per Guiglia. Giunti a Guiglia riincrociamo la SP623, che imbocchiamo verso destra e che seguiamo (indicazioni per Zocca) fino al bivio sulla destra per Pieve di Trebbio (indicazioni Pieve e Sassi Rocca Malatina). Imboccato tal bivio giungiamo in breve al centro del parco denominato il Fontanazzo e, pochi metri dopo, ad un ampio parcheggio. Noi invece, direi inspiegabilmente, abbiamo parcheggiato 250 metri prima del centro del parco in un piccolo spiazzo sulla destra che non consente di sostare a più di un’auto.
dal parcheggio, dove abbiamo parcheggiato noi, ma sarebbe meglio indubbiamente proseguire fino a quello ‘ufficiale’, si percorre l’asfalto in salita e si giunge in breve al centro del parco “il Fontanazzo” e, quindi, all’ampio parcheggio, dove prendiamo la strada asfaltata sulla sinistra (Via del partigiano, segnavia e cartelli esplicativi). Dopo 700 metri di asfalto giungiamo ad un bivio dove prendiamo la sterrata di destra che poco più di 500 metri ci porta al Borgo dei Sassi. Qui entriamo in un cancello sulla destra e ci troviamo di fronte ad una biglietteria, dove occorre acquistare un biglietto da 3 euro se si vuole salire in vetta al Sasso della Croce. Saliamo quindi sul percorso attrezzato che prende pochi minuti e quindi torniamo alla biglietteria per la stessa via, usciamo quindi dal cancello e prendiamo la sterrata a destra. Seguiamo quindi la sterrata per circa 450 metri fino a giungere ad un’area picnic sulla destra; qui imbocchiamo una sterrata sulla destra chiusa da una sbarra di legno che in breve ci porta al portale del sentiero fantastico delle guglie, un tempo a pagamento, ora in disuso. Imbocchiamo tale sentiero seguendo i segnavia (tasselli di legno con le iniziali SF), non sempre presenti però; nel dubbio cartelli esplicativi ed attrezzature (cavi e staffe) assai frequenti lungo il percorso ci fanno capire di essere sulla strada giusta. Il sentiero scende fino a raggiungere il torrente a fondovalle che in passato andava guadato su un ponte sospeso detto della Bronda, che però adesso è crollato; si prosegue quindi sul sentiero e si guada a destra di tale ponte, per poi risalire ripidamente sull’altro versante fino a raggiungere una sterrata che imbocchiamo verso sinistra. Giungiamo quindi all’area attrezzata in località Mulino della Riva e al successivo bivio prendiamo a sinistra dirigendoci verso il Borgo dei Sassi. Saliamo quindi lungo la sterrata e torniamo quindi ai tavoli picnic dove abbiamo imboccato il sentiero delle guglie e quindi torniamo sulla strada dell’andata fino al parcheggio (possibile una variante subito dopo il Borgo dei Sassi proseguendo sull’asfalto a destra, invece che sulla sterrata a sinistra).
i Sassi sono indubbiamente belli e scenografici, ma il Sentiero Fantastico delle Guglie non capisco come potesse essere una volta a pagamento perché in effetti non offre quasi niente a livello panoramico: in pratica solo un punto di vista sui Sassi e sicuramente non più bello di quelli goduti gratis…. Probabilmente esplorando a fondo la zona, sia sui sentieri segnati, che magari uscendo fuori sentiero proprio dal sentiero fantastico, si potrebbero trovare altri punti di vista che valgano la pena, ma non è detto. La salita al Sasso della Croce è bella, ma, in definitiva, non offre panorami migliori di quelli che si hanno dai sentieri liberamente percorribili. In conclusione il posto è bello e merita una visita, ma mi è rimasta un po’ di delusione perché mi aspettavo decisamente di più dai sentieri a pagamento (soprattutto da quello che non lo è più), può darsi però che se avessi avuto a disposizione una giornata intera avrei trovato qualche altra vista interessante esplorando tutti gli altri sentieri.
05-06-2016
Il Fontanazzo (430) – Borgo dei Sassi (505) – Sasso della Croce (555) – Borgo dei Sassi (505) – Sentiero Fantastico delle Guglie – Borgo dei Sassi (505) – Il Fontanazzo (430).
7 Km. il percorso pulito, io ne ho fatto circa 9 avendo percorso alcuni tratti due volte.
300 metri circa il percorso pulito, 470 quelli fatti da me.
soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Sassi di Rocca Malatina anello per Sasso della Croce dal Fontanazzo