Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Veireira anello riva sinistra Val Gargassa dal Campo Sportivo

Veireira anello riva sinistra Val Gargassa dal Campo Sportivo

Percorso Inedito
22-03-2009
Campo calcio Rossiglione (315) – Sentiero 3 pallini gialli - Veireira (400) – Sentiero 2 X gialle - Campo calcio Rossiglione (315).
6,5 Km. circa.
350 m. circa.
Andrea, Laura e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Leggi il racconto
EE, per escursionisti esperti il tratto finale attrezzato sul torrente, EE anche la discesa su terreno ripido ed insidioso al punto panoramico per il Barcun da Scignua, tutto il resto E, per escursionisti medi.
Da Genova in autostrada fino a Voltri dove si prende la A26 e si esce a Masone, continuando quindi per Campoligure e Rossiglione, dove si gira a sinistra sulla sp41 per Tiglieto e la si segue per circa 1,7 Km fino ad imboccare una breve discesa sulla sinistra che porta al campo di calcio di Rossiglione. Qui si parcheggia.
dal Campo Sportivo si imbocca il sentiero sulla destra, segnato 3 pallini gialli e lo si segue fino ad un colle soprastante la cresta del Barcun da Scignua (Quota 495 circa), da dove è consigliabile fare un paio di deviazioni: la prima, breve, all’elevazione soprastante, mentre la seconda, che richiede circa 200 m. di sviluppo e 50 di dislivello in discesa, porta a scendere i ripidi prati sottostanti il colletto fino a giungere ad un punto panoramico sul Barcun ed i torrioni di puddinga che gli fanno da corona. Completate le deviazioni si inizia a scendere sempre seguendo i 3 bolli gialli fino ai prati di Veireira, dove imbocchiamo le 2 X gialle che seguono il torrente prima sulla riva destra e quindi sulla sinistra, dove troviamo un primo tratto attrezzato con passerelle e qualche catena, ma decisamente semplice, per poi trovarne un secondo, verso la fine del percorso, sempre attrezzato con catene, un poco più impegnativo, superato il quale arriviamo in breve al parcheggio, costeggiando a sinistra il campo di calcio.
Classico anello della Val Gargassa arricchito della breve, ma interessante, deviazione per il punto panoramico sul Barcun da Scignua.
Percorso Inedito
22-03-2009
Campo calcio Rossiglione (315) – Sentiero 3 pallini gialli - Veireira (400) – Sentiero 2 X gialle - Campo calcio Rossiglione (315).
6,5 Km. circa.
350 m. circa.
Andrea, Laura e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Leggi il racconto
Torna all'escursione

Veireira anello riva sinistra Val Gargassa dal Campo Sportivo


Proprio quando stavo per godermi il meritato riposo post-gita nel Vallon di Groà, arrivano i miei bimbi a pregarmi di portarli da qualche parte l’indomani… Per una volta ne farei anche a meno, volendo riposare le ginocchia, in vista della nuova infiltrazione prevista per martedì, ma se non li porto quando si offrono volontari… Rimangono solo da conciliare le esigenze leggermente differenti: Laura vorrebbe andare subito su un prato e giocare a pallone, Andrea vorrebbe fare una gita lunga, ma tornare presto… Nonostante la difficoltà del problema niente è troppo per la mia esperienza di escursionista consumato (soprattutto sulle ginocchia, appunto…) e decido di portarli in Val Gargassa, oltretutto volevo proprio tornarci per fare l’anello sulla riva sinistra senza nebbia… Domenica, causa partenza ritardata data l’organizzazione all’ultimo momento per la gita non prevista, parcheggiamo presso il campo sportivo di Rossiglione alle 11,30. Da qui decido di passare prima dal sentiero segnato con una e tre palle gialle per toglierci subito il dente della salita non molto gradito alla Laura… Al bivio 3 palle /1 palla (segnato anche come sentiero natura) continuo a seguire le 3 palle, chiedendomi comunque dove vada l’altro sentiero, che prosegue sulla destra , forse sulla cima della Rocca dei Corvi? Sulla Rocca ci sono stato 3 anni fa, salendo senza sentiero dalle 3 palle (subito prima che inizi a scendere verso Veireira), ma non avevo notato alcun sentiero che arrivasse in cima… Rimando comunque la verifica ad una prossima volta, ho già in programma una deviazione e, più di una, non credo che i bambini me la permetterebbero… In breve siamo al colle sopra il Barcun della Scignua, qui ci fermiamo per la prevista deviazione: lascio i bambini e risalgo lungo la traccia sulla sinistra per i pochi metri necessari per arrivare in cima alla piccola elevazione sul colle; da qui inizio la discesa, senza sentiero, verso il Barcun da Scignua; scendo per una cinquantina di metri di dislivello, fino a un punto panoramico che permette di vedere il Barcun affiancato da due bellissimi e imponenti torrioni di puddinga: è, secondo me, il panorama migliore della Val Gargassa, peccato per l’ora tarda e l’inevitabile controluce nelle foto… Probabilmente, da qui, non dovrebbe essere difficile continuare la discesa per arrivare fino al Muso del Gatto (e mi riprometto di farlo prima o poi…), ma la parte più interessante credo di averla fatta e quindi ritorno al più presto dai bambini impazienti. La discesa effettuata non presenta alcuna difficoltà alpinistica, solo un minimo di attenzione nella scelta del percorso tra le rocce friabili e l’erba scivolosa, ma vale sicuramente la pena, veramente bellissima la Val Gargassa, quasi un angolo di California a 2 passi da casa… Proseguiamo quindi verso Veireira, non senza girarmi più volte indietro per ammirare la Rocca dei Corvi e il Barcun da Scignua (in effetti, per una migliore resa panoramica sarebbe meglio percorrere il giro al contrario…) e quindi ci fermiamo sul prato per l’agognata partita di pallone… Dopo un’ora e mezza di sfide, scartata l’ipotesi di ritornare seguendo l’altro versante (è tanto tempo che non lo faccio ed ero un po’ tentato…), torniamo quindi lungo il torrente e in breve siamo alla macchina. Sempre bella e piacevole la Val Gargassa, dovrei però, invece di ripetere tutte le volte gli stessi percorsi, decidermi a provare qualche cosa di nuovo e partire da Rossiglione, dove già cominciano le formazioni di Puddinga, cercando di passare sulla cima del monte triangolare di puddinga che spunta sul versante destro in corrispondenza del tratto del torrente dove ci sono i laghetti verdi (che sia il Monte Nero?) e quindi riagganciarmi al segnavia cerchio giallo tagliato per arrivare a Veireira.