Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Bric Damè anello per Grande Roccia dalla Tenuta Bugastrella

Bric Damè anello per Grande Roccia dalla Tenuta Bugastrella

Percorso Inedito
15-10-2016
Tenuta Bugastrella (620) – Grande Roccia (765) – Cima Giassetti (1080) – Cima del Pozzo (1095) – Bric Sciu Gianche (1160) – Bric Damè (1180) – Tenuta Bugastrella (620).
3 Km. circa il percorso pulito, qualche Km. in più quelli fatti da noi, causa ricerca della Grande Roccia.
700 circa, un po’ di più quelli fatti da noi cercando la Grande Roccia.
Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
tutto E, per escursionisti medi, tranne la salita alla Cima Giassetti (EE, per escursionisti esperti), in cui bisogna usare le mani e l’ultimo salto è un poco esposto.
Da Genova in autostrada fino a Voltri, dove si continua verso ovest per meno di un Km e quindi si svolta a destra per il Passo del Turchino. Raggiunto il passo si prende a sinistra per il Faiallo, Vara e Urbe. Si sale quindi il passo del Faiallo, passando sotto le pendici del Bric del Dente, e quindi si supera il Passo e si scende fino a Vara Superiore prima ed Inferiore poi. A Vara Inferiore si prende a sinistra una stradina asfaltata per Piampaludo e, subito prima di un ponticello, si parcheggia in uno slargo sulla destra (volendo si può anche passare il ponte e proseguire un centinaio di metri per parcheggiare sulla sinistra in uno slargo presso un cartello recante la scritta Tenuta Bugastrella e di fronte a una sbarra che impedisce l’accesso ad una sterrata, ma, nonostante molti lo facciano, si tratta di zona con divieto di sosta).
Dal parcheggio si attraversa quindi il ponte e si prosegue un centinaio di metri su asfalto per prendere quindi a sinistra lo sterrato in corrispondenza del cartello: “Tenuta Bugastrella”. Si supera quindi la sbarra che impedisce l’accesso ai veicoli e si continua sulla sterrata. Si incontra quindi il bivio per la “Grande Roccia”, importante sito di incisioni rupestri si suppone preistoriche, per il quale non dò ulteriori indicazioni, seppure a malincuore perché penso che le bellezze naturali e non siano patrimonio di tutti, perché così mi stato chiesto di fare. Visitata la “Grande Roccia” si torna sulla sterrata principale e la si segue tagliandone i tornanti tramite un sentiero segnato che permette di abbreviare un poco il percorso.A quota 925 circa si abbandona poi definitivamente la sterrata che piega verso sinistra, mentre noi proseguiamo sul sentiero in direzione nord. Il sentiero sale su un bel pendio prativo. A quota 1020 circa incrociamo quindi l’alta via dei Monti Liguri che imbocchiamo verso destra. Dopo poco meno di 500 metri sul crinale possiamo notare sulla sinistra alcuni cumuli di rocce accatastate, quello più alto, sulla destra, costituisce la cima Giassetti che può valer la pena di salire, seppur con prudenza. Per farlo conviene aggirare la sommità lato mare. Ridiscesi dalla Cima Giassetti si continua sull’AVML in direzione ovest e dopo ulteriori 600 metri possiamo deviare pochi metri a sinistra per salire anche sulla Cima del Pozzo. Continuiamo quindi sull’AVML e giungiamo quindi presso un altare e subito dopo al Riparo Cima del Pozzo. Dopo ulteriori 900 metri ci troviamo pochi metri sotto il Bric Sciu Gianche, che raggiungiamo con una breve deviazione a sinistra (prima si trova una croce in legno e quindi si raggiunge la cima su alcune roccette.). Proseguiamo poi ancora sull’altavia per poco più di 200 metri e giungiamo quindi al bivio sulla destra per tornare verso Vara Inferiore; qui proseguiamo invece praticamente senza traccia (direzione ovest) verso l’elevazione dritta davanti a noi, che raggiungiamo in poco più di 300 metri di cammino con qualche decina di metri di dislivello. Sulla Cima troviamo una Madonnina e una scritta che ci chiarisce che siamo sul Bric Damè, dal quale si ha una bellissima vista su Capo Noli e Mele alternati alle Isole Bergeggi e Gallinara. Torniamo quindi dal Bric Damè al bivio in cui abbiamo lasciato l’altavia e prendiamo a sinistra il sentiero per Vara Inferiore. Seguiamo quindi detto sentiero fino alla terza volta in cui incrociamo l’asfalto della stradina per Piampaludo; qui lasciamo il sentiero e proseguiamo a destra sulla stradina e in 600 metri circa giungiamo al parcheggio.
veramente interessanti le incisioni rupestri, tra le più belle della liguria e non solo, poste poi su un masso assai suggestivo, che sembra o è, un meteorite spaccato in due. Molto bello poi anche il percorso di crinale che offre bei panorami verso il mare (soprattutto la vista dal Bric Damè su capi e isole che si alternano) e si sviluppa lungo grandi e rilassanti praterie. Infine quasi inaspettate, e forse per questo più suggestive, le rocce di vetta della Cima Giassetti che rendono più alpestre il morbido panorama appenninico.
Percorso Inedito
15-10-2016
Tenuta Bugastrella (620) – Grande Roccia (765) – Cima Giassetti (1080) – Cima del Pozzo (1095) – Bric Sciu Gianche (1160) – Bric Damè (1180) – Tenuta Bugastrella (620).
3 Km. circa il percorso pulito, qualche Km. in più quelli fatti da noi, causa ricerca della Grande Roccia.
700 circa, un po’ di più quelli fatti da noi cercando la Grande Roccia.
Piera e Soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Bric Damè anello per Grande Roccia dalla Tenuta Bugastrella