Il messaggio è stato inoltrato correttamente!


 - 

Forte Diamante e Forte Fratello Minore da Trensasco

Forte Diamante e Forte Fratello Minore da Trensasco

03-04-2016
Trensasco (370) – Forte Diamante (650) – Forte Fratello Minore (620) – Trensasco (370).
5,5 Km. circa.
400 m. circa.
Piera e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
E, per escursionisti medi, siamo anzi al limite del turistico, ma la salita verso il Forte Diamante è a tratti ripida. Un discorso a parte vale poi per la visita completa ai forti, essendo che per il Diamante occorre scalare un muro di 3 metri, comunque ben appigliato, e per la cima della Torre del Fratello Minore occorre attaccarsi ad una sbarra di ferro per superare un tratto di scale mancanti, si tratta quindi di tratti alpinistici che valuterei almeno F+ (alpinistico facile superiore). Nota a posteriori: attualmente (luglio 2018) il Forte Diamante è aperto e si può entrare senza scalare niente, forse a causa di lavori, ma non è detto ciò rimarrà per sempre possibile.
Dall’uscita dell’autostrada di Genova Est si prende a sinistra verso nord-est sulla sponda sinistra idrografica del torrente Bisagno. Si passa quindi sotto il cavalcavia dell’autostrada e, subito prima di raggiungere un centro commerciale (Centro Bisagno) sulla destra, si svolta a sinistra su un ponte (ponte Guglielmetti) per continuare poi nella stessa direzione sull’opposta sponda del Bisagno. Passiamo quindi un tratto a senso unico e, prima che termini, in corrispondenza di un ponte sulla destra (Ponte Gallo), noi prendiamo invece a sinistra passando a fianco a un supermercato Lidl; all’incrocio successivo proseguiamo dritti seguendo altresì dei cartelli riportanti la scitta: “Rifornimento GPL”. La stretta stradina, dopo un tratto in piano, inizia a salire ripidamente e passa di fronte al distributore di cui ai cartelli per giungere quindi a scollinare in corrispondenza della Baita del Diamante, dove dobbiamo parcheggiare sul bordo della strada, essendo il parcheggio riservato ai clienti. Per il ritorno si può, invece di tornare, per la medesima strada, continuare nella stessa direzione, che la discesa riporta comunque in fondovalle, poco più in su di dove siamo saliti all’andata.
dal parcheggio si imbocca la sterrata che passa davanti alla Baita del Diamante e la si segue per pochi metri, per prendere quindi il sentiero segnato sulla destra, con indicazioni per il Forte Diamante. Il sentiero sale ripido e in breve porta al forte, attualmente chiuso, anche se, con un po’ di coraggio, è possibile entrare scavalcando un muro, che non è più lo stesso che si scavalcava fino all’anno scorso, in quanto quest’ultimo è crollato qualche mese fa. Dal Diamante si continua poi in discesa per giungere quindi ad un colletto da dove si inizia la risalita verso la cima della collina dove sorgeva una volta il Forte Fratello Maggiore. Giunti sulla cima si continua verso destra e in breve si giunge al Forte Fratello Minore, aperto e visitabile, anche se in rovina. Con prudenza è possibile comunque visitarne i sotterranei e, con ancora più prudenza (attaccandosi a una sbarra di ferro visto che le scale sono parzialmente crollate), salire in cima alla torre. Dal Fratello Minore si torna quindi al sottostante colletto, dove si imbocca un sentiero sulla destra che permette di evitare la risalita al Diamante ricongiungendosi più in basso col sentiero da cui siamo venuti.
Classicissima gita che tutti i genovesi hanno fatto almeno una volta nella vita, magari partendo dal Forte Sperone invece che da Trensasco, ma la sostanza non cambia, l’escursione è comunque molto piacevole e panoramica e i Forti e le mura sono indubbiamente un bellissimo ornamento alla città che magari andrebbe conservato un po’ meglio.
03-04-2016
Trensasco (370) – Forte Diamante (650) – Forte Fratello Minore (620) – Trensasco (370).
5,5 Km. circa.
400 m. circa.
Piera e soundofsilence.
Scarica la traccia Gps
Torna all'escursione

Forte Diamante e Forte Fratello Minore da Trensasco