Forti Crocetta e Tenaglia dal Cimitero della Castagna




Domenica 10 aprile 2016: Cimitero Castagna (100) – Forte Crocetta (145) – Forte Tenaglia (200) – Cimitero Castagna (100).


Partecipanti: Piera e Soundofsilence.


Lunghezza: 5,5 Km. Il giro fatto da noi.


Dislivello: 150 metri circa.


Difficoltà: direi tutto E, anche se qualche passaggio cercando di girare intorno ai forti o a cercare un possibile ingresso potrebbe anche essere quasi EE.


Percorso in macchina: dall’uscita dell’autostrada di Genova ovest si imbocca via Cantore verso destra e quindi dopo 200 metri si prende a destra in via San Bartolomeo del Fossato e la si segue fino ad immettersi in via Mura degli Angeli, con la quale arriviamo fino al Cimitero della Castagna dove parcheggiamo.


Percorso a piedi: dal parcheggio continuiamo in direzione ovest lungo via Porta degli Angeli fino a che non notiamo sulla destra salita Bersezio (dove inizia anche un segnavia a 3 pallini rossi), che imbocchiamo. Giungiamo così in breve di fronte al forte in questione e un sentierino sulla sinistra consente di farne quasi completamente il giro, anche se occorre scavalcare un cancelletto improvvisato e, alla fine, per tornare sulla strada bisognerebbe scavalcare un’altra recinzione, cosa che non abbiamo fatto, preferendo tornare indietro, data la breve distanza; in ogni caso il giro del forte non è che sia molto interessante, essendo questo completamente sommerso dalla vegetazione. Torniamo quindi sulla strada e ignoriamo un sentiero sulla destra, che, comunque useremo per il ritorno, continuando invece sulla sinistra lungo la strada principale. Un km. Dopo il forte la sterrata giunge in prossimità di alcune case che si intuiscono tra la vegetazione, qui occorre girare bruscamente a destra su un sentierino in salita, riconoscibile anche per una passerella di legno che si incontra quasi subito. Dopo 300 metri ci troviamo ad un bivio: sulla sinistra il sentiero continua verso gli altri forti e a poca distanza si intravvede il basamento di una rossa torre circolare, mentre noi proseguiamo a destra su una sterrata che dopo poco arriva ad immettersi sull’asfalto; qui, invece di imboccare l’asfalto, continuiamo a destra su una sterrata che dopo poco più di 300 metri arriva di fronte ad un cancello che impedisce di proseguire e giungere al Forte Tenaglia; risalendo comunque la scarpata a sinistra possiamo arrivare ad avere una vista complessiva del forte, ma siamo comunque costretti a riscendere alla strada perché non è possibile continuare molto oltre. Percorriamo quindi la sterrata a ritroso, ma per soli 90 metri, dove troviamo un sottopasso sulla sinistra che riporta sul sentiero segnato 3 pallini rossi che imbocchiamo verso sinistra. In breve ci troviamo a costeggiare le mura del Forte Tenaglia, cosa che possiamo continuare a fare anche quando il sentiero segnato devia verso destra; è possibile infatti girare l’angolo delle mura e continuare, individuando tra l’altro una possibile entrata in corrispondenza di una catasta di rottami (cosa che però non abbiamo avuto tempo di verificare nell’occasione), per poi girare ancora il secondo angolo e proseguire ancora per pochi metri prima di trovare una recinzione insormontabile e comunque in mezzo ad una vegetazione parimenti invalicabile. Torniamo quindi indietro fino a dove abbiamo lasciato il sentiero segnato con 3 pallini rossi e lo seguiamo in discesa fino a rimmetterci sul sentiero dell’andata in corrispondenza del Forte Crocetta, per tornare quindi alla macchina seguendo a ritroso il percorso dell’andata.


Conclusioni: non ero mai salito da ovest ai forti e devo dire che non mi ero perso molto, in effetti questa prima parte della salita (purtroppo non avevamo tempo di proseguire verso Begato, Sperone e così via), non presenta alcun punto di interesse: i forti non sono visitabili e praticamente non si riesce neanche ad averne una vista decente, sommersi come sono tra le proprietà private e\o la vegetazione, un vero peccato che questo patrimonio della città non sia valorizzato adeguatamente, ma sia lasciato invece andare in rovina.




Inizio sentiero tre pallini rossi in via Bersezio



Forte Crocetta



Ingresso Forte Crocetta



Forte Crocetta



Forte Crocetta



Genova dal Forte Crocetta



Mucchio di pietre andando verso Forte Tenaglia



Torretta dal bivio tra Forte Tenaglia e sentiero per Sperone



Bivio sentiero 3 pallini rossi per forte Sperone



Cimitero Castagna e Lanterna da Forte Tenaglia



Genova e Monte Portofino dal Forte Tenaglia



Forte Tenaglia



Forte Tenaglia



Sottopasso di collegamento al sentiero tre pallini rossi



Mura Forte Tenaglia



Sentiero lungo mura Forte Tenaglia



Possibile accesso a Forte Tenaglia



Torre Granara