Forti di Genova: Diamante - Fratello Minore - Puin - Sperone




Mercoledì 21-5-2008: Trensasco – Forte Diamante – Forte Fratello Minore


Partecipanti: Erika e Davide.


Racconto: Gita strappata coi denti tra il maltempo, il vaccino della Laura la mattina alle 8,10 e la recita della Federica alle 14,30…
Parcheggio davanti al bar-ristorante quello che è in cima alla salita di Trensasco, in mezzo a vari cartelli di divieto di sosta e proprietà privata, non ufficiali e che non si capisce bene che zona delimitino, in ogni caso il locale sembra chiuso e spazio ce n’è a volontà, quindi non ci facciamo problemi a parcheggiare. Il sentiero nonostante la grande affluenza che sempre registra (anche stamattina incontriamo parecchia gente…) in certi punti è invaso dalla vegetazione. Ma la sorpresa più brutta è il restauro del forte Diamante: a mio parere è orribile il forte di 2 colori, possibile che non si sia più capaci a usare le pietre? Non potevano semmai restaurarlo solo all’interno o anche lasciarlo com’era dopotutto non è certo più pericolante del fratello minore…
Effetto collaterale del restauro è il nuovo cancello che non permette di entrare dal portone, credo si possa entrare, come si faceva una volta, dal muro di cinta del cortile, in corrispondenza di alcune pietre ammonticchiate per facilitare (non poi tanto però…) la salita, stavolta però, non ce la sentiamo di scavalcare il muro e anzi mi meraviglio di come posso aver fatto tanti anni fa a riuscirci senza problemi (o forse me li sono dimenticati…) e non posso garantire che non vi siano altri ostacoli all’interno che impediscono anche questa via d’accesso.
In ogni caso se ci tornerò ancora mi porterò una scala…
Proseguo poi verso il Fratello Minore e lo trovo perfettamente identico all’ultima volta che c’ero stato, qui non c’è l’ombra di un restauro, eppure le scale del torrione ne avrebbero un certo bisogno, ma, anche qui, forse basterebbe portare un asse di legno e magari anche mettere un materasso sotto…
Vorrei invece dare un’occhiata ai sotterranei, che non ricordo di aver mai visitato, ma la mancanza di una lampada mi fa decidere, dopo qualche tentennamento, per il no, dopotutto anche le scale che scendono non sembrano tanto in buono stato e senza vederci potrei anche riuscire, con un po’ d’impegno, a farmi male…
Ultima nota al ritorno in macchina mi trovo una zecca sui pantaloni, nonostante il tempo non lo testimoni, la stagione è probabilmente troppo avanzata per quote così basse…




Vista Forte Diamante da poco sotto la cima del colle



Colle e Forte Diamante tornando allo Sperone



Forte Diamante da strada per Trensasco più da lontano



Crinale fiorito verso Forte Diamante



Cespugli gialli e Erika di spalle salendo al Diamante



Fratello Minore e Diamante da sotto



Diamante da sotto



Fratello minore salendo al Diamante



Forte Sperone dal Diamante



Fratello minore attraverso breccia in mura Diamante



Crinale e sentieri dal Diamante



Cortile interno Diamante



Fratello minore primo piano dal Diamante



Fiancata ovest Diamante e crinale verso Fratello minore



Diamante dal colle prima del Fratello Minore primo piano



Diamante dal Fratello maggiore primo piano



Diamante visto da fuori con buchi nelle mura



Diamante dal Fratello maggiore primo piano più da lontano



Fratello minore dal maggiore primo piano



Fratello minore dal maggiore



Fratello minore dal maggiore più da vicino



Fratello minore visto di fronte



Diamante dal Fratello minore primo piano più da lontano



Diamante visto da fuori con buchi nelle mura più da vicino