Grotte del Frascarese




Sabato 23 Settembre 2016: Campegli (250) – Chiesa Sant’Elena (260) – Grotta Prima Ciappa (415) – Grotta delle Fate (440) – Campegli (250).


Partecipanti: Piera e Soundofsilence.


Lunghezza: 10 Km. Circa, oltre 13 quelli fatti da me per esplorazioni varie.


Dislivello: 500 m. circa, quasi 800 quelli fatti da me in varie esplorazioni.


Difficoltà: EE le deviazioni per le grotte l’eventuale visita delle stesse (per le quali necessita comunque essere attrezzati di casco e lampade) che sono su sentiero molto ripido, anche se, soprattutto per quanto riguarda la grotta delle Fate, decisamente addomesticato con gradini e corrimano, sui quali comunque occorre non fare troppo affidamento, niente di difficile in ogni caso, solo un percorso più accidentato e scomodo del resto della gita che è tutta di livello E, se non T, svolgendosi per la maggior parte su strade asfaltate e sterrate.


Percorso in macchina: Da Genova a Sestri Levante in autostrada, dove prendiamo per Casarza Ligure e, ivi giunti dopo pochi Km., dobbiamo proseguire ancora per poco più di un Km. per prendere quindi a sinistra per Campegli (immediatamente dopo al bivio per Bargone, località di partenza per le gite al Treggin) e quindi proseguire sulla strada asfaltata verso l’Agriturismo del Monte Pù. Ci fermiamo quindi presso un cartello che indica 3,5 Km al predetto agriturismo, ed esattamente di fronte ad una sterrata sulla sinistra, qui troviamo spazio appena sufficiente a parcheggiare, con attenzione, a destra della carreggiata.


Percorso a piedi: Continuiamo quindi per circa 180 metri in salita sulla strada asfaltata, per prendere quindi a destra una stretta stradina, sempre asfaltata, in discesa verso la Chiesa di Sant’Elena, che in breve si raggiunge. Si continua quindi a scendere sulla stretta stradina per immettersi quindi su una più larga strada, che imbocchiamo verso sinistra. Percorriamo quindi ulteriori 500 metri su asfalto e quindi prendiamo a sinistra una strada sterrata (anzi nel primo tratto cementata) in salita. Dopo un Km. la sterrata si divide in due e noi proseguiamo sulla destra; quindi dopo ulteriori 500 metri incrociamo il sentiero per il Monte Pù e Lenzano proveniente da San Pietro Frascati ma noi continuiamo dritti sulla sterrata e, dopo ulteriori 700 metri circa, presso un pannello esplicativo sulle Grotte del Val Frascarese, troviamo una esile e infrascata traccia sulla sinistra, da seguire per visitare la Grotta della Prima Ciappa Superiore, come d’altronde specificato nello stesso pannello. Seguiamo quindi la ripida traccia fino ad un tornante, dove un cartello in legno ci indica appunto di compiere il tornante svoltando a sinistra. Proseguiamo quindi più in piano fino all’ultima rampa finale molto ripida, ma dotata di gradini e corrimano in legno. La Grotta ha due ingressi comunicanti, per entrare nei quali occorre praticamente strisciare, per accedere quindi a una stanza un poco più alta che permette di stare in ginocchio. La grotta poi, da quanto letto in vari siti speleo, dovrebbe proseguire per un centinaio di metri, ma vi è subito una strettoia che ho preferito, nell’occasione, anche in mancanza di informazioni in merito, non provare a forzare. Si torna quindi per il medesimo percorso fino al cartello e si riprende a seguire la sterrata. Dopo ulteriori 650 metri di sterrata, incontriamo una deviazione segnalata sulla sinistra per la Grotta delle Fate e per il Monte Pù, ma noi non l’abbiamo imboccata subito, preferendo invece continuare per ulteriori 400 metri di sterrata onde fermarci a mangiare presso un tavolo picnic; dopo pranzo siamo quindi tornati indietro 400 metri e abbiamo imboccato la deviazione per la grotta. Dopo 500 metri circa di sentiero un cartello, non molto visibile a dire la verità, indica di deviare a sinistra in discesa per la Grotta delle Fate. Incontriamo quindi subito un tavolo picnic e, quindi, dopo 90 metri di ripida discesa, attrezzata con gradini e corrimano di legno, il sentiero termina di fronte alla piccola imboccatura della Grotta Inferiore delle Fate. Per entrare si striscia per alcuni metri e quindi si accede ad una più ampia sala concrezionata. La Grotta poi proseguirebbe in salita verso il vicino ingresso superiore, ma il percorso non sembra molto facile e probabilmente richiede attrezzatura speleo, mi sono fermato dunque a questa prima sala. Visitata la grotta si torna quindi al soprastante sentiero che si imbocca verso sinistra e lo si segue fino al suo termine che coincide con l’immissione in un’ampia sterrata che imbocchiamo brevemente verso destra, per prendere subito, sempre a destra, il sentiero segnato per il Monte Pù (anche se le tempistiche indicate credo siano riferite, più che al Monte vero e proprio, direi all’omonimo Agriturismo). Il sentiero segnato, in alcuni punti poco evidente (fare attenzione ai segnavia) ci riporta in circa 700 alla strada asfaltata su cui abbiamo parcheggiato, la imbocchiamo quindi verso sinistra e la percorriamo in discesa per circa 2 Km per giungere quindi alla macchina.


Conclusioni: giro in effetti non molto interessante, giustificato solo dalla visita alle grotte, anch’esse comunque non particolarmente spettacolari, anche se la Tana delle Fate presenta qualche interessante concrezione e le le due entrate della Prima Ciappa sono comunque carine; esisterebbe nelle vicinanze, oltre all’ingresso Inferiore della Prima Ciappa e a quello superiore delle Fate che non ho comunque avuto occasione di ricercare non avendo indicazioni in merito e dato il terreno non propriamente semplice attorno alle grotte in questione, una ulteriore grotta, la fontana che bolle, che però non ho trovato avendo sul gps un waypoint sbagliato.




Chiesa Sant'Elena di Campegli vista di lato



Grotta Prima Ciappa Superiore



Uscita Grotta Prima Ciappa Superiore



Cunicolo Grotta Prima Ciappa Superiore.jpg



Grotta delle Fate Inferiore



Uscita Grotta delle Fate Inferiore



Concrezioni in Grotta delle Fate Inferiore più da lontano



Concrezioni in Grotta delle Fate Inferiore



Primo piano concrezioni in Grotta delle Fate Inferiore



Concrezioni in Grotta delle Fate Inferiore più da lontano



Corridoio Grotta Inferiore delle Fate