Rifugio Padre Rino dal Passo del Faiallo




Domenica 14 ottobre 2012: Passo del Faiallo (1050) – Rifugio Argentea (1070) – Rifugio Padre Rino (900) e ritorno.


Partecipanti: Erika, Federica e Davide.


Lunghezza: 9,5 Km. A/R.


Dislivello: 450 circa A/R.


Difficoltà: E, non segnalato il bivio tra la vetta dell’Argentea (a sinistra) e la discesa per il Rifugio Padre Rino (a destra), questa forse l’unica difficoltà del percorso.


Percorso in macchina: da Genova in autostrada fino all’uscita di Voltri, quindi si prosegue sull’Aurelia in direzione ovest per circa 850 metri e, quindi, si gira a destra, seguendo le indicazioni per Masone, Ovada e il Passo del Turchino. Si prosegue quindi fino al semaforo subito prima della galleria del Passo del Turchino e qui si prende a sinistra per il Passo del Faiallo. Arrivati al Passo si parcheggia presso la stradina asfaltata sulla sinistra che porta al Rifugio Ristorante Faiallo.


Percorso a piedi: Si prende la stradina per il Rifugio Faiallo e la si segue fino allo stesso; qui iniziano, verso sud, le segnalazioni dell’altavia e le si seguono in tale direzione. Si giunge quindi a una casa nel bosco, dove l’AVML piega a sinistra in salita. Si raggiunge quindi, in breve, il vasto altopiano che continua fino a Prà Riondo e si prosegue sull’AVML fino a quando si arriva in vista del Rifugio Argentea, che si raggiunge con una breve deviazione sulla sinistra (sono presenti 2 diverse tracce, ma è possibile anche raggiungerlo senza sentiero). Dal Rifugio il sentiero segnato prosegue in direzione sud e dopo 150 metri si biforca: a destra si scende al Rifugio Padre Rino e a sinistra si sale, in breve, sulla vetta del Monte Argentea (1082).


Conclusioni: gita molto breve fatta per partecipare al raduno annuale di quotazero. Si tratta comunque di un’escursione piacevole sul vasto altopiano prativo che caratterizza la zona e che offre bei panorami, soprattutto sulla zona di Capo Noli che sembra dividere il mare in 2, punteggiato dalle due isole di Bergeggi e della Gallinara. Merita sicuramente una salita al vicinissimo Monte Argentea, cosa che non abbiamo effettuato in questa occasione sia perché lo scopo era un altro, sia per il meteo decisamente inclemente, cosa tutt’altro che rara in queste zone.




Bric Camulà Bergeggi Capo Noli e Mele dal Rifugio Padre Rino con meno cielo sopra



Convento del Deserto e Monte di Portofino dall'Altavia



Altopiani sommitali dall'altavia



Bergeggi Capo Noli Gallinara e Capo Mele dall'Altavia



Alberi sporgenti sul blu dall'altavia