Anello Monte Lesima dai Piani di Lesima




Giovedì 8 giugno 2017: Piani di Lesima (1190) – Passo la Colla (1335) – Monte La Colla (1400) – Monte Terme (1460) – Monte Tartago (1675) – Monte Lesima (1715) – Piani di Lesima (1190).


Partecipanti: Maury76 e soundofsilence.


Lunghezza: 10,2 Km. circa.


Dislivello: 650 circa.


Difficoltà: tuto E.


Percorso in macchina: Da Genova si segue la SS45 (Via Emilia) per Piacenza, passando da Bargagli, Scoffera, Torriglia, Montebruno Si passa quindi la località i Due Ponti e si ignora il bivio a sinistra per Cassingheno, proseguendo per la SS45 e raggiungendo il successivo paesino di nome Loco, dove ignoriamo a destra il bivio per Fontanigorda, e successivamente, quello per Rovegno, quindi attraversiamo Gorreto e Ottone, e, poco meno di £km. dopo quest’ultima località, prendiamo a sinistra per Zerba. Giunti a Zerba prendiamo a destra, dopo il paese, la stretta stradina per i Piani di Lesima. Percorriamo quindi la stradina fino a giungere all’Agriturismo “Sulla via del Sale” ai Piani dei Lesima e qui parcheggiamo.


Percorso a piedi: Prendiamo la sterrata di fronte, seguendo le indicazioni per il Passo la Colla, dato da qui a 50 minuti. Dopo 500 metri circa ignoriamo un bivio sulla sinistra e continuiamo dritti sulla sterrata, fino a raggiungere l’asfalto in corrispondenza del predetto Passo la Colla. Qui, subito prima dell’asfalto, prendiamo il sentiero a sinistra che in breve ci porta in vetta al Monte la Colla e, quindi, continuando sul crinale, fino al Monte Terme, da cui possiamo scorgere tutto il successivo percorso di cresta fino alla vetta del Lesima, inconfondibile col suo “pallone” bianco in cima. Dal monte Terme continuiamo sempre sul crinale, ignorando un bivio a destra in discesa, per giungere quindi in vetta al Monte Tartago, ormai vicini alla meta. Dal Monte Tartago scendiamo quindi brevemente fino all’asfalto della stradina di servizio per la postazione radar posta in vetta, e la seguiamo fino in cima. Dalla vetta scendiamo sull’altro versante (direzione sud) seguendo il sentiero segnato. Dopo 1,2 Km. circa troviamo due bivi a destra per Zerba, ma noi continuiamo invece a sinistra, giungendo, dopo circa 1 Km., sull’asfalto della strada che abbiamo percorso in macchina; imbocchiamo quindi la strada verso sinistra e la seguiamo fino al parcheggio (quasi 2 Km e mezzo).


Conclusioni: gita fattibile comodamente in mezza giornata, come d’altronde abbiamo fatto noi, che offre un bel percorso di crinale su prati, mi dicono, con spettacolari fioriture (noi forse non abbiamo beccato il periodo giusto), peccato per il grande cupolone in vetta, comunque caratteristico.




Appezzamenti salendo al Passo la Colla



Monte Lesima salendo al Passo la Colla



Crinale erboso verso il Monte Terme



Sentiero percorso dal Monte Terme



Lesima dal Monte Terme



Lesima dal Monte Terme più da lontano



Lesima dal Monte Terme



Prati sotto il Monte Terme



Appezzamenti salendo al Tartago



Crinale verso Monte Tartago



Crinale percorso con Monte Terme e Cima Colletta salendo al Targago



Crinale e Monte Tartago



Crinale e Monte Tartago più da lontano



Monte Tartago



Monte Tartago e Lesima che spunta



Albero secco Tartago e Lesima



Botton d'Oro e appezzamenti avvicinandosi al Monte Tartago



Crinale salito dal Motne Tartago



Lesima e strada andandovi



Maury andando al Lesima



Lesima andandovi



Strada e Lesima



Strada e Lesima



Croce vetta Lesima



Maury e Croce vetta Lesima vista verticale



Zerba dal Lesima



Prati scendendo dal Lesima



Parete est Lesima scendendo



Prati e Zerba scendendo dal Lesima più da vicino



Sentiero e parete est Lesima scendendo



Parete est Lesima seminascosta scendendo più da lontano



Prato giallo e boschetto di abeti tornando ai Piani di Lesima