Bric delle Camere e Monte Cravì




Lunedì 5 aprile 2010: Ponte di Zan - Caprieto - Bric delle Camere - Caprieto - Monte Cravì -Castello della Pietra - Ponte di Zan.


Partecipanti: Andrea89 e Soundofsilence.


Lunghezza: 18 Km.


Dislivello: 800 metri circa.


Difficoltà: E, forse EE la salita al Monte Cravì, soprattutto per l’orientamento. La salita al Monte Cravì si svolge in effetti su percorso non segnato (solo 2 frecce di legno in tutto il percorso) e su traccia solo a tratti individuabile, aiuta però la linea di cresta che costituisce praticamente il percorso da seguire sempre. Nessuna difficoltà tecnica invece, solo un po’ ripida in alcuni punti la cresta del Cravì.


Percorso in macchina: Da Genova in autostrada (A7) fino a Isola del Cantone; da qui fino a Vobbietta e quindi al Ponte di Zan. Per parcheggiare si trovano vari slarghi prima e dopo il ponte, noi abbiamo parcheggiato poco prima sulla sinistra (proveniendo da Isola) a fianco a un muro di cemento, dove trovano spazio 2 auto.


Percorso a piedi: Il sentiero parte dalla Sp8 poco dopo il Ponte di Zan, segnato con un rombo giallo vuoto e la parte iniziale è su asfalto e porta ad una casa dove termina l’asfalto e si gira a destra lasciando la strada che continua sterrata. Si segue il Rombo Giallo, che, nella prima parte, offre belle viste sul Castello della Pietra, fino al paese di Caprieto, dove lo si abbandona per seguire il punto e linea, sempre giallo, che arriva fino in vetta al Bric delle Camere, mentre il rombo continua verso l’Antola. Da Caprieto in poi belle viste sulla Catena dell’Antola e più a nord fino al Giarolo, mentre a sud la vista è nobilitata dallìinconfondibile sagoma del Reopasso e a ovest, in giornate limpide come oggi , si vedono le alpi fino al Monviso. Dalla vetta il panorama è limitato, purtroppo, verso nord dalla vegetazione, spostandosi un poco però siamo riusciti a scorgere il Monterosa, mentre nelle altre direzioni la vista scorre libera fino al mare a sud, al Lesima a est e al Monviso a ovest.
Si ritorna quindi a Caprieto per la stessa strada. In alternativa si potrebbe scendere dalla vetta verso est, seguendo il cerchio giallo vuoto, che scende prima a Marmassana e poi a Vobbietta e quindi chiudere l’anello con un lungo tratto di Sp8. Noi abbiamo scelto di tornare a Caprieto nella speranza di altre belle visuali sul Castello della Pietra e, poi, da Marmassana ero già salito anni fa.Poco dopo Caprieto altra possibilità di percorso alternativo per il ritorno è offerta dalla deviazione per Case Busti che compie un anello un po’ più lungo; ancora poche centinaia di metri e, proprio quando il sentiero inizia a scendere si può deviare a sinistra sulla cresta di puddinga per dirigersi verso il Monte Cravì di cui si scorge la cima in lontananza. Per arrivare in cresta non vi è alcuna traccia, occorre scegliere quindi il punto più comodo, ma si tratta comunque di pochi metri.
Dalla cresta si prosegue sul filo fino ad incrociare sulla destra, dopo poco, una traccia di sentiero abbastanza evidente, che se è quella giusta, porterà dopo 200 metri, a una freccia di legno con scritto Monte Cravì e, poco dopo, a una successiva senza nessuna scritta. Da qui in poi nessun altro segnavia fino alla Vetta: la traccia resta comunque, per un bel tratto, abbastanza evidente, e segue, abbastanza fedelmente, il filo di cresta. Nell’ultima parte vi sono più tracce, ma tutte molto poco evidenti e conviene risalire il pendio verso la vetta a vista, tenendo sempre come riferimento il filo di cresta. La vetta è purtroppo completamente boscosa e il panorama si intravvede appena; molto migliore vista, soprattutto verso nordest, si gode invece dall’inizio della cresta testè percorsa. Breve giro, poi, sotto la vetta alla ricerca dei famigerati "crepacci": troverò qualcosa a circa 50 metri a sudest della vetta, ma la "cosa" in questione non mi lascia del tutto soddisfatto, né convinto; ci vorrebbe più tempo per esplorare la zona, ma io ho lasciato Andrea al bivio e non posso farlo aspettare troppo , sarà per un’altra volta.
Dalla vetta si potrebbe probabilmente scendere direttamente verso il Castello della Pietra, senza dover ritornare indietro, ma non ho tempo per avventure e ritorno per la stessa strada. Ritornati quindi sul rombo giallo si prosegue per 370 metri circa e si giunge ad un bivio: a destra il sentiero dell’andata e a sinistra si scende verso il Castello della Pietra; in questo punto è presente anche una piccola freccia in legno rivolta verso l’alto (est) della stessa foggia di quelle incontrate andando al Cravì ma senza nessuna scritta, il che mi fa pensare, che, forse, il sentiero ‘vero’ parta da qua, anche se di tracce vere e proprie non se ne vedono…
Si imbocca quindi la discesa verso il Castello della Pietra che, oltre a qualche veduta insolita sul Castello, presenta qualche tratto leggermente esposto ed è segnata abbondantemente con macchie gialle. Si arriva quindi ad un bel dosso di puddinga con fantastica vista sul castello della Pietra e i torrioni ‘di profilo’ e da qui in poi ci si immette sull’’autostrada’ di accesso al mirabile maniero; in breve si giunge quindi alla Sp8 e si chiude l’anello.


Racconto: Ci sono certe cose che mi mettono in crisi nel profondo…Tutti noi siamo convinti di essere coerenti ai nostri principi, di agire secondo quello che diciamo e pensiamo, capita però che quando si passa dalla teoria alla pratica le cose cambino leggermente…
Per ‘fortuna’, molte volte, non me ne accorgo nemmeno, capita, però, come dicevo, la volta che, invece me ne accorgo e, in quei casi, la mia autostima rischia di crollare come un castello di carte…Più volte in questi miei racconti ho espresso nostalgia per la mancanza di compagnia nelle mie gite, più volte ho espresso nel forum di Quotazero il desiderio di trovare amici per le mie escursioni; i nodi però, a volte, vengono al pettine, così quando l’amico si trova davvero invece di essere contenti iniziano i dubbi: dubbi sul dover scendere a compromessi sulla destinazione, sul percorso, sui tempi di percorrenza, sull’ora di partenza…
Forse che più che un amico desideravo una ubbidiente copia di me stesso? Allora sarebbe come andar da soli anche in compagnia… 
L’amicizia sarà pure compromesso ma è, anche, e, soprattutto, arricchimento, forse non l’ho capito ancora bene se tendo a preferire di fossilizzarmi solo sui miei progetti e le mie idee…
Sarà per questo che spesso sono solo, sarà perché, invece di pentirmi per la mia incoerenza, incomincio a pensare che è colpa degli altri: sono loro che si approfittano, a volte, un po’ di me facendosi vivi solo quando il percorso li interessa e declinando l’offerta quando non sono interessati…Indubbiamente questo è il modo giusto di pensare: il modo giusto di pensare per rimanere soli…
Dopo tanti dubbi, questa volta, almeno, ho scelto l’amicizia e ne sono contento…Tornando invece alla gita in concreto si può dire che si tratta di un bel giro per completare/giustificare la visita al Castello della Pietra che resta, comunque, il piatto forte del percorso e che permette, comunque di apprezzarlo da più lati, anche se il miglior punto panoramico sulla fortezza rimane quello che si gode dal poco distante sentiero dell’Acquapendente.
Il resto del percorso è piacevole soprattutto quando, come oggi, una spruzzata di neve sulla catena dell’Antola crea contrasti di colore con i bei prati verdi sottostanti, spesso però la vista, come sulla vetta, è coperta/limitata dagli alberi. In zona mi rimarrebbe da percorrere la Costa delle Scabbie che potrebbe offrire, forse, ancora nuovi, panorami sul Castello, ma il sentiero, segnato sulle cartine, ho qualche dubbio sia attualmente tracciato e mantenuto, non avendo trovato alcuna traccia né indicazione, pur avendovi prestato una discreta attenzione; mi sono però segnato, a posteriori, i waypoint di inizio e fine sentiero e, quando ricapito da quelle parti controllerò meglio…




Vista da Bric delle Camere su Monte Reale sulla sinistra serie crinali e nebbie pianura



Vista da Bric delle Camere su Monte Reale sulla destra serie crinali e nebbie pianura



Castello della Pietra dal Ponte di Zan



Castello della Pietra salendo verso Caprieto



Castello della Pietra salendo verso Caprieto molto più da vicino



Castello della Pietra salendo verso Caprieto più da vicino



Rocche Reopasso salendo a Caprieto più da vicino



Monte Reale con Marittime sulla destra salendo a Caprieto



Alpi Marittime tra Tobbio e Reale salendo a Caprieto



Monte Ebro e Chiappo spuntano dietro colline



Monte Ebro e Chiappo spuntano dietro colline primo piano



Monte Ebro e Chiappo spuntano dietro colline molto più da vicino



Monte Ebro e Chiappo spuntano dietro colline più da vicino



Monte Buio innevato da Caprieto



Monte Buio innevato da Caprieto più da lontano



Monte Buio innevato da Caprieto più da vicino



Monte Buio innevato da Caprieto ancora più da vicino



Monte Lesima inizia a spuntare da Caprieto



Reopasso andando verso Bric delle Camere



Ebro e Chiappo a sinistra Lesima a destra salendo al Bric delle Camere



Ebro e Chiappo salendo al Bric delle Camere



Antola e Buio da Bric delle Camere



Monviso dal Bric delle Camere



Monviso dal Bric delle Camere più da vicino



Monviso dal Bric delle Camere primo piano



Antola dal Bric delle Camere



Primo piano Lesima dal Bric delle Camere



Primo piano Antola dal Bric delle Camere



Ebro Chiappo e Cavalmurone tornando a Caprieto



Castello della Pietra da dietro ancora più da vicino



Castello della Pietra di profilo da punto panoramico



Castello della Pietra di profilo da punto panoramico più centrale



Castello della Pietra di profilo da punto panoramico vista verticale



Castello della Pietra di profilo da sotto



Castello della Pietra di profilo da sotto vista verticale



Castello della Pietra da sotto di fronte



Castello della Pietra da sotto di fronte più da lontano



Castello della Pietra da punto panoramico



Castello della Pietra da punto panoramico più da lontano