Rocciamelone dal parcheggio di La Riposa




Mercoledì 8 agosto 2012: Park la Riposa (2070) – Rifugio Cà d’Asti (2854) – Rocciamelone (3538) – Rifugio Cà d’Asti (2854) – Park la Riposa (2070).


Partecipanti: Aldo51, Arietina e Soundofsilence.


Lunghezza: 11 Km circa a/r.


Dislivello: 1470 circa.


Difficoltà: In condizioni ottimali (senza neve o pioggia) per me è E: la parte finale è ripida, ma sempre larga e camminabile e le corde poste a corrimano non sono affatto necessarie, inoltre il percorso è sempre segnalatissimo e non vi è possibilità di sbagliare; certo bisogna tenere conto dell’alta quota che può complicare le cose e che non rende consigliabile la salita a chi non abbia alcuna esperienza di montagna, ma resta il fatto che la valutazione fa fatta nelle migliori condizioni possibili e, in tali condizioni, problemi non ce ne sono, a parte la fatica per il dislivello e la quota.


Percorso in macchina: da Genova fino a Voltri con la A10 e quindi si prende la A21fino ad Alessandria, dove si prende la A26 per Torino. A Torino si segue la tangenziale per prendere poi la A32 per Bardonecchia. Si segue quindi la A32 fino a Susa, dove si esce. Dallo svincolo si prende la SS25 verso sinistra (in direzione Susa) e 500 metri circa dopo il supermercato Lidl si svolta a destra in via Fiume, quindi si prosegue per Urbiano (seguendo comunque le già presenti indicazioni per il Rocciamelone). Giunti a Urbiano si imbocca la stretta stradina che sale, in circa 20 Km, ai 2070 metri del parcheggio della Riposa; gli ultimi 3-4 Km sono sterrati, ma in buone condizioni. E’ possibile proseguire oltre il parcheggio (che si trova presso la partenza della teleferica per il Rifugio), anche se la sterrata sembra diventare più libera e giungere fino al parcheggio del Rifugio La Riposa (2200 circa), anche se qualche relazione che ho letto su internet parla di divieto di transito 1 Km prima del Rifugio, ma io non l’ho visto, mentre vi ho visto macchine parcheggiate.


Percorso a piedi: Subito dopo il parcheggio iniziano i segnavia, sulla sinistra, e ci sono cartelli indicatori per il Rifugio Cà d’Asti e il Rocciamelone. Dopo poco si incontra, presso una fontana, il bivio per La Riposa sulla destra, dove quindi proseguiamo a sinistra per il Rifugio Cà d’Asti. Si trova poi un bivio con cartelli che indicano a sinistra percorso corto e a destra percorso lungo, ma non si tratta altro che di una scorciatoia, che, comunque, conviene imboccare perché fa risparmiare circa 300 metri senza alcuna controindicazione. Di qui in poi varie tracce e scorciatoie si incrociano, ma tutte arrivano al Rifugio Cà d’Asti.
Dal Rifugio la traccia diventa unica e più ripida, ma 250 metri dopo il rifugio il sentiero segnato compie una curva a sinistra per evitare il punto più ripido del filo di cresta, ma vi è comunque una traccia che permette di seguirlo e di risparmiare circa 400 metri. Ritornati sul filo di cresta (poco sotto a dir la verità), lo si segue fino alla cupola sommitale, dove iniziano anche le corde fisse, che, in breve, portano al rifugio posto pochissimi metri sotto la vetta e, quindi, tenendosi alla destra dello stesso, sulla vera vetta.
Il ritorno avviene per lo stesso percorso.


Conclusioni: diciamo che non mi ha entusiasmato, ma lo immaginavo: indubbiamente bello e ampio il panorama di vetta, impreziosito dal sottostante, seppur un po’ malridotto, ghiacciaio, però la salita è un po’ monotona: dalla partenza già si vede tutto il percorso e il panorama non cambia molto, bella comunque la cresta che si percorre (quasi) dal Rifugio in poi.




Cappelletta presso Rifugio Cà d'Asti e Monviso



Cappelletta presso Rifugio Cà d'Asti e nebbie montanti molto più da vicino



Monviso dal Rifugio Cà d'Asti più da vicino



Monviso salendo al Rocciamelone



Cupola sommitale Rocciamelone



Sentiero in cresta sud Rocciamelone con Monviso sullo sfondo



Ghiacciaio Rocciamelone sovrastato dal Charbonnel



Ghiacciaio Rocciamelone sovrastato dal Charbonnel più da vicino



Ghiacciaio Rocciamelone primo piano



Ghiacciaio Rocciamelone primo piano più da vicino



Monviso nella nebbia dal Rocciamelone



Gruppo Ecrins dal Rocciamelone



Lac du Mont-Cenis spunta dal Rocciamelone



Croce bivacco in vetta Rocciamelone e Monviso nella nebbia



Monviso nella nebbia dal Rocciamelone ancora più da vicino



Gran Paradiso nella nebbia tra Uja Ciamarella e Punta Arnas dal Rocciamelone



Giusalet e Aiguilles d'Arves dal Rocciamelone primo piano



Lago glaciale primo piano dal Rocciamelone



Gran Paradiso e Punta d'Avril scendendo dal Rocciamelone



Lago nella nebia scendendo dal Rocciamelone più da vicino



Cresta di discesa Rocciamelone con Monviso sullo sfondo ancora più da vicino



Sentiero in discesa da cresta Rocciamelone e Monviso sullo sfondo



La Crocetta con Monviso sullo sfondo



La Crocetta con Monviso sullo sfondo più da lontano