Monte Scaletta dal Colle della Maddalena




Sabato 25 Luglio 2015: Colle della Maddalena (1970) – Lago dell’Oronaye (2400) – Col di Roburent (2515) – Colle Scaletta (2630) – Monte Scaletta (2840) e ritorno.


Partecipanti: Aldo, Giuseppe, Stefania, Gheroppa, Piera, Kay e soundofsilence.


Lunghezza: 15,5 Km.


Dislivello: 960 m.


Difficoltà: Tutto E, tranne la salita al Monte Scaletta che è EE per qualche tratto stretto, ripido e scivoloso. Occorre illuminazione nella galleria sul sentiero per la vetta.


Percorso in macchina: Da Genova fino a Savona sull’Autostrada dei Fiori, poi fino a Mondovì sulla Savona Torino. Da Mondovì si segue per Cuneo e, poi, per Borgo San Dalmazzo e il Colle della Maddalena. A Borgo San Dalmazzo si devia a destra per Demonte e il Colle della Maddalena, strada che si segue fino al valico in terra Francese. Dal colle si scende per circa 1 Km, dove si prende a destra una breve rampa sterrata e si parcheggia appena sopra la strada.


Percorso a piedi: Dal parcheggio si prende a destra il sentiero per il Colle di Roburent. Si sale quindi in direzione nord-est seguendo il corso del torrente Oronaye. A quota 2280 circa si incontra il bivio sulla sinistra per il Colle delle Munie, mentre noi continuiamo a destra, con il sentiero che, poco dopo, piega decisamente in tale direzione. La traccia prosegue ora più pianeggiante nei magnifici prati dove si adagia lo splendido Lago dell’Oronaye che in breve raggiungiamo. Dal Lago si prende a salire un po’ più ripidamente verso il Colle di Roburent. Giunti al Colle si scende una quarantina di metri e poi si lasciano a sinistra le tracce che scendono al Lago Superiore di Roburent, per riprendere invece a salire verso sinistra. Il sentiero quindi piega decisamente a sinistra e si fa più ripido dirigendosi verso il Colle Scaletta. Incontriamo subito a sinistra il poco evidente Bivio per il Vanclava, che passa accanto a una caserma soprastante la traccia che stiamo percorrendo; noi continuiamo invece per il Colle Scaletta, dove svoltiamo a destra sulla traccia di vetta. Dopo poco più di 250 metri di ripido sentiero incontriamo l’imbocco di una galleria in cemento che dobbiamo percorrere. La Galleria è lunga circa 50 metri ma compie una curva verso sinistra e quindi rende necessario l’uso di una qualche illuminazione, non indispensabile il casco, ma usarlo non fa mai male… Dopo la galleria il sentiero si fa in genere meno ripido anche se si deve affrontare un breve canalino di pochi metri in cui ci si aiuta con le mani, ma è comunque molto facile e per niente esposto. Gli ultimi metri sono poi ancora più semplici e in breve si è in vetta. Dalla vetta si possono scendere pochi metri verso sud (direzione opposta a quella da cui siamo venuti) per fare una interessante visita a un’altra breve galleria che sbuca in un punto altamente panoramico a picco sui Laghi di Roburent. Da qui si può tornare per la galleria o prendere a sinistra per roccette per tornare in vetta. Il ritorno si effettua lungo il medisimo percorso.


Conclusioni: Gita stupenda in un ambiente incantevole, bellissimi i prati che si risalgono fino al magnifico Lago dell’Oronaye a cui fanno da corona le guglie dell’omonimo monte; bellissimi anche i Laghi di Roburent e il panorama di vetta oltre che sui laghi, offre un’altrettanto incomparabile viste sulla Rocca la Meja, a cui fanno da corona in quadro quasi irreale, le dentellate creste della Rocca Brancia e dell’Oserot e i “crateri” sottostanti il Passo della Gardetta.




Oronaye salendo al Lago



Anticima e guglie Oronaye da sotto



Bec du Lievre andando al Lago Oronaye



Lago dell'Oronaye più da lontano



Lago dell'Oronaye



Lago dell'Oronaye più da vicino



Lago Oronaye da sopra con sullo sfondo Bec du Lievre e Meyna



Lago Oronaye da sopra con sullo sfondo Bec du Lievre e Meyna più da vicino



Lago Oronaye da sopra con sullo sfondo Bec du Lievre e Meyna più da lontano



Lago Oronaye da sopra con sullo sfondo Bec du Lievre e Meyna più da vicino



Vetta Oronaye spunta dai prati



Tete de Feuillas salendo al Col di Roburent



Lago di Roburent Superiore



Lago di Roburent Superiore più da lontano



Lago di Roburent salendo al Colle Scaletta



Lago di Roburent avvicinandosi al Colle Scaletta



Caserma sotto il Vanclava



Caserma sotto il Vanclava e Lago Roburent Superiore



Tete du Coin de l'Ours e Siguret salendo allo Scaletta



Lago Roburent Superiore salendo allo Scaletta



Tunnel andando allo Scaletta



Laghi di Roburent Inferiori salendo allo Scaletta



Lago di Roburent Superiore dallo Scaletta più da lontano



Laghi di Roburent Inferiori salendo allo Scaletta



Rocca la Meja e Rocca Brancia dallo Scaletta



Rocca la Meja e Rocca Brancia dallo Scaletta



Rocca la Meja dallo Scaletta



Rocca Brancia e Oserot dallo Scaletta



Monviso dallo Scaletta



Laghi Inferiori Roburent da uscita tunnel in cima allo Scaletta



Oronaye scendendo dallo Scaletta



Uscita galleria scendendo dallo Scaletta



Monte Vanclava



Prati scendendo dal Col di Roburent con Bec du Lievre e Meyna sullo sfondo



Lago Oronaye con Bec du Lievre e Meyna sullo sfondo



Lago Oronaye con Bec du Lievre e Meyna sullo sfondo più da lontano



Lago dell'Oronaye a pelo d'acqua



Gregge attraversa il sentiero tornando verso il Colle della Maddalena