Anello Monti Ruissas Savi e Salè dal Colle Valcavera




Sabato 26-10-2019: Colle Valcavera (2415) – Monte Ruissas (2505) – Colle Serour (2440) – Monte Savi (2620) – Colle Serour (2440) - Monte Salè (2630) – Colle Serour (2440) – Gias Salè (2115) – Colle Valcavera (2415).


Partecipanti: Em, Ornella, Daniela, Stefania, Maury76 (http://finoincima.altervista.org/) e soundofsilence.


Lunghezza: 17,3 Km. circa.


Dislivello: 1200 m. circa.


Difficoltà: EE la salita e la cresta del Monte Ruissas, per ripida prati senza traccia la prima, stretta ed un poco esposta la seconda; EE anche la salita al Monte Salè, su traccia ripida e non sempre evidentissima. Tutto il resto E.


Percorso in macchina: Da Genova a Savona con l’A10, quindi con la Savona-Torino fino a Mondovì. Da Mondovì si segue per Cuneo e, poco prima di entrarvi, si svolta a sinistra per Borgo San Dalmazzo. A Borgo San Dalmazzo si prende a destra per Demonte, dove si arriva dopo una quindicina di Km. Poche centinaia di metri dopo il centro di Demonte si trova la deviazione a destra per la Val d’Arma (segnalata) e la si imbocca, proseguendo dritti fino al Colle Valcavera, dove parcheggiamo nel poco spazio presente sulla destra.


Percorso a piedi: dal parcheggio prendiamo la strada ancora per poco asfaltata, che scende davanti a noi, e sulla sinistra rispetto a quella che stavamo percorrrendo, verso i ruderi delle Caserme Bandia, e dopo neanche 100 metri, la lasciamo, per prendere a sinistra il sentiero segnato per il Gias Serour, compiendo subito un tornante che ci fa tornare indietro paralleli e sopra alla strada appena percorsa. Percorriamo quindi il sentiero sotto le pendici del Monte Ruissas e, dopo poco meno di 600 metri, lo abbandoniamo per risalire per ripidi prati verso un colletto erboso posto una cinquantina di metri sopra di noi. Raggiungo il colletto, percorriamo la cresta verso destra, fino alla vetta del Monte. Torniamo quindi sui nostri passi riscendendo fino al sentiero segnato (in alternativa sembrerebbe possibile continuare in cresta fino a che questa non si congiunge col sentiero) e riprendiamo a percorrerlo verso destra. Il sentiero procede quindi lungamente a mezzacosta e pressochè in piano tagliando il versante nord del Monte Omo, per poi curvare a destra ed iniziare a perdere quota con alcuni tornanti. Arriviamo quindi ad incrociare il sentiero che dal Gias Serour va al Monte Omo, lasciando prima a destra il bivio in salita per il monte e, quindi, dopo pochi metri, quello a sinistra in discesa per il Gias Serour, continuando invece dritti sul sentiero P12 per il Colle Serour. Poche centinaia di metri dopo i bivi testè nominati il sentiero smette di scendere ed inizia a salire invece verso il predetto Colle, che raggiungiamo a quota 2440 circa. Dal Colle prendiamo quindi a sinistra e saliamo l’evidente crinale verso la cima del Monte Savi. Giunti in vetta torniamo al Colle e prendiamo il sentierino in direzione opposta che sale verso il Monte Salè. Il sentiero aggira il roccioso versante sud, per poi salire più facilmente da ovest, risalendo alla fine un ripido ma facile canalino. Salita anche questa seconda vetta torniamo al Colle e prendiamo a destra il sentiero in discesa nel Vallone degli Spagnoli, che seguiamo fino a raggiungere una sterrata a quota 1950 circa. Iniziamo quindi a seguire la sterrata verso destra in salita, passando prima a destra di una malga con fonte e quindi di un laghetto. Lasciamo quindi la sterrata a sinistra, per seguire i segnavia che la scorciano. Dopo oltre 400 metri ci ritroviamo quindi sulla sterrata, per lasciarla definitivamente a sinistra dopo altri 200, dove prendiamo invece a destra per il Colle Valcavera. Il sentiero sale quindi fino ad un’altra sterrata che imbocchiamo brevemente verso destra, per poi tagliare via subito il vicino tornante col sentiero segnato e giungere quindi in un centinaio di metri al Colle Valcavera, ove è posto il bivio per il Gias Serour imboccato all’andata; ignoriamo tale bivio a destra ed in meno di 100 metri di strada percorsi sui passi dell’andata, ci ritroviamo al parcheggio.


Traccia GPS: Savi e Salè (Per scaricare la traccia fate click col tasto destro sul link e selezionate “Salva link con nome”)


Conclusioni: bello soprattutto il roccioso Monte Salè, tutto il resto un poco al di sotto delle aspettative che una zona stupenda come quella intorno alla Meja indubbiamente sono alte. Non voglio dire quindi che non sia una bella gita, ma ho preferito indubbiamente le recenti fatte in zona al Bodoira e alla Cima Piconiera.




Becco Grande spruzzato di neve dal Colle Valcavera



Doline al Colle Valcavera



Doline e strada salendo dal Colle Valcavera



Cupola sommitale Monte Ruissas



Laroussa Corborant Ischiator Tenibres e Cima Piconiera salendo al Monte Ruissas



Cima Piconiera davanti a Corborant Ischiator e Tenibres salendo al Monte Ruissas



Becco Grande salendo alla Cima Piconiera



Testa di Bandia e Bodoira dal Monte Ruissas



Becco Grande dal Monte Ruissas



Doline dal Monte Ruissas



Doline dal Monte Ruissas più da vicino



Pareti Monte Ruissas e vista con Becco Alto d'Ischiator



Bodoira e Testa di Bandia scendendo dal Monte Ruissas



Monte Ruissas e Becco Grande scendendo



Marittime con Argentera e Matto andando al Passo Serour



Monte e Rocca Salè andando al Passo Serour



Rocca Salè andando al Passo Serour



Rocca Salè andando al Passo Serour primo piano



Torrioni salendo al Passo Serour più da vicino



Torrioni salendo al Passo Serour più da lontano



Passo Serour salendovi



Monte Salè dal Passo Serour



Monte Savì dal Passo Serour



Monte Nebius dal Passo Serour



Rocca la Meja e Chambeyron dal Passo Serour



Monte Salè dal Passo Serour più da lontano



Monte Salè dal Passo Serour più da lontano



Monte Salè salendo al Savi



Oriol Matto e Rocca Valmiana salendo al Savi



Salè Meja e Becco Grande salendo al Savi



Becco Alto d'Ischiator salendo al Savi



Oriol Matto e Rocca Valmiana salendo al Savi



Arrivando in vetta al Savi



Monviso dal Savi



Monviso e Punta Tempesta dal Savi



Monte Salè con sullo sfondo Oronaye Meja e Becco Grande dal Savi



Monte Nebius con sullo sfondo Ischiator e Tenibres dal Savi



Oriol Matto Rocca Valmiana e Paur dal Savi



Croce vetta Monte Savi e vista da Meja a Monviso



Croce vetta Monte Savi con sullo sfondo Monte Salè



Monte Nebius salendo al Salè



Corborant Ischiator e Tenibres salendo al Salè



Rocca la Meja e Becco Grande salendo al Salè



Vista da Oronaye a Rocca Salè salendo al Monte



Rocca Salè e Monviso salendo al Monte



Monte Salè salendovi più da vicino



Torrioni salendo al Salè più da vicino



Doppia vetta Monte Salè



Torrioni Monte Salè visti di profilo con Oronaye Chambeyron e Meja sullo sfondo



Croce vetta Salè con Monviso sullo sfondo più da vicino



Croce vetta Salè con Monviso sullo sfondo più da lontano



Rocca la Meja e Becco Grande dal Salè



Monte Savi dal Salè



Rocca Salè con sullo sfondo Meja e Becco Grande dal Monte



Oronaye dal Salè



Vista da Oronaye a Monviso da Monte Salè



Croce vetta Monte Salè



Chambeyron Meja e Becco Grande dal Salè



Cime rocciose dal Vallone degli Spagnoli



Alberi multicolori scendendo Vallone degli Spagnoli più da vicino



Alberi multicolori con Cima Piconiera e Becco Grande sullo sfondo



Alberi multicolori con Cima Piconiera e Becco Grande sullo sfondo più da vicino



Alberi multicolori e Becco Grande



Alberi multicolori e Becco Grande più da lontano



Larice giallo e Cima Piconiera



Alberi multicolori verso il fondovalle scendendo Vallone degli Spagnoli



Alberi multicolori verso il fondovalle scendendo Vallone degli Spagnoli più da vicino



Rocca Salè risalendo verso Colle Valcavera ancora più da lontano



Laghetto risalendo verso Colle Valcavera



Rocca Salè riflessa in laghetto



Rocca Salè riflessa in laghetto



Rocca Salè riflessa in laghetto



Doline risalendo verso Colle Valcavera



Sterrata e Becco Grande risalendo verso Colle Valcavera