Lough Hyne da Skibbereen




Lunedì 14 marzo 2016: Skibbereen (10) – Lough Avilliheen (70) – Ballyally Lough (20) - Lough Hyne (30) – Ballyally Lough (20) - Lough Avilliheen (70) - Skibbereen (10)


Partecipanti: soundofsilence.


Lunghezza: Io ho percorso 25 Km, ma indubbiamente se ne potevano fare molti meno e con più risultati, ma trovandomi in posti sconosciuti e senza mappa qualche errore di percorso ci può anche stare….


Dislivello: 400 metri circa quello fatto da me, ma anche qui poteva essere molto meno.


Difficoltà: Diciamo E, anche se la maggior parte del percorso è su strada, al massimo sterrata e si potrebbe parlare di un T, ma la lunghezza, nonché le difficoltà di orientamento e anche di spostamento (per il fango e i recinti elettrificati e non) nei tratti in cui si lasciano le strade segnalate, mi fanno propendere per una valutazione meno semplice del percorso, anzi direi che per la salita alla grande croce si sconfina anche nell’EE causa i problemi nel reperimento di una via di passaggio.


Percorso a piedi: da Skibbereen si imbocca la R595 per Baltimore e la si segue per circa 3,3 Km, fino al bivio a sinistra per Lough Hyne, che imbocchiamo. Seguiamo quindi la nuova strada per 1,6 Km circa, qui troviamo un bivio in salita sulla sinistra, su strada sterrata, che io ho deciso di imboccare, incuriosito dalla grande croce in cima ad una collina che da qui si può notare, deviando così dal percorso diretto per Lough Hyne, decisione che magari mi farà scoprire alcune cose interessanti, ma sicuramente perderne alcune che lo erano anche di più…. A posteriori, davanti ad una cartina, ho potuto notare che le due cose si potevano anche mettere insieme, peccato sarà per un’altra volta. Tornando al percorso la sterrata sale per poco più di un km fino ad arrivare nei pressi di un allevamento, qui ci si può immettere sull’adiacente strada asfaltata e imboccarla verso sinistra. Siamo poco sopra il Lough Avilliheen, che già abbiamo potuto notare dalla sterrata, e per salire alla grande croce sopra di noi dobbiamo scavalcare una specie di cancello sulla destra poco prima di arrivare esattamente sopra il predetto lago. Riguardo allo scavalcamento di questo cancello non mi è parso fosse una cosa proibita perché, contrariamente ad altri in zona, non vi era nessun divieto né avviso di proprietà privata e anzi mi è sembrato che vi fosse, sulla destra dello stesso, una prevista, seppur non agevolissima, possibilità di passaggio, ma, naturalmente ne so poco delle usanze del posto e posso anche sbagliarmi. Scavalcato comunque il cancello\recinto si attraversa un terrapieno e si procede poi a vista verso la grande croce, cercando di seguire una tra le varie tracce di qui in poi presenti; la cosa non è facilissima perché si rischia spesso di sprofondare nel fango o ci si trova attorniati da recinti elettrificati, comunque in genere facilmente scavalcabili. Si arriva quindi alla vetta e alla grande croce in cemento (alta 4 metri circa) che la sovrasta, di cui purtroppo non so il nome, non essendo presente sulla mia mappa e non essendo riuscito ad ottenere indicazioni in merito dai pochi locali che ho incontrato. Per la discesa ho cercato di seguire la traccia più evidente, il che ha semplificato un poco le cose, ma non ha evitato del tutto i problemi con il fango e le recinzioni, segno che il posto non è molto frequentato, nonostante l’imponenza della croce. Tornato comunque sulla strada asfaltata in corrispondenza del Lough Avilliheen, decido di seguirla verso sinistra (sud). La strada asfaltata dopo poco meno di 1,5 Km ci porta al Lago Ballyally, che costeggiamo sulla destra, per giungere quindi dopo circa 500 metri, al mare, con vista sulll’isola Bullock. Torniamo quindi indietro fino al Lago Ballyally e, poco prima della metà dello stesso, imbocchiamo una strada sulla sinistra che dopo circa 500 metri sembra terminare in corrispondenza del cancello di una “farm”; in realtà vi è un passaggio sulla destra che permette di continuare su un sentiero assai fangoso, da quale però si ha un gran bella vista sul Lough Hyne e, proseguendo (cosa che purtroppo non ho fatto, non così sicuro si trattasse proprio di un sentiero e non di una colata di fango….) se ne arriva a toccare le acque.in corrispondenza dell’emissario che si getta in mare. Da qui in ogni caso occorre tornare indietro fino alla strada che costeggia il Lago Ballyally e imboccarla verso sinistra; percorsi poco più di 500 metri su detta strada, conviene prendere una sterrata sulla sinistra che in poco meno di 700 metri porta a dei recinti, presso i quali mi sono fermato e sono tornato indietro, ma che invece avrei dovuto scavalcare per giungere in breve alla strada che costeggia il lago e permette poi di imboccare il sentiero che sale al monte Knockomagh, che in realtà era la mia meta. Purtroppo però ignoravo di essere così vicino alla strada e sono tornato indietro, non volendo attraversare proprietà private se non sicuro che fosse necessario, e ho cercato altre vie di passaggio che però non mi hanno portato da nessuna parte Sono quindi tornato sulla strada fino al Lago Avilliheen e da qui ho proseguito dritto, invece di scendere alla strada sottostante da cui ero venuto (e che portava comunque al monte Knockomagh, sicchè traversando le proprietà di cui prima avrei potuto compiere un assai remunerativo anello), incontrando poi, dopo circa 900 metri dal lago, un bivio dove è indifferente prendere a sinistra o a destra, entrambe le strade portano sulla R595 da cui siamo partiti.


Conclusioni: ho sicuramente trovato un punto di vista inusuale, e comunque meritevole, sul Lough Hyne e “conquistato” una “prestigiosa” quanto sconosciuta vetta, ma non abbastanza panoramica per i miei gusti, essendo troppo lontana dal mare, ma ho putroppo invece mancato la salita al monte Knockomagh dal quale avrei potuto ammirare la conformazione della frastagliatissima costa, un vero peccato, colpa indubbiamente dell’essermi dimenticato di portarmi una mappa, nonché del fatto che avevo a disposizione solo mezza giornata, spero indubbiamente di poter tornare e completare degnamente il percorso, che avrebbe sicuramente meritato.




Rudere presso Lough Avilliheen



Grande croce sopra Lough Avilliheen



Panorama da vetta sopra Lough Avilliheen



Mare dalla grande croce sopra Lough Avilliheen



Grande croce sopra Lough Avilliheen



Lough Avilliheen



Mucche al pascolo andando a Ballyally



Lough Ballyally



Lough Ballyally



Mare e Bullock Island



Approdo e isola Bullock



Mare e Bullock Island



Fine strada e approdo



Pecore andando a Lough Hyne



Lough Hyne



Lough Hyne



Lough Hyne Rapids



Lough Hyne



Prato e Lough Hyne



Prato e Lough Hyne



Lough Avilliheen



Lough Avilliheen



Lough Avilliheen