Arma delle Fate e Andrassa da Campagna




Giovedì 31 marzo 2016: Manie (285) – Andrassa da Campagna (285) – Arma delle Fate (240) – Manie (285).


Partecipanti: Sibonluk, Philip, Soundofsilence.


Lunghezza: 1,5 Km.


Dislivello: 50 m circa.


Difficoltà: E, anche se con qualche difficoltà d’orientamento per reperire l’Andrassa da Campagna e la stessa Arma delle Fate, trattandosi di sentieri comunque non segnati. EEA (necessarie lampade e preferibilmente tuta) la visita all’interno dell’Arma delle Fate che prevede alcuni passaggi stretti e uno in particolare di 3 metri circa in cui occorre strisciare.


Percorso in macchina: Da Genova in autostrada fino a Spotorno. Da Spotorno si prende a destra la SP8 per Vezzi Portio e Finale e la si segue per circa 4 Km, dove si svolta a sinistra sulla SP54 per le Manie che si deve seguire per 7,7 Km circa. Non è facile però individuare il punto in cui parte il sentiero vicino al quale parcheggiare. Provo a dare alcuni riferimenti: dopo poco più di 7 km dall’imbocco della SP54, dovremmo notare la trattoria il Gambero Verde, qui siamo quasi arrivati, il punto di inizio del sentiero dista circa 500 metri ancora; non ci resta che individuare un’area disboscata sulla destra per fare spazio ai pali dell’Enel. Per parcheggiare vi sono alcuni piccoli slarghi che non consentono la sosta a più di una macchina, ma che di solito sono liberi; noi abbiamo parcheggiato poco più di 100 metri prima dell’inizio del sentiero testè descritto, esiste comunque uno slargo un pò più vicino e delimitato sulla destra da grosse pietre, proprio nel punto in cui inizia il sentiero per l’Arma delle Fate.


Percorso a piedi: Dalla radura descritta sopra ci dirigiamo verso il primo palo della luce per circa 30 metri, quindi pieghiamo a sinistra su una traccia non evidentissima.e la seguiamo per 70 metri circa; qui, sulla destra si individua una traccia in discesa che in 30 metri circa porta sull’orlo della voragine dell’Andrassa da Campagna. Torniamo quindi sui nostri passi fino alla radura e continuiamo dritti per 40 metri circa, dove imbocchiamo il bivio sulla sinistra. Il sentiero procede in leggera discesa a fianco di pareti rocciose presentanti parecchi antri e buchi, per giungere quindi all’ampia entrata dell’Arma delle Fate (muro e cancello soprastante, ma assente nella parte inferiore): La visita della grotta è molto semplice speleologicamente parlando, ma per un escursionista è bene affrontarla con precauzioni e rispetto (con più fonti di luce, non da soli, e magari con tuta e guanti). La grotta è lunga circa 250 metri e il percorso è obbligato quindi non si corre il rischio di perdersi, anche se può capitare, data l’angustia di alcuni punti del percorso, di confondere passaggi impraticabili con la via giusta, ma con un minimo di calma l’orientamento è facile e aiutato anche da segnavia fosforescenti. Il ritorno avviene lungo lo stesso percorso. E’ possibile accedere all’Arma delle Fate anche dal Ponte delle Fate in Val Ponci, 50 metri prima di tale ponte venendo da sud vi è infatti un sentierino che in circa 350 metri arriva alla Grotta da sotto.


Conclusioni: per chi vuole avvicinarsi al mondo della speleologia indubbiamente l’Arma delle Fate è un’ottima palestra e, seppur semplice, non va sottovalutata da chi non sia esperto. Occorre quindi non affrontarla da soli (in grotta è obbligatorio essere sempre almeno in due) ed essere dotati di lampade e pile (cariche) di riserva. Oltre a ciò può essere opportuno indossare una tuta e dei guanti di gomma, non indispensabili, ma sicuramente utili. La grotta non presenta tantissime concrezioni, a parte nella sala finale che indubbiamente un po’ ne ha, ma è sicuramente suggestiva e vale lo sforzo di strisciare per alcuni metri. Impressionante poi la voragine dell’Andrassa da Campagna, non visitabile però senza corde e strumenti di risalita speleo.




Andrassa da Campagna



Andrassa da Campagna più da vicino



Pali luce ad inizio sentiero per Andrassa da Campagna



Barca abbandonata su sentiero per Arma delle Fate



Riparo Arma delle Fate



Grotta vicino all'Arma delle Fate



Grotta vicino all'Arma delle Fate più da lontano



Pareti presso ingresso secondario Arma delle Fate



Uscita Arma delle Fate



Interno Arma delle Fate



Ometto ad indicare il percorso in Arma delle Fate



Interno Arma delle Fate



Interno Arma delle Fate



Interno Arma delle Fate



Interno Arma delle Fate



Piccole stalattiti in Arma delle Fate



Grossa colonna gialla in Arma delle Fate



Colonna inclinata prima di entrare in sala finale Arma delle Fate



Stalattiti e concrezioni ocra in Arma delle Fate



Concrezioni a batuffolo in Arma delle Fate



Strati di Stalattiti bianche ocra e grigie in Arma delle Fate



Cristalli di quarzo in Arma delle Fate



Colonna bicolore davanti a cunicolo Arma delle Fate



Colonna dopo cunicolo in Arma delle Fate



Colonna e soffitto concrezionato prima di sala finale Arma delle Fate più da vicino



Colonna prima di sala Finale e volta concrezionata Arma delle Fate vista da sinistra



Primissimo piano colonna prima di sala Finale Arma delle Fate vista da sinistra



Primo piano colonna prima di sala Finale Arma delle Fate vista da sinistra



Colonna all'accesso sala terminale Arma delle Fate vista da sopra



Colonna all'accesso sala terminale Arma delle Fate vista da sotto