Grotta di Sant’Antonino da Case Valle




Sabato 3 novembre 2018: Case Valle (145) – Chiesa Sant’Antonino (185) – Grotta Sant’Antonino (180) - Chiesa Sant’Antonino (185) - Case Valle (145).


Partecipanti: Stefs e soundofsilence.


Lunghezza: 2,2 Km. circa.


Dislivello: 50 m. circa.


Difficoltà: Tutto E il sentiero. Per quanto riguarda la grotta, oltre usare l’attrezzatura normale speleo (casco, lampade con illuminazione e pile di riserva), consiglierei l’uso di 3 corde di circa 10 metri. I punti problematici in effetti sono due, ma sul secondo conviene attezzare, prima di scendere, due diverse vie, che conviene fare la discesa a sinistra e la salita a destra. Il primo punto difficile è costituito dal un primo saltino di 5-6 metri in cui la prima parte risulta un po’ scomoda e la seconda un po’ scivolosa, non impossibile da fare senza corda, specie in salita, ma in discesa la consiglierei. Il secondo punto critico è nettamente il più difficile: qui, a sinistra, troviamo una strettoia quasi verticale di un paio di metri, mentre a destra vi è un salto di parimenti un paio di metri. Io consiglierei per la discesa di calarsi a sinistra, che, lasciandosi andare (meglio con l’ausilio di una corda) si tocca terra senza problemi. La risalita per la stessa via risulta invece estremamente problematica, io in effetti non ci sono riuscito, non essendoci lo spazio per tirarsi su, ma, forse, una persona più bassa potrebbe riuscirci. Il saltino invece sulla sinistra in salita, è comunque difficile e occorre issarsi sul ripiano con la pancia e poi spingere coi piedi sul soffitto, molto meglio comunque aiutarsi con una corda, per un passaggio che valuterei alpinisticamente come equivalente ad un IV grado. Il resto della grotta è abbastanza facile e paragonabile ad un EE.


Percorso in macchina: Da genova in autostrada fino all’uscita di Finale Ligure. Dallo svincolo ci si immette sulla sp490 che si imbocca verso sinistra in discesa verso il mare. Dopo 1,5 Km circa si prende a sinistra per Finalborgo e si gira immediatamente nuovamente a sinistra di fronte alla porta del borgo per continuare sulla sp17 in direzione parallela e opposta alla sp490 appena percorsa. Dopo 2 Km. circa imbocchiamo una stretta stradina in salita sulla destra (Indicazioni x Osteria Castel Gavone e Azienda Turistica 5 Campanili). Percorriamo la predetta stradina per circa 1,5 Km arrivando quindi alla Chiesa di Perti, dove troviamo un cartello segnalante divieto di cricolazione ai non residenti, che però è più un pro forma per evitare responsabilità da parte del Comune, visto che tutti passano tranquillamente oltre e non vengono assolutamente date multe; proseguiamo quindi oltre per 1 Km circa, dove in corrispondenza di alcune case sulla destra (Case Valle) parcheggiamo negli appositi spazi (non molti comunque, conviene arrivare presto). Ultimamente però tali posti sono stati riservati ai residenti, è bene quindi continuare fino al primo slargo a lato della strada, dove parcheggiamo (noi abbiamo proseguito circa 400 metri e parcheggiato in uno slargo a destra, presso un piccolo cancello.


Percorso a piedi: dal parccheggio torniamo indietro fino a Case Valle, dove si prende il sentiero segnato (3 bolli rossi) sulla destra e lo si segue in salita fino ad un valico; qui lasciamo il sentiero segnato per prendere una chiara traccia a destra che sale sulla massima pendenza (comunque modesta). Passiamo prima attraverso i ruderi delle mura del Castrum Perticae e, poco dopo, giungiamo alla Chiesa di Sant’Antonino. Entriamo quindi nella chiesa e scendiamo alla cripta al piano inferiore, dove troviamo l’entrata della grotta. Percorriamo quindi il primo tratto di grotta, piuttosto semplice, fino ad un primo salto, che conviene attrezzare con corda, sfruttando una delle colonne in loco. Sceso il primo saltino diviso in due parti che sommano circa 8 metri, giungiamo nella sala più interessante della grotta. Da qui si puà continuare a sinistra per una strettoia verticale, o a destra, per un salto di un paio di metri. Qui, come già spiegato nella sezione “difficoltà”, conviene assicurare entrambe i passaggi, che poi in salita può essere molto difficile risalire dalla stessa parte. Si giunge quindi alla parte terminale caratterizzato da un grande deposito liscio e tondeggiante di calcite. Qui è possibile continuare ancora qualche metro tramite una strettoia sulla destra. Il ritorno avviene per la stessa via, perlomeno fuori dalla grotta.


Traccia GPS: Grotta Sant’Antonino (Per scaricare la traccia fate click col tasto destro sul link e selezionate “Salva link con nome”)


Conclusioni: Grotta facile da raggiungere e con percorso molto breve, gita quindi adatta ad una mezza giornata o da abbinare con qualcuna delle altre numerosissime meraviglie in loco. La grotta è abbastanza concrezionata e merita la visita, anche se le difficoltà nel percorrerla non sono trascurabili, bellissima e suggestiva poi la Chiesa di Sant’Antonino.




Bianche concrezioni in inizio Grotta Sant'Antonino più da vicino



Bianca e tozza stalattite in inizio Grotta Sant'Antonino



Grossa colonna in inizio Grotta Sant'Antonino



Cunicolo iniziale Grotta Sant'Antonino



Concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antonino parte sinistra



Concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antonino parte sinistra



Concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antonino vista globale



Buchetto in concrezione sala principale Grotta Sant'Antonino



Primo piano concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antonino



Corda su primo salto in Grotta Sant'Antonino



Primo salto in Grotta Sant'Antonino



Colonna in sala principale Grotta Sant'Antonino



Concrezioni a destra salto in sala principale Grotta Sant'Antonino



Due piccole stalattiti bianche tra colonnine in Grotta Sant'Antonino



Colonna e concrezioni in saletta a destra sala principale Grotta Sant'Antonino



Corridoio in Grotta Sant'Antonino



Colonna e corridoio in Grotta Sant'Antonino



Strettoia in Grotta Sant'Antonino



Buchetto sopra deposito di calcite in parte finale Grotta Sant'Antonino



Stalattiti spezzate di alabastro in ultima sala Grotta Sant'Antonino



Strettoia finale in Grotta Sant'Antonino



Colonnine di alabastro in ultima sala Grotta Sant'Antonino



Concrezioni e buchi in ultima sala Grotta Sant'Antonino



Colonnine alabastro in parte finale Grotta Sant'Antonino



Strettoia in Grotta Sant'Antonino vista verticale con Luce Stefs sopra



Passaggio alternativo a strettoia per parte finale Grotta Sant'Antonino



Concrezioni in corridoio Grotta Sant'Antonino



Drappeggi spezzati in corridoio Grotta Sant'Antonino



Grosse concrezioni bianche in corridoio Grotta Sant'Antonino



Primo piano colonnine bianche in corridoio Grotta Sant'Antonino



Stefs in corridoio Grotta Sant'Antonino



Grosse concrezioni bianche in corridoio Grotta Sant'Antonino più da lontano



Doppia passaggio verso parte finale Grotta Sant'Antonino



Parte bassa primo salto Grotta Sant'Antonino



Colonna in sala principale Grotta Sant'Antonino



Concrezioni in saletta a destra sala principale Grotta Sant'Antonino



Concrezioni in saletta a destra sala principale Grotta Sant'Antonino senza flash



Piccole stalattiti in volta Grotta Sant'Antonino



Concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antonino vista globale



Concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antonino più da vicino



Concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antoninosenza flash



Parte bassa primo salto Grotta Sant'Antonino da sopra



Primissimo piano concrezioni bianche in sala principale Grotta Sant'Antonino



Grossa colonna in inizio Grotta Sant'Antonino più da vicino



Grossa colonna in inizio Grotta Sant'Antonino



Uscita Grotta Sant'Antonino



Uscita Grotta Sant'Antonino più da vicino



Entrata Grotta Sant'Antonino



Entrata Grotta Sant'Antonino più da vicino



Scala a piano superiore in cripta Grotta Sant'Antonino senza flash