Grotta dei Bausi Rusci




Sabato 16 gennaio 2010: Grotta dei Bausi Rusci


Partecipanti: Maury76, Soundofsilence


Lunghezza: 800m. A/R + 50 metri in grotta.


Dislivello: 100 m.


Difficoltà: E, il percorso molto breve potrebbe far propendere per un T, ma il sentiero in alcuni punti stretto e un poco dissestato o non pulito e l’accesso alla grotta su terreno abbastanza ripido e, infine, l’utilità (anche se non strettamente indispensabile data la brevità della grotta) di munirsi di lampada frontale mi fa decidere per l’E.


Racconto: Gita in appendice alla magnifica esplorazione dal Salto del Lupo alla Punta Alzabecchi: tante volte sono passato dalle Cave Marchisio e ho ammirato la grande apertura nella parete di fronte, sormontata da un’ardita guglia dolomitica…
Queste cose non mi lasciano insensibile e sempre ho progettato di farci un salto, non trovandone mai il tempo…
Oggi il momento è venuto: parcheggiata la macchina presso la cava, risaliamo per poche centinaia di metri la SP60 fin dove la strada passa sopra un rio; sulla destra si intravvede un sentierino sorretto da muri a secco: lo imbocchiamo in direzione sud-est, in pratica tornando indietro per un tratto, e ne seguiamo gli ampi tornanti, non sempre evidenti, ma la grotta, sempre visibile, ci guida con sicurezza. La grotta è breve e non concrezionata, ma è bella l’apertura, affiancata, tra l’altro da un bel foro circolare, che offre un panorama sui dipinti rupestri della cava dirimpetto. La salita è valsa la pena, ma aver avuto il tempo per tornare alla Giara sarebbe stata un’altra cosa…




Grotta Bausi Rusci dalla strada



Grotta Bausi Rusci da sotto



Doppia apertura Bausi Rusci e Cave Marchisio più da destra



Colata concrezionale in Bausi Rusci più da lontano



Galleria Bausi Rusci più scura



Doppia apertura Bausi Rusci e Cave Marchisio più da vicino



Doppia apertura Bausi Rusci e Cave Marchisio più da vicino più da destra



Doppia apertura Bausi Rusci e Cave Marchisio più chiara più da vicino